Salvini: «Sulla cittadinanza a Ramy vediamo ma se vuole lo Ius soli si faccia eleggere parlamentare» video

24 Marzo 2019 0 Di Luna Rossa

Salvini: «Sulla cittadinanza a Ramy vediamo ma se vuole lo Ius soli si faccia eleggere parlamentare»

Il ministro dell’Interno parla del giovane che ha permesso il salvataggio dei suoi compagni dopo il dirottamento del bus. «Stiamo facendo tutte le verifiche ma la legge sulla cittadinanza va bene così come è»

di Giampiero Rossi

MILANO — «Vorrebbe avere lo ius soli? È una scelta che potrà fare quando verrà eletto parlamentare». Il tono è cambiato. Tre giorni dopo lo scampato attentato dello scuolabus, il ministro dell’Interno Matteo Salvini ricorre a parole ruvide per replicare al tredicenne Ramy, uno degli eroi ragazzini della scuola media di Crema. L’innesco della reazione del responsabile del Viminale è il tema della cittadinanza per nascita, lo ius soli, tornato d’attualità proprio dopo la grande paura per i 51 ragazzini rapiti sull’autobus. Almeno una dozzina di loro, infatti, sono figli di immigrati, quindi senza cittadinanza italiana. E, in particolare, lo sono Ramy, Adam e altri tra coloro che in questi giorni sono stati definiti «eroi» perché durante quell’ora da incubo — sul bus cosparso di benzina e sotto le minacce di Ousseynou Sy — sono riusciti ad allertare le forze dell’ordine e le loro famiglie. Nelle ore successive era stato lo stesso Salvini a evocare la questione della cittadinanza, ipotizzandone la revoca per l’attentatore di origine senegalese e poi aprendo anche all’idea di riconoscerla come «premio» a Ramy, nato in Italia da genitori egiziani. Ma è stato lo stesso ragazzino a porre l’interrogativo «perché solo a me?» e non agli altri compagni a loro volta in attesa di diventare italiani.

Così ieri il vicepremier è tornato sulla vicenda per ribadire che «se verrà condannato per terrorismo» il sequestratore «la cittadinanza la perde». E ha anche specificato per quanto riguarda il tredicenne Ramy che «stiamo facendo tutte le verifiche del caso, perché prima di fare scelte così importanti bisogna aver controllato tutto e tutti». Ma in ogni caso quella resterebbe l’unica pratica aperta e che nonostante la richiesta dei ragazzini eroi della scolaresca di Crema «la legge sulla cittadinanza va bene così com’è», non c’è «assolutamente» alcuna possibilità di riaprire la discussione sullo ius soli.

«Se potessi, li vedrei molto volentieri», dice comunque Salvini dei ragazzi protagonisti della spaventosa vicenda, ma aggiunge: «Così come incontrerei molto volentieri i carabinieri che sono stati bravissimi e velocissimi a salvarli e a bloccare l’assalitore». Immediate le reazioni politiche. «Il ministro dell’Interno fa il bullo con un ragazzino che ha dimostrato grande coraggio e un alto senso civico. Caro Ramy, moltissimi italiani sono con te», scrive poco dopo su Twitter Riccardo Magi, deputato radicale di +Europa. E l’ex presidente della Camera Laura Boldrini osserva: «Il diritto alla cittadinanza non è un regalo ma un diritto che va acquisito con un processo di integrazione». A sostegno di Salvini, invece, Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia: «Siamo contrari allo ius soli perché è una norma stupida, non esiste da nessuna parte al mondo». Intanto il sindaco di Crema Stefania Bonaldi ha sporto denuncia alla polizia postale per i messaggi in cui viene indicata come responsabile del sequestro, perché «a favore dell’immigrazione incontrollata e contro il decreto sicurezza».

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •