Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Pelosi: «Impeachment per Trump, ha tradito. Nessuno è al di sopra della legge». Lui: «Spazzatura»

Il presidente Usa vuole diffondere il colloquio (sotto accusa) con Kiev

Giuseppe Sarcina

Donald Trump ora è formalmente indagato dal Congresso per il caso «Biden-Ucraina». Ieri sera Nancy Pelosi, Speaker della Camera dei deputati ha annunciato la formazione di una commissione di inchiesta per avviare l’«impeachment» del presidente, accusandolo di «aver violato la Costituzione», di aver «tradito il suo giuramento, tradito la sicurezza nazionale e tradito l’integrità del processo elettorale. Nessuno è al di sopra della legge». È una svolta cruciale per la politica americana. Il precedente più ravvicinato è quello di Bill Clinton, incriminato per aver mentito sul suo rapporto con Monica Lewinsky.
La Costituzione prevede che il presidente possa essere rimosso se colpevole di «tradimento, corruzione e altri gravi reati». La procedura è complessa. La House of Representatives, ora controllata dai democratici, decide a maggioranza se rinviare a giudizio, oppure no, il capo dello Stato. Ma il verdetto finale tocca al Senato, che invece è nelle mani dei repubblicani: per la condanna occorre il «sì» dei due terzi nell’Aula. Sulla carta, dunque, Trump non rischia di essere cacciato dalla Casa Bianca (anche Clinton si salvò in Senato).

Ma è chiaro che «l’impeachment» eleva alla massima potenza lo scontro politico in un Paese già lacerato. L’indagine promossa da Nancy Pelosi partirà dalla telefonata del 25 luglio scorso tra Trump e il neopresidente ucraino Volodymyr Zelensky. Secondo la ricostruzione dei giornali, dal Washington Post al Wall Street Journal, il leader americano avrebbe chiesto per ben otto volte a Zelensky di riaprire un’inchiesta per corruzione sulla Burisma, un’azienda del gas nel cui consiglio di amministrazione sedeva, fino all’aprile del 2019, Hunter Biden. In cambio Trump avrebbe promesso lo sblocco di aiuti militari per circa 391 milioni di dollari, attesi dal governo ucraino per fronteggiare l’invasione dei russi nel Donbass. Trump, dopo diverse oscillazioni, ha replicato: al telefono si parlò di Biden e di corruzione, ma il presidente non ha fatto pressione sul governo di Kiev. «Il congelamento» delle forniture, ha spiegato Trump, serviva a spingere l’Unione Europea a sostenere gli sforzi di Kiev.

Ieri, poco prima della riunione dei deputati democratici in cui è maturata la mossa dell’impeachment, lo stesso Biden aveva dichiarato che sarebbe stato giusto mettere sotto accusa Trump «se non avesse reso pubblica la trascrizione della chiamata». Subito dopo il presidente Usa, impegnato all’Onu, ha fatto sapere che il contenuto della telefonata sarebbe stato consegnato al Congresso. Poi ha twittato: «Vedrete che, contrariamente a quanto hanno fatto Biden e suo figlio, non c’è alcun quid pro quo . Questa non è altro che la più grande e distruttiva caccia alle streghe di tutti i tempi. Spazzatura».
Ma è in arrivo una fase piena di insidie per Trump. Pelosi ha disposto che sei commissioni della Camera continuino a indagare su tutti i dossier già in campo, dal rapporto tra il comitato elettorale trumpiano e i russi ai conflitti di interesse del presidente. Nel quadro «dell’inchiesta ombrello» sull’Ucraina.

Sorgente: Pelosi: «Impeachment per Trump, ha tradito. Nessuno è al di sopra della legge». Lui: «Spazzatura»

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing