Perché Macron è diventato il nemico giurato di Salvini e Di Maio

23 Gennaio 2019 0 Di luna_rossa

Non si sono mai piaciuti. Sarà stata colpa anche dell’endorsement espresso a suo tempo da Matteo Renzi, ma prima Matteo Salvini e poi Luigi Di Maio hanno manifestato fin dalle prime battute del governo gialloverde un’avversione quasi naturale con la Francia di Emmanuel Macron. Il capo dell’Eliseo rappresenta nella narrazione dei due vicepremier italiani l’emblema dell’Europa che si propongono di sconfiggere – sia pure da fronti diversi – alle elezioni per il parlamento di Strasburgo il prossimo 26 maggio. Macron del resto è il nemico dei loro alleati. Di Marine Le Pen, schierata al fianco di Salvini per la costruzione dell’asse sovranista, così come dei gilet gialli corteggiati (per ora senza successo) da Di Maio.

PER SAPERNE DI PIÙ / M5S contro Lega: dalla Tav ai 49 milioni da restituire, è già campagna elettorale

Le occasioni per arricchire questa avversità non sono certo mancate. Dallo scontro sui migranti (con accuse reciproche e giudizi poco lusinghieri tanto da una parte che dall’altra) a quello sulla Libia, fino ai gilet gialli – sostenuti apertamente dal leader del M5s proprio nei giorni delle manifestazioni violente sugli Champs Élysées. Senza contare il corollario della guerra più o meno dichiarata sulle grandi partite economico-industriali: dall’acquisizione da parte di Fincantieri del 50% di Stx France finita,su iniziativa del governo francese (e con il sostegno di quello tedesco) sotto la lente dell’Antitrust europeo proprio nei giorni scorsi fino al confronto articolato e non ancora concluso sulla Tav. Fronti che di qui a maggio si potrebbero moltiplicare. Il campo di battaglia è infatti tutto politico. E tanto Macron che Salvini e Di Maio ci tengono ad essere l’uno il nemico degli altri due.

PER SAPERNE DI PIÙ / Da Macron ai gilet gialli, come è cambiata la strategia dei Cinque stelle in vista delle europee

Ma il destino di ciascuno dei tre dipenderà tanto dal risultato delle urne che, ancor di più, dagli equilibri che si creeranno nelle settimane successive il verdetto elettorale a Strasburgo e Bruxelles. E non è detto che a contare di più, ad avere un significativo peso specifico nelle decisioni che verranno prese nel prossimo quinquennio sarà tra chi avrà raccolto il maggior numero di consensi nel proprio Paese. Non sarebbe la prima volta. Anche Renzi si aggiudico il primato sia in italia che in Europa.

GUARDA IL VIDEO / Salvini: guidare alleanza sovranisti? Se lo chiedono ci penserò

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •