Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Boom delle app che investono i soldi dei millennials in sostenibilità – MilanoFinanza.it

Le app di investimento su Android e Apple che pubblicizzano una qualche forma di offerta sostenibile hanno raccolto circa 24 milioni di download nel 2018. Il richiamo: prodotti d’investimento basati sullo smartphone e costruiti intorno a temi come l’energia pulita e l’etica aziendale. Ecco chi è più avanti

di Dieter Holger

Per gli investitori millennials, ovvero i nati negli anni 80 e 90, perseguire un impatto sociale è una priorità assoluta.

Più di qualsiasi altra generazione precedente, i millennials sono quelli che più verosimilmente investono in aziende in sintonia con le loro preoccupazioni ambientali, sociali e politiche, dall’energia pulita alla parità di genere alla conservazione dell’acqua. Secondo un’indagine del 2018 di Bank of America, circa il 77% dei millennials dal più alto patrimonio netto individuale possiede attualmente o è interessato ai cosiddetti impact investment, investimenti a impatto sostenibile.

E negli Usa un’ondata di startup si è affrettata a capitalizzare questa tendenza, offrendo alla prima generazione basata sull’uso primario dello smartphone una serie di nuovi prodotti finanziari e tecnologici che rispondono alle loro preferenze di investimento sociale.

Al top dell’offerta ci sono applicazioni per smartphone che consentono agli investitori di scegliere portafogli che riflettono cause diverse, spesso molto focalizzate, come per esempio le aziende con pratiche etiche presenti nella loro filiera o una quota maggiore di donne leader rispetto ai colleghi. In alcuni casi, il cliente può anche modificare facilmente il suo portafoglio, eliminando un’azione sgradita con un semplice tocco dello schermo. E tutte le transazioni possono essere effettuate senza chiamare un broker o un consulente, e di solito con commissioni inferiori a quelle dei professionisti.

Anche se molte delle applicazioni sono ancora in fase di decollo, esse stanno registrando una rapida diffusione, e si prevede che cresceranno ancora di più man mano che i millennials fan della tecnologia mobile accumuleranno ricchezza: nel prossimo decennio da loro proverranno 11.600 miliardi di dollari in attività finanziarie negli Stati Uniti, secondo il Deloitte Center for Financial Services.

“Si tratta ancora di una disciplina emergente e tutto ciò che le fintech possono fare per aiutare le persone a comprendere meglio l’impatto dei loro investimenti è accolto con favore dal mercato”, afferma Tony Gaughan, responsabile della gestione degli investimenti in Deloitte.

Le app di impact investing sono all’intersezione di due grandi tendenze di investimento: l’aumento delle app dedicate al mondo dell’investimento e la crescita nel settore dell’investimento sostenibile.

L’anno scorso 12.903 applicazioni Android e Apple  a livello globale hanno menzionato la parola investimento nelle loro descrizioni, rispetto alle 8.900 del 2015, secondo i dati compilati per The Wall Street Journal da Priori Data, una società di market intelligence.

Nel frattempo, secondo la Global Sustainable Investing Alliance, il settore degli investimenti sostenibili è salito da 22.900 miliardi di dollari gestiti nel 2016 a 30.700 miliardi di dollari nei soli mercati sviluppati nel 2018, con un aumento del 34%.

Le applicazioni di impact investing stanno raccogliendo una parte crescente di questa crescita. Le app di investimento di Android e Apple  che pubblicizzano una qualche forma di offerta sostenibile hanno raccolto circa 24 milioni di download nel 2018, quasi il doppio del 2015, secondo i dati Priori. E contano molto di più del loro peso: questi 24 milioni di download rappresentano il 5,9% del totale download di app legate al mondo finanziario, pur essendo pari solo all’1,4% delle app dell’intera categoria investimenti.

Naturalmente, queste app non sono la prima offerta che mira a semplificare l’investimento per i clienti socialmente consapevoli. I prodotti ad investimento sostenibile sono apparsi per la prima volta più di 30 anni fa, nella forma di fondi comuni di investimento che mettevano al bando industrie come le armi, il tabacco e i combustibili fossili. Da allora, il settore ha creato una più ampia gamma di fondi e portafogli sostenibili per gli investitori. Ora le app stanno portando avanti l’idea con offerte molto più mirate e un processo di investimento semplificato.

“L’ascesa di piattaforme più agili e a basso costo dimostra un innegabile cambiamento nel settore degli investimenti”, afferma Ashley Longabaugh, analista di gestione patrimoniale della società di ricerca di servizi finanziari Celent.

Un tema critico di queste app è: come performano? La maggior parte delle applicazioni non ha una serie storica lunga a sufficienza per essere giudicabile. Alcuni esperti d’investimento sottolineano che i portafogli costruiti intorno a temi sostenibili non offrono la stessa diversificazione dei fondi o strategie che tracciano benchmark come l’S&P 500. Quindi, questi investimenti a tema possono rendere meno dell’indice generale di borsa se il loro settore si raffredda, ma possono anche battere il mercato nel caso contrario.

Tuttavia, molti investitori in sostenibilità affermano di essere disposti a sacrificare parte del rendimento per avere più impatto sociale. Inoltre, sostengono che Il mondo degli affari stia radicalmente cambiando e si stia muovendo verso industrie e pratiche sostenibili. Quindi, questi temi saranno vincenti nel lungo periodo.

“L’investimento sostenibile non è più rischioso della media. Il motivo per cui la gente sostiene il contrario è perché ha difficoltà a distinguere una moda da un cambiamento strutturale dell’economia”, dice Hardeep Walia, fondatore e amministratore delegato di Motif, una piattaforma di investimento tematico fondata nel 2010 che oggi conta più di 300 mila utenti. Offre circa 180 portafogli mirati a tendenze specifiche, come la genomica e la tecnologia 5G. Nel 2017 ha aggiunto un’offerta incentrata sull’ambiente, i diritti dei lavoratori e la corporate governance. L’ambiente è il tema più popolare tra gli investitori millenari.

Il lungo raggio

Le applicazioni offrono in genere uno dei due tipi di investimenti – conti gestiti separatamente o fondi negoziati in borsa, gli ETF. I conti gestiti separatamente risalgono agli anni ’70, ma hanno subito una sorta di rinascita nella comunità degli investitori sostenibili grazie alla personalizzazione offerta rispetto ai fondi comuni d’investimento.

Come per i fondi, gli investitori in conti gestiti separatamente ricevono un pacchetto di azioni. Ma a differenza dei fondi, gli investitori possono rimuovere le azioni che non gli piacciono e il portafoglio può riequilibrarsi automaticamente.

Un’app che abbraccia la strategia di gestione separata dei conti è Swell, sostenuta dall’assicuratore del ramo vita Pacific Life. L’azienda offre agli investitori un conto gestito separatamente ed essi possono scegliere tra sette portafogli a tema, dall’eradicazione delle malattie allo zero rifiuti, fino a un mashup di 400 aziende di tutti i settori industriali, e possono rimuovere fino a tre aziende. Swell richiede 50 dollari per aprire un conto e addebita 75 dollari per ogni 10 mila dollari investiti annualmente.

Tutti i portafogli tematici di Swell hanno registrato guadagni dal loro debutto nel 2016, dice l’azienda, ma solo due temi hanno battuto l’S&P 500 per tutto il 2018: vita sana ed eradicazione delle malattie. Swell Impact 400, che è un’offerta più diversificata che contiene 400 aziende allineate con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, ha fatto il suo debutto nel corso del 2018 e ha reso nel periodo più dell’indice di mercato S&P 500.

Queste performance sono deludenti? Sembra di no: Fiorella Juarez, una professionista della pubblicità di 36 anni che investe con Swell e Charles Schwab, sostiene che le sta bene la possibilità di guadagnare di più con investimenti non sostenibili. Lo farà a lungo termine. “Mi sento come se potessi almeno dare un contributo con i miei soldi”.

Gli investitori del millennio “toccano con mano che c’è una grande collettività che vuole affrontare questi problemi ambientali”, dice Dave Fanger, fondatore e amministratore delegato di Swell, che gestisce circa 35 milioni di dollari da più di 15.000 clienti, rispetto ai circa 17 milioni di dollari di 4.000 clienti di un anno fa. Più della metà degli investitori ha meno di 34 anni.

Lanciata nel 2016, OpenInvest è un’altra piattaforma che utilizza conti individuali di gestione, costruendo portafogli mirati su temi quali la riduzione delle emissioni di carbonio, il sostegno alle catene di approvvigionamento etico e la lotta alla deforestazione. Come con Swell, se gli investitori non amano una società nel loro portafoglio, possono rimuoverla. La piattaforma consente agli utenti di mescolare e abbinare le cause che li interessano per disegnare il loro portafoglio intorno ai loro valori.

“In pratica ho costruito il mio fondo personale”, dice Alex Martin, un trentenne professionista delle tecnologie finanziarie che ha iniziato ad usare OpenInvest nel 2016. Ha costruito il suo portafoglio pensionistico sui temi di sostenibilità offerti dalla piattaforma, ma poi l’ha personalizzato nel tempo rimuovendo le azioni che non voleva. Ora sta registrando guadagni superiori all’S&P 500, dice, ma aggiunge che rimarrebbe comunque con l’impact investing anche se la situazione cambiasse: “Ci sono così tante persone che hanno opinioni precise sull’ambiente o sulla protezione della società”, dice, “ma poi mettono i loro soldi in borsa e non si rendono conto che stanno investendo contro i loro valori”.

OpenInvest, che conta il 60% dei suoi utenti come millennials, richiede un minimo di 100 dollari per avviare un conto e addebita una tassa annuale di 50 dollari per ogni 10.000 dollari investiti. La startup non ha voluto rendere nota la massa attualmente gestita o il numero di utenti, ma dice che le attività gestite sono cresciute di circa 10 volte anno dopo anno e gli utenti sono triplicati ogni anno, dal lancio. Il conto medio è di 25.000 dollari.

Il percorso del fondo

Le app che non si basano su conti gestiti separatamente offrono agli investitori pacchetti di ETF con diversi temi di sostenibilità. In questo caso però gli investitori non possono rimuovere le azioni che non gli piacciono da un ETF come possono fare con conti gestiti separatamente.

Un’app di investimento che utilizza molto gli ETF è Stash. Dal lancio alla fine del 2015, l’applicazione ha raggiunto più di 3 milioni di utenti, con un’età media di 29 anni e la maggior parte dei quali nuova all’investimento: l’86% degli utenti si identifica come esordiente o principiante. Il deposito iniziale per aprire un conto è di 5 dollari, e le commissioni iniziano a 1 dollaro al mese, più le commissioni dei singoli ETF. Stash non ha reso nota la massa attualmente in gestione.

Questa app non è focalizzata esclusivamente sull’investimento di impatto sociale, ma sei dei circa 59 ETF a tema a cui indirizza gli utenti sono nella categoria “missioni e buone cause”. Tra questi ETF, c’è l’iShares BlackRock denominata Global Clean Energy ETF , che si concentra sulle energie rinnovabili, e l’ETF di State Street’s SPDR SSGA Gender Diversity, che investe in aziende con una percentuale più elevata di donne dirigenti e membri del consiglio di amministrazione rispetto al totale. A gennaio, il 12% degli utenti dell’applicazione ha investito in ETF sociali, il doppio rispetto al 6% del 2016.

L’azienda prevede di introdurre opzioni più sostenibili, ma vuole essere sicura di mantenere una gamma di scelte per gli investitori che non hanno gli stessi punti di vista, dice Brandon Krieg, amministratore delegato e co-fondatore di Stash: “Se vuoi investire in energia pulita o in aziende che combattono il diossido di carbonio, è fantastico”, dice. “Ma ci sono anche persone che vogliono investire in aziende che producono sistemi di difesa antimissile.”

Giocatori stagionati

Nel frattempo, anche le tradizionali società di gestione patrimoniale, che hanno contribuito a introdurre il concetto di investimenti sostenibili, hanno elaborato un’offerta più diversificata per soddisfare la domanda. Di solito hanno molte più risorse delle app, ma anche commissioni e requisiti minimi molto più elevati per lanciare un conto.

Morgan Stanley Wealth Management, per esempio, offre formalmente dal 2012 un servizio di investimento a impatto con temi quali il cambiamento climatico e la diversità di genere. Attualmente gestisce più di 27 miliardi di dollari di attività in soluzioni sostenibili, con oltre 120 strategie di investimento e una suite di portafogli. Gli investitori devono contribuire con almeno 5 mila dollari per avviare un portafoglio fin dall’inizio. I portafogli con investimenti inferiori a 10 mila dollari sono costituiti da fondi comuni, ETF e azioni singole, mentre i conti più sostanziosi possono ricevere conti gestiti separatamente e altre alternative. Morgan Stanley non ha voluto rendere note le commissioni applicate.

“Molti clienti sono alla ricerca di una strategia di investimento che non solo cerca di generare rendimenti finanziari al tasso di mercato, ma che si sforza anche di fornire un impatto ambientale e sociale positivo”, dice Lily Trager, direttore esecutivo e direttore degli investimenti con impatto per Morgan Stanley Wealth Management.

Sorgente: Boom delle app che investono i soldi dei millennials in sostenibilità – MilanoFinanza.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing