Arresti, torture ed esecuzioni in carcere: così l’Iran reprime le rivolte per il pane – La Stampa

26 Gennaio 2019 0 By luna_rossa

Rapporto di Amnesty fa il bilancio del giro di vite dopo le proteste del 2018. Giornalisti, studenti e attiviste fra le vittime. Centinaia condannati al carcere e alla fustigazione

Il 2018 è stato per l’Iran l’anno della grande repressione, con settemila persone arrestate. Le manifestazioni per la crisi economica sono state stroncate a gennaio, ma la macchina delle forze di sicurezza ha continuato a lavorare a pieno ritmo contro altre forme di protesta, come quelle delle attiviste per i diritti umani. Un clima cupo che ha segnato il secondo mandato del presidente riformista Hassan Rohani, messo all’angolo dalle nuove sanzioni americane e dall’erosione della sua base di consenso, che ha favorito il ritorno dei metodi oltranzisti.

La grande repressione in Iran denunciata dal rapporto di Amnesty International: 7000 arresti tra giornalisti, avvocati, studenti, sindacalisti e attivisti

I numeri del giro di vite sono stati rivelati da un rapporto di Amnesty International. Nel corso dell’anno sono state arrestate settemila persone. Fra loro «studenti, avvocati, giornalisti, ecologisti, sindacalisti e attivisti per i diritti delle donne». Centinaia sono «stati condannati a pene detentive e alla fustigazione». Nove sono morti in prigione, 26 sono stati uccisi durante le proteste. Lo spettro sociale degli arrestati mostra anche la vastità del malcontento, come ha sottolineato il direttore di Amnesty per il Medio Oriente e il Nord Africa, Philip Luther: «Dagli insegnanti che non ricevono lo stipendio agli operai delle fabbriche che faticano a nutrire le loro famiglie, tutti quelli che osano chiedere il rispetto dei loro diritti pagano un prezzo alto».

La repressione è stata dura nei confronti dei lavoratori salariati, i più toccati dalla crisi e dall’inflazione. Almeno 467, compresi insegnanti, camionisti, operai delle fabbriche sono stati arrestati e decine hanno ricevuto condanne pesanti. Trentotto anche la fustigazione. Il giro di vite non ha però fermato le proteste, che hanno assunto altre forme. Migliaia di donne che hanno cominciato a togliersi il velo in pubblico e 112 sono state arrestate. Fra loro l’attivista Nasrin Sotoudeh, accusata di reati contro «la sicurezza nazionale». Mercoledì anche il marito Reza Khandan, che si è battuto per la sua liberazione, è stato condannato a sei mesi di prigione.

Il giro di vite però non ha fermato le proteste: migliaia di donne si sono tolte il velo in pubblico e 122 di loro sono state arrestate

Accanto alle femministe sono cresciuti i movimenti ecologisti, anche questi nel mirino del regime. Almeno «63 attivisti e ricercatori» sono stati arrestati. Sono accusati in genere di «spionaggio», cioè di raccogliere «dati sensibili» nelle aree investite dalle proteste, per esempio vicino a dighe che hanno devastato l’ambiente. Cinque di loro – Morad Tahbaz, Niloufar Bayani, Houman Jokar, Sepideh Kashani, Taher Ghadirian – sono statti accusati di «mofsed-e-filarz», cioè di «spandere corruzione sulla Terra», una imputazione con sfumature religiose che può condurre alla pena capitale. Stesso rischio corrono duecento persone della confraternita sufi dei Gonabadi, protagonisti di una protesta lo scorso febbraio. Uno di loro, Mohammad Salas, è stato giustiziato a giugno per aver investito e ucciso tre poliziotti con il suo pullman. Altri 20 sufi sono stati condannati a lunghe pene detentive e alla fustigazione, così come il giornalista azero Mohammad Hossein Sodagar, accusato di diffondere «fake news».

Le sanzioni americane pesano, ma l’economia resiste e ha registrato qualche lieve miglioramento

Con l’inizio del 2019, mentre la Repubblica islamica si prepara a festeggiare il 40esimo anniversario della Rivoluzione khomeinista, le proteste sembrano soffocate. A dare il fiato al regime, anche se il presidente Rohani è indebolito, sono alcuni miglioramenti economici. Le sanzioni americane hanno incluso «eccezioni» per l’export di petrolio a otto Paesi. Anche se, secondo i dati ufficiali, le esportazioni sono calate da 2,5 milioni di barili al giorno dello scorso aprile ai 1,3 milioni di dicembre, quelle reali, secondo il sito specializzato CargoMetrics, sono vicine ai 2 milioni e questo dà fiato all’economia. Un altro spiraglio di speranza è stata l’elezione a novembre del riformista Pirouz Hanachi a sindaco di Teheran. Potrebbe essere il nuovo volto dell’Iran.

Sorgente: Arresti, torture ed esecuzioni in carcere: così l’Iran reprime le rivolte per il pane – La Stampa

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •