Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Barclays avverte: dovete mettervi in difesa perché l’orso è in arrivo | Milano Finanza

Barclays
Un corposo studio di Barclays consiglia di ridurre il peso degli attivi rischiosi in portafoglio per dare più spazio all’obbligazionario. Il capo della ricerca Rajadhyaksha avverte: non serve una recessione per avere un mercato orso

di Roberta Castellarin

Le ultime dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui gli Stati Uniti e la Cina potrebbero raggiungere un’intesa commerciale prima del previsto hanno dato fiato ieri alle borse. Ma i mercati arrivano da un lungo rally e ancora una volta c’è il rischio di dimenticarsi che gli investitori di solito giocano d’anticipo. Il consiglio di essere cauti arriva da più parti. E ora scende in campo anche Barclays che dedica un corposo studio proprio alle ragioni per cui è il momento di ridurre gli asset rischiosi e favorire gli strumenti difensivi.

Le ultime dichiarazioni del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, secondo cui gli Stati Uniti e la Cina potrebbero raggiungere un’intesa commerciale prima del previsto hanno dato fiato ieri alle borse. Ma i mercati arrivano da un lungo rally e ancora una volta c’è il rischio di dimenticarsi che gli investitori di solito giocano d’anticipo. Il consiglio di essere cauti arriva da più parti. E ora scende in campo anche Barclays che dedica un corposo studio proprio alle ragioni per cui è il momento di ridurre gli asset rischiosi e favorire gli strumenti difensivi.

“Negli ultimi mesi, abbiamo costantemente raccomandato di sovrappesare le attività a rischio globale (in particolare le azioni globali) rispetto al reddito fisso globale. E nonostante un rally obbligazionario mozzafiato, questo sovrappeso ha ampiamente funzionato. Ad esempio, l’indice Bloomberg Barclays Global Aggregate è cresciuto del 6% su base annua, mentre gli indici azionari statunitensi e dell’area dell’euro sono aumentati del 17-23% e anche i titoli dei mercati emergenti sono aumentati del 7-8%. Ma ora stiamo cambiando la nostra indicazione di asset allocation. Diventiamo più difensivi e raccomandiamo di sovrappesare il reddito fisso globale rispetto alle azioni globali, almeno per la durata di questo trimestre”, si legge nello studio intitolato proprio “Time to play defense”.

Ajay Rajadhyaksha, head of macro research di Barclays, si sofferma sul fatto che “A nostro avviso, il flusso di notizie sul commercio, così come il flusso di dati, è chiaramente peggiorato dall’ultimo trimestre alla fine di giugno. Nonostante le notizie incoraggianti sui colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina, ci sono più dazi in atto rispetto a tre mesi fa. Tutte le principali economie stanno assistendo a un vero e proprio rallentamento industriale/manifatturiero, i volumi degli scambi globali continuano a calare e meno della metà della decelerazione dei volumi degli scambi tra Cina e Stati Uniti (a causa delle tariffe esistenti) ha avuto luogo, secondo le nostre stime”.

Rajadhyaksha ricorda inoltre che Germania e Italia, le economie più grandi e terze dell’area dell’euro sono entrambe sull’orlo della recessione, “crediamo che la Cina sia passata a una crescita di appena il 5,1-5,2% (trimestre su trimestre) nel secondo semestre 2019 (il consenso è più forte), e prevediamo una crescita del pil dell’1% negli Stati Uniti nel quarto trimestre. Stimiamo che l’economia globale crescerà di 50 punti base più lentamente quest’anno rispetto al 2018”.

Il capo della ricerca di Barclays continua: “E ‘improbabile che il 2020 sia migliore. Gli investitori che continuano a tracciare parallelismi con il rallentamento economico del 2015 dovrebbero notare che lo stimolo cinese aggressivo nel 2015 ha posto le basi per una ripresa globale, a partire dal 2016, culminata in un 2017 molto forte. Prevediamo che la Cina rimarrà molto più avveduta sull’aggiunta di nuovi stimolo questa volta. Con gli effetti degli stimoli statunitensi in via di svanimento, l’armadio politico europeo per lo più nudo, il trascinamento delle tariffe ancora per colpire completamente il commercio e la Cina difficilmente correrà in soccorso, da dove arriveranno le sorprese della crescita? Prevediamo che il 2020 sarà un po’ più debole del 2019”.

Tuttavia, “il nostro scenario di base è un rallentamento e una crescita più debole, non una vera e propria recessione. I servizi in tutto il mondo si stanno ancora espandendo. I mercati del lavoro globali sono in discrete condizioni, anche se la crescita dell’occupazione è rallentata e i consumi dovrebbero continuare a sostenere l’economia mondiale. La mancanza di pressioni sull’inflazione ha consentito alle banche centrali di ruotare rapidamente verso l’allentamento. Ma una recessione non è necessaria per un sostanziale spostamento dei guadagni. Ad esempio, gli utili di S&P 500 hanno deluso materialmente nel 2015 a causa della debolezza globale, anche se gli Stati Uniti hanno evitato una recessione”, avverte Rajadhyaksha.

L’esperto ricorda che i rischi al ribasso sono diventati più importanti negli ultimi mesi. “Abbiamo modificato le nostre previsioni di base in una Brexit senza accordo (anche se molti risultati sono ancora possibili). Le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina potrebbero nuovamente peggiorare, come si è ripetutamente verificato, e le tensioni in Medio Oriente potrebbero raggiungere il punto di ebollizione dopo gli attacchi in Arabia Saudita. La preponderanza dei rischi sembra pesata verso il basso e il rischio e la vendita di obbligazioni a settembre forniscono un punto di ingresso decente per un’allocazione del portafoglio più prudente. Dato questo scenario di crescita più debole e rischi elevati, raccomandiamo di sovrappesare il reddito fisso globale rispetto alle azioni globali. Non si tratta di un appello a bloccare i rendimenti negativi in Germania e Giappone, ma a sovrappesare il reddito fisso con rendimenti più elevati, come il debito in dollari nei mercati emergenti, il debito delle società statunitensi e gli MBS delle agenzie”, dice Rajadhyaksha.

La conclusione contiene un consiglio: “I prossimi trimestri promettono di essere molto interessanti, con domande riguardanti la politica della banca centrale, la politica e il commercio e molti mercati azionari ai massimi locali. Pochi beni ci sembrano irresistibilmente economici; gli investitori dovranno essere agili per ottenere rendimenti”, dice Rajadhyaksha.

Sorgente: milanofinanza.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing