il manifesto del 02.01.2019 e i primi articoli online

2 Gennaio 2019 0 Di ken sharo

Ancora in mare dopo 11 giorni, con clima avverso e a rischio malattie, denunciano i medici: 49 naufraghi salvati da due ong tedesche non trovano un porto per accoglierli, rifiutati da Italia, Grecia e Spagna. E Londra e Parigi blindano la Manica contro l’aumento degli sbarchi

Politica

Elogio del buonismo. E il presidente pacato fa da argine a Salvini

Daniela Preziosi

Rispetto del parlamento, auguri agli immigrati e al volontariato. L’altra Italia del Colle, il messaggio sbaraglia in tv e in rete. “Non bisogna avere paura di manifestare i migliori sentimenti, auguri ai 5 milioni di immigrati che vivono, lavorano e praticano sport nel nostro paese”. “La grande compressione dell’esame parlamentare della manovra e la mancanza del confronto con i corpi sociali richiedono ora un attenta verifica dei contenuti”. Il presidente e le divise militari sfoggiate ai comizi: patrimonio a servizio di una comunità, da tutelare

Commenti

L’ultimo strappo contro il parlamento ma quella strada era stata già aperta

Gaetano Azzariti

Ai nuovi partigiani della Costituzione domandiamo di fare i conti con la propria esperienza, poiché è dal disinvolto comportamento da loro tenuto in passato che si legittimano i peggiori strappi di oggi. La nuova maggioranza, invece, abbia almeno il pudore di confessare di aver abbandonato gli ideali che li aveva spinti a sostenere la lotta per la Costituzione

Lavoro

Sorvegliare (e punire) le famiglie in cambio di un sussidio

Roberto Ciccarelli

Si profilano le «politiche attive del lavoro» più penalizzanti in Europa: i «poveri assoluti» percettori del sussidio detto impropriamente «reddito di cittadinanza» saranno sorvegliati insieme ai membri delle loro famiglie e dovranno rispettare l’obbligo di lavoro gratuito, la formazione obbligatoria. Mentre si parla di spostamenti fino a 500 km, obbligatori per disoccupati oltre i 12 mesi, obbligati ad accettare un’offerta di lavoro su tre. Il decreto sul sussidio simbolo del governo Lega-Cinque Stelle è atteso entro 14 giorni insieme alla «Quota 100»

EDITORIA

È anche il crepuscolo delle emittenti locali

Vincenzo Vita

Finisce tristemente un capitolo glorioso, per di più scritto da soggetti titolari di concessioni d’uso ventennali. Si rischia una feroce e inesorabile disoccupazione, essendo 4000 gli addetti del settore, dei quali almeno 2000 giornalisti. Quantità – quest’ultima- superiore ai numeri della Rai e nettamente a quelli di Mediaset

Commenti

La controriforma fiscale che sta arrivando

Alfonso Gianni

Il regime forfettario potenziato dal 2019 scava un baratro tra lavoratori autonomi e dipendenti, tra i titolari di partita Iva tassati con l’Irpef e quelli avvantaggiati dalla flat tax

Commenti

Anno nuovo, confini vecchi

Raffaele K. Salinari

Lo ripetiamo ancora una volta: come nella poesia di Brecht prima scompaiono quelli più lontani ed apparentemente diversi poi, via via, tutti coloro che vogliono continuare a pensare liberamente

Investe siriani e afghani: 5 feriti. Attentato xenofobo in Germania

Sebastiano Canetta

Il responsabile è un 50enne: ha colpito nella città di Bottrop, poi ci ha riprovato a Essen dove è stato arrestato. Ha cercato cercando deliberatamente di ucciderli dopo averli identificati come gruppo di stranieri, dice il ministro dell’interno del Nordreno-Vestfalia

Germania, la Grande coalizione che vale un tesoro per le lobby

Sebastiano Canetta

Al Bundestag l’elenco dei fondi versati nel 2018 dagli industriali a Cdu-Csu. Segue l’Spd. Quindi liberali e anche i Verdi. 2 milioni di euro: li hanno presi tutti tranne Linke e AfD che però raccoglie molti bonifici esteri

Juncker: «Dubbi sulla presidenza alla Romania»

redazione

In un’intervista al quotidiano tedesco Die Welt il presidente della Commissione Ue Jean-Claude Juncker ha esposto le sue perplessità sul semestre guidato da Bucarest iniziato il 1 gennaio. «Negoziati giudiziosi esigono anche la volontà di ascoltare gli altri e la ferma volontà di mettere le proprie preoccupazioni in secondo piano, ho qualche dubbio a questo proposito»

Fuga di gas nella città voluta da Stalin, 9 morti

Yurii Colombo

Il capo di Stato russo si è recato subito sul luogo della tragedia dove ha tenuto una riunione nella sede operativa con la partecipazione dello staff del ministero per emergenze, del Ministero della salute, della regione di Celyabinsk e del distretto federale degli Urali

Nelle campagne senza Stato, di Silvia non c’è traccia

Fabrizio Floris

Sono passati 38 giorni dal rapimento della cooperante italiana. La polizia usa droni e pattugliamenti, ma i locali non aiutano più. Nelle aree remote non si investe e la sanità è assente: istituzioni viste come nemiche

Brevi dal mondo: Egitto, Israele, Emirati, Sudan

Red. Esteri

Il Cairo conferma la condanna per Amal Fathy. In Israele l’opposizione si spacca in diretta tv. La Ue chiede agli Emirati il rilascio dell’attivista Mansoor. Intanto il presidente Bashir prova a fermare le proteste con le promesse

Cultura

Lingue che accolgono il silenzio

Chiara Zamboni

«Tasàr. Animale sotto la neve», l’ultima silloge di Ida Travi che conclude la «saga» dei misteriosi Tolki. Lo scacco dell’umano fa percepire la qualità tragica dell’esistenza che si apre al vivente non-umano. Anche i quattro volumi precedenti, raccontano una comunità senza tempo che ha desiderio di futuro

Beat duri e puri per 6ix9ine

Federico Scoppio

«Dummy boy» è il disco del rapper finito dietro le sbarre dopo aver violato la libertà vigilata

Rubriche

Il carcere nel tempo della paura

Francesco Maisto

Il nuovo Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria ha inviato al personale del Dap le sue «Linee programmatiche», con una circolare in cui invita «ad adottare tutte le iniziative per garantire la tempestiva esecuzione delle disposizioni». Per fortuna nella Premessa del documento tali indicazioni sono qualificate solo come «tendenziali», perché, se invece fossero effettive, rappresenterebbero sicuramente una drammatica battuta di arresto del lungo e faticoso cammino di attuazione dell’Ordinamento penitenziario in senso costituzionale e una tragedia per gli scenari di un sistema carcerario futuro

Sorgente: il manifesto del 02.01.2019 | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •