Mattarella: “Chi cerca sempre nemici non è compatibile con libertà e democrazia”

2 Giugno 2019 0 Di ken sharo

Avendoli tutti davanti – alte cariche, grand commis, politici, ambasciatori – Sergio Mattarella non ha perso l’occasione per far pesare ciò che più lo preoccupa. L’ha detto col solito garbo e senza sgualcire la Festa della Repubblica che si è celebrata poco dopo nei giardini del Quirinale: ormai forse l’unico luogo dove tutti si sentono di casa e civilmente colloquiano tra loro sovranisti e anti, rappresentanti della famigerata “Casta” e populisti della più bell’acqua.

Lettore video di: Corriere Tv (Informativa sulla privacy)

Il presidente ha voluto ricordare che, «in ogni ambito, libertà e democrazia non sono compatibili con chi alimenta i conflitti, con chi punta a creare opposizioni dissennate tra le identità, con chi fomenta scontri, con la continua ricerca di un nemico da individuare, con chi limita il pluralismo». A cosa, e soprattutto a chi, Mattarella si riferisca, non serve troppa immaginazione per intuirlo.Il capo dello Stato è allarmato dal successo politico che riscuotono (non solo in Italia) gli «odiatori» e ne teme le conseguenze. Lo segnala nel giorno più solenne della nostra Repubblica, quando si celebra l’atto di nascita, quasi a rimarcare come lo scatenamento degli istinti più belluini non si sia placato con le elezioni europee, e dal Colle si colgano purtroppo segni allarmanti di nuove tensioni. Una campagna elettorale che non finisce mai.

Il potere non è illimitato

Aiuta meglio a capire lo stato d’animo presidenziale il messaggio che, di prima mattina, Mattarella aveva inviato ai prefetti. In due paginette, aveva riassunto una sorta di vademecum costituzionale che valga come bussola per i rappresentanti dello Stato sul territorio, e li aiuti a tenere la rotta salda in mezzo alle tempeste politiche. Tanto per cominciare, il presidente chiede loro di farsi «attori di coesione sociale e istituzionale». Dunque di lavorare per ricucire il tessuto del Paese e di non prestarsi a chi vorrebbe lacerarlo ulteriormente.

L’iniziativa dei prefetti può essere rilevante sotto molti profili. Sul terreno della sicurezza e dell’ordine pubblico, in primo luogo. Guarda caso, dopo certe polemiche sull’operato delle forze di polizia, Mattarella chiede di tenere a mente «lo spirito della Costituzione repubblicana» e dunque «i limiti che pone alle autorità, nel segno del primato della legalità». Come dire: le leggi sono leggi e nessun ministro, per quanto potente, potrebbe far finta che non esistano.

Il ciclo resta negativo

Ma i prefetti hanno facoltà e spesso il dovere di intervenire nelle crisi aziendali sul territorio, come autorità pubblica incaricata di cercare «un punto d’incontro che anteponga il bene generale alle convenienze particolari». In questo caso, la preoccupazione del presidente riguarda un’economia che sprofonda nella crisi: «Le incertezze del ciclo economico sembrano non offrire solide prospettive a molti lavoratori, soprattutto giovani, e alle loro famiglie».

Altro che ripresa dietro l’angolo: Mattarella non abbocca alla propaganda governativa, e invita i prefetti a rimboccarsi le maniche. Non da soli, ma «con il concorso generoso del volontariato e dell’associazionismo, che meritano la stima e il sostegno delle istituzioni» sebbene spesso qualche politico li consideri un intralcio.

Sorgente: Mattarella: “Chi cerca sempre nemici non è compatibile con libertà e democrazia”

Spread the love
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •