Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Per Pompeo la Palestina non esiste: «L’Aia tratta Israele ingiustamente» | il manifesto

Israele/Palestina. Dopo l’annuncio della capo procuratrice della Corte penale di aprire un’inchiesta sui crimini israeliani, Washington si schiera con Tel Aviv. Dibattito aperto sulla questione della giurisdizione, ma un territorio sovrano c’è

Chiara Cruciati

Non poteva che essere Mike Pompeo il prescelto dall’amministrazione Trump per commentare la decisione della capo procuratrice della Corte penale internazionale di indagare Israele per crimini di guerra. Lui, il segretario di Stato Usa che appena un mese fa dichiarava che per la Washington trumpiana le colonie israeliane nei Territori occupati palestinesi sono legali.

Ieri, a poche ore dall’annuncio di Fatou Bensouda, Pompeo riproponeva l’identica posizione israeliana, espressa venerdì dal premier Netanyahu: la Palestina non è uno Stato, per cui non può rivolgersi all’Aia. Lo dice il ministro degli esteri della nazione che, insieme a Israele, non è nemmeno membro della Cpi. Troppo pericoloso, farsi giudicare.

«Ci opponiamo fermamente a questa e a ogni altra azione che mira a trattare Israele ingiustamente – ha detto Pompeo – Non crediamo che i palestinesi possano qualificarsi come Stato sovrano».

Chissà che ne pensa Khalida Jarrar, parlamentare del Fronte popolare per la Liberazione della Palestina, ri-arrestata per l’ennesima volta un mese fa come punizione per il suo lungo lavoro a favore dell’apertura di un’inchiesta dell’Aia sui crimini israeliani.

I palestinesi raccolgono prove dal 2015, quando lo Stato di Palestina ha aderito alla Corte: confische di terre, costruzione del muro (che già nel 2005 la stessa Corte sentenziò essere illegittimo, ordinandone la demolizione), espansione coloniale illegale, centinaia di prigionieri politici in detenzione amministrativa senza processo. E poi le offensive contro Gaza e lo stillicidio di vittime civili dei cecchini israeliani nei venerdì di Marcia del Ritorno.

Dalla Striscia è Hamas a dirsi soddisfatto della decisione di Bensouda, dopo il plauso dell’Autorità nazionale di Ramallah espresso già venerdì: «Hamas accoglie la decisione della procuratrice della Corte penale internazionale – ha commentato il portavoce del movimento Hazem Qassem – Tutte le prove confermano l’esistenza di crimini di guerra commessi dall’occupazione contro il nostro popolo».

Ora resterà da vedere come i giudici dell’Aia vorranno muoversi. Come ha spiegato la capo procuratrice, «convinta che ci siano basi ragionevoli per procedere», manca un territorio di giurisdizione. Spetta, cioè, al tribunale internazionale individuarne uno vista l’assenza di Israele dalla lista dei paesi membri della Corte.

Bensouda chiede di fare in fretta e ci tiene a precisare che andranno investigati anche i crimini commessi da Hamas e da altri gruppi armati.

Manca il “territorio”, ma il territorio in realtà c’è. Lo dice la stessa Bensouda che alla Cpi chiede di riconoscere la giurisdizione a Cisgiordania, Gerusalemme est e Gaza.

E lo ribadiscono le ong palestinesi, quelle che da decenni lavorano sul fronte del diritto internazionale: Israele occupa illegalmente i Territori dal 1967 per cui nessuna sovranità gli può essere riconosciuta.

«Israele, in qualità di potere occupante, esercita giurisdizione extraterritoriale nei Territori occupati – scrivono Al Haq, Al Mezan e il Palestinian Centre for Human Rights – Questo non gli dà in alcun modo diritto di sovranità. Per questo la questione della giurisdizione territoriale è fine a se stessa e comporta un ritardo inutile nell’avanzata dell’inchiesta».

Fretta, invece, i palestinesi ne hanno: a quattro anni dall’apertura delle indagini preliminari, l’Aia ora potrebbe concretizzare l’azione finora compiuta e ridare credibilità alle norme del diritto internazionale, da anni vittima di una delegittimazione globale.

Sorgente: Per Pompeo la Palestina non esiste: «L’Aia tratta Israele ingiustamente» | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing