Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Come insegnare Intelligenza artificiale in terza media – MilanoFinanza.it

Un’assistente universitaria al MIT Media Lab ha progettato un piano di studi per insegnare ai bambini concetti come la parzialità algoritmica e il deep learning, l’apprendimento profondo. Ecco come ha fatto e con quali risultati

di Michelle Ma

Gli alunni della scuola media di oggi possono essere i primi “nativi dell’intelligenza artificiale”, una generazione cresciuta interagendo con l’algoritmo di YouTube o con lo smart speaker Alexa di Amazon . Gli educatori sono alle prese con come insegnare ai bambini ad essere consumatori responsabili di questa tecnologia. Blakeley H. Payne ha avuto un’idea. Laureata e assistente al MIT Media Lab, dove studia l’etica dell’intelligenza artificiale (IA), la Payne ha progettato un piano di studi per insegnare ai bambini concetti come la parzialità algoritmica e il deep learning, l’apprendimento profondo. Ha testato il programma in una settimana e mezza di ottobre con circa 225 studenti della scuola media David E. Williams a Coraopolis, vicino Pittsburgh.

La Payne, che non ha una formazione da insegnante, ha sviluppato il corso di studi con il contributo di docenti di informatica e ricercatori della Harvard Graduate School of Education. Il suo programma di studi utilizza principalmente carta, penna, carta e materiali artigianali in modo che gli insegnanti possano adattarlo alle loro classi, indipendentemente dal budget o dal know-how tecnologico. Ogni lezione di 45 minuti include tipicamente una breve lezione e dimostrazione, seguita da un’attività di gruppo e da una discussione aperta. In un esercizio, per esempio, gli studenti hanno scritto un algoritmo per costruire un miglior panino con burro di arachidi e gelatina. La Payne prevede di fare un secondo corso in diversi laboratori estivi nella zona di Boston, dove i bambini riceveranno circa quattro ore di educazione all’IA al giorno. Ha anche l’intenzione di aprire il suo programma di studi online entro la fine dell’estate. HA fatto il punto con The Future of Everything, il festival dell’innovazione del Wall Street Journal.

DomandaCome insegna ai bambini concetti della IA, che anche gli adulti hanno difficoltà di comprendere?

Risposta. La prima cosa che ho trovato davvero importante nella mia ricerca è stata la domanda: “Cosa sanno gli studenti dell’intelligenza artificiale a quest’età? Chiedete ai ragazzi: “Come pensate che funzioni l’intelligenza artificiale? Aprite il vostro smartphone: quali applicazioni usano l’IA e come?” Il primo passo è far riconoscere l’intelligenza artificiale nel mondo che li circonda. Se non riescono a identificarla o a relazionarsi con il motivo per cui è importante, non c’è motivo per loro di continuare a conoscerla.

D. E poi?

R. Il passo successivo è costruire un vocabolario comune: chiedere “che cos’è l’IA” e demistificarla, perché l’intelligenza artificiale è sempre più antropomorfizzata dai media e dalle aziende tecnologiche. Pensate ad Alexa o Siri. Penso che i bambini faticano a riconoscere che non è qualcosa di simile a un animale domestico. Bisogna integrare un pezzo di etica in ogni punto, perché non si vuole mai cadere nella trappola di presentare un sistema di IA come un’equazione matematica, con l’autorità di un’equazione matematica.

D. Come è strutturato il suo piano di studi per le scuole medie?

R. Questi ragazzi crescono con l’intelligenza artificiale dalla nascita. C’è un certo dibattito sull’uso del termine “nativi dell’IA “, ma questo è quello che sono, almeno per definizione sociale. Abbiamo insegnato loro come l’IA può essere utile o dannosa dal grembo materno. La letteratura suggerisce che quello della scuola media è un momento in cui arrivano i pensieri morali più alti e complessi. Attenzione, però: si tratta ancora di una questione aperta, potremmo scoprire che questo momento potrebbe arrivare a un’età più giovane o ai ragazzi più grandi. L’altra cosa importante per gli studenti delle scuole medie è generalmente la fascia d’età del loro primo telefono cellulare o il loro primo account di social media. Inserirsi nel momento in cui arriva questa loro prima indipendenza è importante.

D. Come hanno risposto gli studenti?

R. Credo che si aspettassero altri robot. Ma sono stati in grado di avere conversazioni da adulti. A un certo punto ho chiesto loro: “Qual è l’obiettivo dell’algoritmo di raccomandazione di YouTube?”. Uno studente ha detto: “Vogliono venderci annunci pubblicitari” e ha parlato di AdSense e della monetizzazione. Pensavo di dover montare un bel po’ di impalcature per far sì che arrivassero a quel punto e invece dovevo dare loro più credito fin dall’inizio.

D. Cosa consiglia agli educatori che vogliono incorporare l’intelligenza artificiale nei loro piani di lezione?

R. Il primo passo, onestamente, è fare un po’ di autoformazione. Cercando di non farsi intimidire dal soggetto. C’è questo immaginario collettivo sull’intelligenza artificiale, per cui si tratti di un gruppo di Albert Einstein in una stanza, e questo non è vero. Infine, fate conversazioni franche con i vostri studenti su quali tecnologie stanno usando. Ora si parla molti dell’etica e del caso Cambridge Analytica, ma i dodicenni non usano Facebook . Se gli parlate di Facebook , vi ridono addosso. Quindi, siate attenti e fate in modo che le domande siano incentrate sulla loro esperienza nel mondo reale.

D. Come fa questa generazione di bambini, che non ha mai vissuto senza smartphone e social media, a pensare in modo diverso rispetto a quelle precedenti?

R. È troppo presto per dirlo. Alle generazioni precedenti è stato insegnato che questi sistemi sono neutri, oggettivi, divini e potenti. Spero che la prossima generazione li veda come possibili strumenti, possibili armi, ma qualcosa da criticare in buona fede: cose mutevoli e manipolabili.

D. Qual è la sua più grande ansia per il futuro, al riguardo?

R. Può essere davvero scoraggiante vedere donne e persone di colore, specialmente nell’industria tecnologica, sottovalutate, sottopagate o semplicemente escluse. Questo rende il lavoro molto più difficile da fare.

D. La sua più grande speranza?

R. Sono ispirata dai miei studenti. Si impegnano con il materiale didattico con molto più entusiasmo e sfumature di quanto mi sarei potuto aspettare. Uno dei miei supervisor, Ethan Zuckerman, parla molto di come sia facile entrare in una sfera di depressione quando si è alle prese con la tecnologia, ma che poi il modo di uscire da quella sfera si trova. Penso che questi studenti, sulla base di quello che ho visto nell’esperimento pilota, sono ancora molto attenti a non entrare quella sfera e sono in grado di accompagnarci fuori da essa. Possono parlare del fatto che i sistemi algoritmici possono essere razzisti, o che i loro risultati di ricerca su Google non sono necessariamente le informazioni più vere ma possono essere una pubblicità. Queste sono conversazioni che spesso non vedo negli adulti e questo mi dà speranza.

Sorgente: Come insegnare Intelligenza artificiale in terza media – MilanoFinanza.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing