Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il decreto sicurezza e quelle parole di Mattarella: conta la Carta, non le mie idee

Il decreto sicurezza e quelle parole di Mattarella: conta la Carta, non le mie idee

Il Colle, chiamato in causa dal vicepremier Salvini («I sindaci tradiscono gli italiani: rispettino la firma del capo dello Stato») sceglie il silenzio. Ma un tempo ricordò che a volte deve firmare provvedimenti «anche se non li condivide appieno»

di Marzio Breda
Protestare contro una legge rifiutando di applicarla non è una mancanza di rispetto anche verso il presidente della Repubblica, che l’ha promulgata? Non diventa un modo, quello scelto da alcuni sindaci, per contestare indirettamente pure lui? Ruotava intorno a questa domanda la coda polemica che ieri sera veniva rinfocolata da esponenti del governo, dopo la ribellione contro il decreto sicurezza annunciata dal primo cittadino di Palermo, Orlando, imitato da parecchi colleghi. Una sfida nella quale il vicepremier Salvini ha evocato il capo dello Stato, quasi per farsene scudo a difesa della propria legge-bandiera con un «traditori degli italiani, rispettino la firma di Mattarella…».

Il Quirinale, chiamato in causa, ha scelto il silenzio. Ed era scontato, vista la piega presa della questione, che potrà esser risolta dalla Corte costituzionale, se qualcuno vi ricorrerà. Del resto, è capitato molte volte, sotto diversi presidenti, che una legge avallata dal Colle sia stata poi bocciata dalla Consulta senza che nessuno ne fosse delegittimato.

L’unico indizio per capire l’atteggiamento di Mattarella viene dalla citazione di quanto disse nell’incontro con un gruppo di studenti il 26 ottobre 2017. Un ragazzo gli chiese: «Quando le capita di firmare atti che non le piacciono come si comporta?». Risposta: «Quando mi arriva qualche provvedimento, una legge del Parlamento o un decreto del governo, io, anche se non lo condivido appieno, ho il dovere di firmarlo. Anche se la penso diversamente, devo accantonare le mie convinzioni perché devo rispettare quello che dice la Costituzione: che la scelta delle leggi spetta al Parlamento e la scelta dei decreti che guidano l’amministrazione dello Stato spetta al governo. E se non firmassi andrei contro la Costituzione. C’è un caso in cui posso, anzi devo non firmare: quando arrivano leggi o atti amministrativi che contrastano palesemente con la Costituzione. Ma in tutti gli altri casi non contano le mie idee, perché non è a me che la Costituzione affida quel compito, ma ad altri, al Parlamento e al governo. E io ho l’obbligo di firmare, perché guai se ognuno pensasse che le proprie idee prevalgono sulle regole dettate dalla Costituzione. La Repubblica non funzionerebbe più».

Sorgente: corriere.it
Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing