Reddito di cittadinanza, centomila pentiti – Economia – quotidiano.net

Reddito di cittadinanza, centomila pentiti – Economia – quotidiano.net

12 Maggio 2019 0 Di Luna Rossa

Importi irrisori, troppi obblighi e timore dei controlli: ora molti vogliono restituire il sussidio

di CLAUDIA MARIN

Roma, 12 maggio 2019 – All’Inps, come al ministero del Lavoro, erano così convinti che il reddito di cittadinanza sarebbe stato un successo che non era stata neanche ipotizzata la procedura per la rinuncia al sussidio. Né, tanto meno, erano stati predisposti i moduli ad hoc. Che, invece, serviranno, eccome. Secondo quello che risulta ai responsabili dei Caf, nelle ultime settimane si sono moltiplicate le richieste di disdetta del reddito ottenuto, al punto tale che le stime indicano tra i 100 e i 130mila i beneficiari in procinto di dire no al beneficio. Un fenomeno imprevisto che è dovuto, secondo gli addetti ai lavori, ai bassi importi ricevuti a fronte di obblighi e controlli invasivi ed estesi nel tempo, fino al rischio delle manette (6 anni di carcere pena massima) in caso di dichiarazioni false o omissive.

Ma andiamo con ordine, partendo dagli ultimi numeri. Come ha rammentato il presidente Inps, Pasquale Tridico, le domande giunte fino al 30 aprile sono un milione e 16mila circa. Di queste, il 25% è stato rigettato: siamo a circa 750mila richieste accolte, ben al di sotto del milione e 300mila stimato dal governo.

Al di là del numero dei nuclei familiari interessati, il capitolo importi si sta rivelando un vero boomerang per i grillini. I primi pagamenti sulla nuova carta indicano che sono circa 34mila coloro che riceveranno solo 40 euro mensili, oltre 61mila i destinatari che otterranno meno di 100 euro, altri 40mila tra 100 e 200 euro mensili, e infine 34mila che incasseranno tra 200 e 300 euro. Il grosso della platea, circa 138mila destinatari, conquisterà tra 300 e 500 euro. Altri 97mila circa stanno tra 500 e 750 euro. Dunque, cifre ben lontane dai 780 euro sbandierati dai grillini come importo del sussidio.

«Il problema – spiegano dai Caf – è che le persone avevano capito che la cifra di 780 euro fosse quella standard. Quando hanno visto gli importi, non sono solo rimasti delusi, ma hanno cominciato a pensare che non valeva la pena per 40-100 euro sottostare alla griglia di obblighi e controlli che la normativa sul reddito prevede». Da qui la raffica di richieste di rinuncia, stimate tra le 100 e le 130mila, che sta costringendo l’Inps a ideare una procedura specifica. Dietro le disdette, sia i furbetti che magari lavorano in nero o non hanno i requisiti e che non vogliono rischiare per pochi soldi, sia chi non vuole sottoporsi agli obblighi per cifre irrisorie.

A fronte del reddito ottenuto, infatti, i beneficiari dovranno rendere conto delle auto dichiarazioni presentate ad almeno quattro soggetti: i Comuni, l’Inps, l’Ispettorato del lavoro e la Guardia di finanza. Non basta. I titolari dell’assegno dovranno essere immediatamente disponibili al lavoro; sottoscrivere il Patto per il lavoro o il Patto per l’inclusione sociale; partecipare alle iniziative di carattere formativo o di riqualificazione o ad altra iniziativa di politica attiva; aderire ai progetti utili alla collettività, nel caso in cui il Comune di residenza li abbia istituiti; comunicare ogni attività svolta, anche in forma precaria. Con la conseguenza che «chiunque presenti dichiarazioni o documenti falsi o attestanti cose non vere oppure ometta informazioni dovute, è punito con la reclusione da due a sei anni». Senza contare l’obbligo di restituire quanto indebitamente percepito. Un deterrente troppo elevato per pochi spiccioli.

Sorgente: Reddito di cittadinanza, centomila pentiti – Economia – quotidiano.net

Spread the love
  •  
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •