In cdm primi fondi per Venezia. Elisabetta Spitz commissario al Mose – MilanoFinanza.it

14 Novembre 2019 0 By Luna Rossa

Per far fronte all’emergenza il governo stanzierà indennizzi fino a 5mila euro per i privati e fino a 20mila per gli esercenti. La ministra De Micheli annuncia: il sistema per proteggere la città e la Laguna sarà completato entro il 2021, ma occorrono 400 milioni

di Mauro Romano

Arriveranno già con il Consiglio dei ministri convocato oggi i primi fondi e la proclamazione dello stato di emergenza per fare fronte alle inondazioni che hanno colpito Venezia. L’intervento annunciato dal premier Giuseppe Conte si articolerà in due fasi. Nella prima il governo stanzierà indennizzi fino a 5mila euro per i privati e fino a 20mila per gli esercenti per far fronte all’emergenza.

Nella riunione dovrebbe anche essere designato il commissario al completamento del Mose, il sistema di dighe pensato per proteggere la città e la Laguna dalle mareggiate, ma la cui realizzazione è stata segnata dagli scandali e costata già 5,3 miliardi. In nome indicato dalla ministra per le Infrastrutture, Paola De Micheli, è quello dell’architetto Elisabetta Spitz, già amministratrice delegata di Invimit ed ex direttrice dell’Agenzia del demanio.

L’obiettivo del governo è di completare l’opera entro il 2021 “Ci sono stati forti rallentamenti sul progetto che oggi però è compiuto al 93%. Mancano gli ultimi 400 milioni. Sono stati appostati dal governo, non sono fermi per motivi burocratici. Non c’è niente di fermo, i lavori stanno andando avanti”, ha spiegato ancora De Micheli a Circo Massimo.

Intanto il prossimo 25 novembre si riunirà il comitato interministeriale per la salvaguardia di Venezia. L’organismo, ha spiegato Conte, si occuperà di tutti i problemi strutturali di Venezia, dalle grandi navi, al Mose”, ha detto Conte nel corso di un punto stampa a Venezia a seguito di una riunione in Prefettura.

Sorgente: In cdm primi fondi per Venezia. Elisabetta Spitz commissario al Mose – MilanoFinanza.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •