Dopo Di Maio il prossimo a schiantarsi sarà Salvini

20 Febbraio 2019 0 Di ken sharo

Noi di sinistra abbiamo molti difetti – accetto anche di discutere l’ipotesi che abbiamo solo difetti – ma che cosa dire di fronte a questi personaggi della destra che imperversano in tutte le stagioni? L’elenco di nomi è presto fatto: Gianluigi Paragone, Mario Giordano, Maurizio Belpietro, Vittorio Feltri e tutta una piccola corte di giornalisti di destra e di estrema destra (vi raccomando gli ultras cattolici anti-Francesco) che sono passati dagli insulti più virili contro chi criticava Silvio Berlusconi all’esaltazione dell’anti-berlusconismo più vile fino a diventare portavoce ufficiosi dei grillini e dei salviniani, cioè di quella genia di sfasciatori dello Stato repubblicano che, secondo intellettuali come Maurizio Viroli, avrebbero rifondato la Repubblica. Non mi interessa analizzare le loro piroette, le abbiamo fatti tutte o quasi. Mi sorprende, quando ci si trova di fronte a voltagabbana, che nessuno di loro, di destra o di sinistra, abbia il coraggio di avvertire il pubblico con queste semplici parole: «Ho sbagliato».

Pensate a Gianluigi Paragone, chitarrista di buona levatura, che è passato disinvoltamente dalla Lega e dal berlusconismo al Movimento cinque stelle e oggi immagino stia rodendosi il fegato pensando a come potrà farsi perdonare dai suoi ex amici che ha abbandonato e che sono diventati d’improvviso fortissimi. Pensate a Mario Giordano, bardo coraggioso del berlusconimso, che passa le sue serate televisive a cannoneggiare, metaforicamente, i migranti. Pensate a Feltri a cui si perdona tutto, persino l’antisemitismo, perché dicono che sia vecchio e che abbia qualche vizietto post-prandiale.

La stampa di sinistra praticamente non c’è più, a parte gli eroi e le eroine del Manifesto, mentre quel monstrum del Fatto quotidiano ci sta spiegando, con il fondatore e con il direttore, che i pentastellati sono stati rovinati da Berlusconi (pensate un po’!) e che in fondo è tutta colpa di Matteo Renzi se abbiamo Luigi Di Maio e Michele Giarrusso, sì quel signore con la faccia gonfia da pre-infarto che mima le manette come un leghista d’antan.

LA SINISTRA IMBELLE DAVANTI ALLE MOSTRUOSITÀ DEL GOVERNO

Di fronte a questi attori i difetti di noi di sinistra, che abbiamo perso tempo a litigare per e contro Massimo D’Alema e Walter Veltroni, per dirci o no prodiani, a combatterci in nome o contro un maleducato di Rignano, sembriamo 10 piccoli indiani un po’ coglioni. E lo siamo, visto che di fronte a questo quadro monstre di una destra che non piace alle persone perbene di destra, stiamo ancora lì a spaccare il capello (non uso altro nome di membra umane) per decidere se deve dirigere tizio o caio dimenticando la vecchia massima di Mao: non è importante di che colore sia il gatto purché prenda il topo. E il gatto in questione deve avere due caratteristiche. Deve essere un gattone, non un piccolo partito. Deve combattere senza lamentarsi ogni due minuti sul destino cinico e baro.

Di Maio Salvini Alleanza Governo News © News 3.0 Di Maio Salvini Alleanza Governo News

L’ALLEANZA M5S-LEGA SI DIMOSTRERÀ UNA BOLLA ELETTORALE

È il classico momento di citare Guido Dorso e i suoi cento uomini di ferro (oggi diremmo, più appropriatamente, uomini e donne) che fanno un patto di resistenza fino alla vittoria finale, che arriverà dopo un percorso lungo fatto anche di batoste parziali. Una sola certezza devono avere. L’accrocco oggi al governo, comunque si raggrumerà, qualunque sia il prossimo successo elettorale, sta diventando sempre più una bolla elettorale. Avendo perso la forza del “contro” si schianterà sul “per”. Matteo Salvini farà casino perché sentirà di avere con lui i sovranisti di tutta Europa, cioè i nemici veri della patria italiana. Si appesantirà accogliendo grillini in fuga senza riuscire a dare soddisfazione alla base produttivistica del suo antico Nord, prenderà per il culo, (quando ci vuole, ci vuole) il votante meridionale che alla fine si accorgerà che il movimento leghista è sempre, instancabilmente, irreversibilmente nordista. Per questo non sono più tanto importanti le contraddizioni nostre e fra noi e il popolo. Temo solo che questi al governo non se ne andranno pacificamente dal potere.

Sorgente: Dopo Di Maio il prossimo a schiantarsi sarà Salvini

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •