Tratta di esseri umani dall’Asia all’Europa. A Torino la centrale dello smistamento – La Stampa

21 Novembre 2019 0 Di Luna Rossa

Quattro arrestati, coinvolto anche un avvocato. L’organizzazione falsificava carte d’identità e dava alloggio

TORINO. Zahid Hussain è pakistano d’origine, in teoria abita a Racconigi, provincia di Cuneo, ma adesso chissà dov’è. Dicono a casa sua, in Pakistan. Il suo amico Ahmed Minisar, ufficialmente residente a Torino, è in Norvegia. Mentre Anoop Singh, indiano, sarebbe in patria da un bel po’. Tutti loro fanno parte di un’organizzazione che da Torino gestiva un maxi traffico di clandestini provenienti da Bangladesh, India e Pakistan. Che aveva contatti con altri gruppi che fabbricavano documenti falsi: preparavano cioè carte d’identità, permessi e nulla osta. In città aveva case d’appoggio nei quartieri dell’immigrazione e pure in San Paolo, zona borghese e tranquilla. E un “hub”, un centro di raccolta dei clandestini. Mandati a svernare in un paese con poche migliaia di anime che si chiama Villastellone, lontano dagli occhi di chi avrebbe potuto insospettirsi. I carabinieri.

Ecco, c’è tutto questo e molto altro nell’indagine che l’Arma di Torino ha chiuso da poche ore. C’è la storia di questo gruppo criminale che gestiva un traffico di esseri umani provenienti da Paesi che non ti aspetti: altro che Maghreb e Africa centrale. Loro si occupavano soltanto di gente in arrivo dall’Asia. Etnie di uomini che trovi la sera nei ristoranti a vendere fiori ai tavoli, oppure nelle cucine a lavorare in nero, o ancora dietro i banconi dei «bangla», i micro negozi di alcolici aperti tutta la notte. O nei campi, da nord a sud. Insomma: niente barconi e sbarchi nei porti della Sicilia. Ma un popolo di disperati che veniva spostato in aereo. Attraverso rotte più turistiche che da immigrazione clandestina. Questa, infatti, è una storia differente. Con organizzatori che utilizzano voli internazionali per i clandestini. Che li fanno sbarcare a Dubai piuttosto che a Malta. Criminali. Che incassano migliaia di euro per ogni essere umano fatto entrare in Italia, inventando di volta in volta identità, finte parentele, storie personali. E poi, a conclusione del tutto, provvedono pure a far espatriare chi vuole lasciare il Paese. Per andarsene in Germania o in Francia o in Inghilterra. Muovendosi alla luce del sole, in barba alle norme della legge sull’immigrazione. Contando su appoggi che sono ancora da svelare.

Quattro arresti. Cinque indagati. Tra loro ci sono uomini del Bangladesh. Che, al telefono, ignari di essere intercettati dai carabinieri del Comando provinciale di Torino, organizzavano gli arrivi. Passando talvolta anche attraverso quella che – con la val di Susa – è considerata la frontiera più “fragile”: Ventimiglia.

Le carte raccontano molto. È maggio quando il signor Sing – l’indiano – telefona a un connazionale, un certo Kahn (mai identificato) e gli chiede se ha della «roba» – esseri umani – da far passare dalla Francia all’Italia. E la «roba» in qualche caso erano bambini da far entrare con una madre finta. Che se non arrivava da Ventimiglia poteva giungere dalla Croazia o dalla Polonia, dov’era tutto più facile. Bastavano documenti contraffatti, che venivano stampati a Bergamo. Dove – l’altra mattina – i carabinieri del Nucleo informativo di Torino hanno trovato carte d’identità – cartacee ed elettroniche – a pacchi. Nessun arresto per ora, ma ci sono i presupposti per risalire al resto dell’organizzazione. E svelare un’altra fetta di questa storia dove gli uomini e le donne contano finché sono in grado di pagare (da 400 ad 8000 euro) per realizzare il sogno dell’occidente.

In questa maxi operazione – che il comandante provinciale di Torino, Francesco Rizzo, ha seguito personalmente – c’è ancora molto da scoprire, come i numeri reali del traffico di esseri umani e le ramificazioni all’estero della banda smantellata in quasi due anni di indagine.

Fine dell’operazione? No. Nelle maglie dell’ indagine è rimasto intrappolato anche un avvocato, Luca Schera (per lui c’è l’obbligo di dimora), diventato famoso quando si occupò della difesa di Bouriki Bouchta, il primo imam espulso dall’Italia. Era torinese. Fu riportato in Marocco dopo alcune sue affermazioni anti occidentali. L’11 settembre 2001 era una data fresca. Gli americani avevano appena attaccato l’Afghanistan. Per l’accusa avrebbe brigato per far rimanere in Italia immigrati che non ne avevano diritto. Ma lui non aveva a che fare con l’organizzazione dei pakistani e dei bengalesi. Avrebbe fatto tutto da solo. Inseguendo i suoi interessi.

Sorgente: Tratta di esseri umani dall’Asia all’Europa. A Torino la centrale dello smistamento – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •