Il giallo dell’intervista non trasmessa al dittatore Assad scuote la Rai – La Stampa

9 Dicembre 2019 0 Di Luna Rossa

Lo scoop dell’ex presidente Monica Maggioni bloccato dalle liti interne

ROMA. Può uno scoop trasformarsi in caso diplomatico internazionale? Sì, se il protagonista del colpo giornalistico è il presidente siriano Bashar al-Assad che il 26 novembre scorso ha rilasciato in esclusiva un’intervista all’ex presidente Rai Monica Maggioni, attuale ad di RaiCom. Intervista mai andata in onda sulla tv pubblica perché bloccata dall’Usigrai che è insorto contro i vertici aziendali. Alla base dell’insurrezione, la domanda «chi avesse commissionato il colloquio e preso accordi in tal senso con la Presidenza della Siria». Intanto proprio l’ufficio stampa siriano ha inviato un ultimatum alla Rai: «Se l’intervista realizzata il 26 novembre dalla Maggioni che, secondo accordi, sarebbe dovuta andare in onda il 2 dicembre su RaiNews24 e sui media siriani, non andrà in onda entro domani (oggi, ndr), sarà comunque trasmessa dalle tv nazionali di Damasco alle 21». Ma il caso sarà adesso di nuovo oggetto di discussione in senso alla Rai.

Giallo in Rai sull’intervista di Monica Maggioni al presidente Assad, la tv siriana diffonde il trailer

Tornando alla partenza per la Siria di Monica Maggioni, questa sarebbe stata concordata con l’ad Fabrizio Salini. E fa parte del non detto che a motivare il blocco della messa in onda dell’intervista voluto dal sindacato c’è il fatto che Monica Maggioni, in quanto manager, non dovrebbe più dedicarsi a servizi giornalistici di punta per gli Esteri. E la conseguenza diretta dello stop per molti si traduce in un autogol. Quella notizia in esclusiva, che farebbe gola a qualsiasi testata giornalistica, è stata messa nel congelatore. Ieri mattina l’ad Salini ha precisato che l’intervista «non è stata effettuata su commissione di alcuna testata Rai. Pertanto non poteva venire concordata a priori una data di messa in onda». Detto ciò, il direttore di RaiNews24 Antonio Di Bella – che aveva accettato di buon grado la messa in onda dello scoop in uno speciale di Checkpoint del 2 dicembre scorso – ha dovuto bloccare tutto. Tutto era pronto in quegli studi, compreso un collegamento con la corrispondente da Istanbul, Lucia Goracci che aveva previsto anche ospiti in studio. Ma l’Usigrai ha bloccato la messa in onda perché la ritiene inaccettabile in quanto l’intervista non era concordata preventivamente con le testate.

Il risultato è l’esplosione di un caso diplomatico e televisivo sui media europei ed arabi, inclusa la tv Al Jazeera. Da qui l’irritazione di Damasco: «La mattina del 2 dicembre, abbiamo ricevuto una richiesta, per conto di RaiNews 24, di ritardare la trasmissione senza una spiegazione – scrive l’ufficio stampa della presidenza siriana – a ciò seguirono altre due richieste di rinvio, senza che fosse fissata una data: questo è un ulteriore esempio dei tentativi occidentali di nascondere la verità sulla situazione in Siria e sulle sue conseguenze sull’Europa e nell’arena internazionale». E’ una vicenda che crea imbarazzo al governo Conte e irritato il presidente della Rai Marcello Foa, che lamenta: “Nessuno mi ha informato di quanto stava accadendo in relazione al viaggio di Maggioni”.

Sorgente: Il giallo dell’intervista non trasmessa al dittatore Assad scuote la Rai – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •