0 3 minuti 5 anni

L’altro ieri Matteo Salvini è salito sul balcone di Forli, quello da cui parlava Mussolini, che era di quelle parti. Poi si è messo la foto su Twitter scrivendo «Se lo sa la Boldrini…».La cosa piu interessente delle due è la seconda perché spiega il significato della prima: scimmiottare il duce ha un solo scopo, quello di suscitare commenti indignati, di far notizia, di far parlare di sé e di farsi attaccare dai soliti “rosiconi di sinistra”.Se ci pensate il meccanismo è elementare: lui imita Mussolini, subito la sinistra si indigna, lui ci fa sopra una crassa risata. Così ridicolizza i suoi avversari politici facendoli passare per severi bacchettoni con il sopracciglio alzato.Ora, questa cosa non è nuovissima: è almeno un anno che Salvini la usa. Parla di asse Roma-Berlino, dice “me ne frego”, mette le magliette di CasaPound e cosi via. Sempre con lo stesso scopo, lo stesso del balcone del Duce: aspettare le reazioni della sinistra, per schernirla.La strategia ha funzionato, almeno finora.Ecco, per contrastarla mi viene in mente quello che diceva Umberto Eco della mafia dopo le stragi in Sicilia dei primi anni 90: per sconfiggere Cosa Nostra e il suo mito non basta indignarsi, bisogna ridicolizzarla.Solo cosi si sconfigge la mafia nei cuori delle persone.Penso che Eco avesse ragione e che anche Salvini andrebbe ridicolizzato. DI Salvini bisognerebbe molto ridere, deridere, farsi beffa.Che tra l’altro è gia abbastanza ridicolo di suo, l’ex indipendentista padano diventato iper patriottico. Grottesco quando emula un dittatore di quasi cent’anni fa, patetico quando finge di essere popolano, lui figlio della borghesia milanese che ha fatto il classico al Manzoni. Così com’è ridicolo che se la prenda con la finanza e con l’Europa uno che ha infrattatato i soldi nei paradisi fiscali.Salvini è ridicolo e sarà una risata che lo sconfiggerà. Quando ritroveremo la capacità di ridere, s’intende.

Sorgente: DI Salvini bisognerebbe ridere – Piovono rane – Blog – L’Espresso


Scopri di più da NUOVA RESISTENZA antifa'

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi