Salvini: “O passa questo testo o non si va avanti”. Di Maio: “No pretesti per far cadere governo”

12 Luglio 2019 0 Di ken sharo

Mentre si consuma l’ennesimo scontro tra Lega e 5Stelle sulla questione degli emendamenti al Decreto sicurezza bis, il Presidente della Camera, Roberto Fico ha risposto – nella lettera inviata ai presidenti delle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera – ai ricorsi presentati: riammessi tutti quelli che riguardano la Polizia di stato e il ministero dell’Interno. Confermata invece l’inammissibilità delle norme sui vigili del fuoco e polizia locale, che possono essere inserite nel ddl sulla polizia locale approvato ieri dal Cdm. “O passa questo testo o non si va avanti”Sul Decreto sicurezza bis “o ci sono questi emendamenti o vado dagli amici alleati e dico: o passa questo testo o è un problema serio e non si va avanti”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini rispondendo alle domande dei cronisti in conferenza stampa al Viminale.”Spiegatemi perché nel decreto sicurezza non devono essere inseriti emendamenti che si occupano di poliziotti e vigili del fuoco – aggiunge il ministro – si parla di manutenzione delle sedi, buoni pasti, straordinario. C’è un fondo di 17 milioni di euro. Se non vengono spesi entro l’anno spariscono. Non è un dispetto a Salvini fermare questi emendamenti, è una cosa stupida”. Il vicepremier poi incalza: “Questa mattina abbiamo ribadito la necessità di poter mandare in galera le criminali incinte. Spesso vengono utilizzate per furti e borseggi, sicure dell’impunita’. La pacchia deve finire. Ripresenteremo l’emendamento al Decreto sicurezza bis con i relatori”. Di Maio: “Non si cerchino pretesti per far cadere il governo”La risposta dell’altro vicepremier, il grillino Luigi Di Maio non si fa attendere: “Non si cerchino pretesti per far cadere il governo, sono pronto a incontrare le forze di polizia e le rappresentanze sindacali per spiegare loro la verità sugli emendamenti al dl sicurezza bis. Conta la verità, non la propaganda. Invierò un invito formale in queste ore”. I 5Stelle in un post ribadiscono la linea del loro vicepremier: “Non capiamo perché Salvini continui a dire sciocchezze e falsità riguardo agli emendamenti sul dl sicurezza bis. Facciamo un attimo chiarezza. Gli emendamenti respinti, di cui parla Salvini, hanno anche la nostra firma. E questo Salvini lo sa bene”, “capiamo l’esigenze meramente propagandistiche, capiamo il problema dei finanziamenti dei fondi oscuri, ma dalla Lega ci aspettiamo sincerità. Dovrebbero dire sempre la verità ai cittadini. Punto”. Il ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta Riccardo Fraccaro dice a sua volta: “Basta attacchi alle Camere. Salvini lavori alla riformulazione dei testi invece di fare la vittima. Noi siamo al fianco delle forze dell’ordine”. Fonti 5Stelle, verso voto unanime in commissione su Vigili del fuocoLa strada che si prospetta per trovare una soluzione sull’emendamento a firma Lega che è stato dichiarato inammissibile anche dalla presidenza della Camera e relativo all’aumento del monte ore per i Vigili del fuoco, spiegano fonti M5s, è quella di chiedere l’unanimità di voto nelle commissioni Affari costituzionali e Giustizia della Camera. La ratio è che anche se il tema dell’emendamento non è di stretta attinenza rispetto al contenuto del decreto Sicurezza bis, se accettato all’unanimità sarebbe largamente condiviso e, quindi, riammesso all’esame. I 5 stelle si augurano quindi che anche le opposizioni abbiano a cuore il tema. Questa e’ l’unica possibilità tecnica per superare l’impasse, viene sottolineato.

Sorgente: Salvini: “O passa questo testo o non si va avanti”. Di Maio: “No pretesti per far cadere governo”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •