Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Usa al voto di metà mandato, seggi aperti. Democratici avanti nei sondaggi – Rai News

Il voto rinnoverà gran parte del Congresso. I Dem conservano il vantaggio sui Repubblicani nell’ultimo sondaggio della Cnn: 55% a 42%. Per 7 su 10 sarà una sorta di referendum su Trump. “L’America è di nuovo rispettata in tutto il mondo”, sostiene il presidente. Obama interviene: “Il boom dell’economia Usa è mio”

06 novembre 2018 Al via l’Election Day in America per il voto di metà mandato che rinnoverà gran parte del Congresso. Seggi oramai aperti in quasi tutti gli Stati Uniti per le elezioni di metà mandato in cui gli americani sono chiamati a rinnovare gran parte del Congresso. Dalla East alla West Coast si registrano ovunque lunghe file che fanno presagire un’altissima affluenza. L’America dunque vota sui primi due anni di Donald Trump alla Casa Bianca. Mai come questa volta le elezioni di metà mandato negli Stati Uniti sono un referendum sul presidente in carica. Il tycoon lo sa, e nelle ultime ore non si è risparmiato su e giù per il Paese, in un tour de force che lo ha portato negli Stati in cui vanno in scena le sfide decisive per un posto alla Camera, un seggio al Senato oppure una poltrona da governatore. Florida, Texas, Georgia, Indiana, Missouri, Ohio. In gioco c’è il destino dell’agenda di Trump, tutta ispirata alla dottrina dell’America First, l’America prima di tutto, e in prospettiva anche le chance di rielezione alle presidenziali del 2020. Trump seguirà il voto con staff e famiglia a Casa Bianca Il presidente Usa, Donald Trump, seguirà gli sviluppi del voto alla Casa Bianca dove avrà frequenti riunioni con il suo staff politico. “Dopo undici comizi in otto stati e settimane di campagna a sostegno dei candidati repubblicani, oggi il presidente farà telefonate, seguirà le elezioni della Camera, del Senato e del governatorati in tutto il paese, terrà riunioni con la sua squadra politica per restare informato in tempo reale”, ha riferito in un comunicato la portavoce della Casa Bianca, Sarah Sanders. E per questa sera il presidente e la first lady hanno invitato familiari e amici in residenza per seguire insieme i risultati”, ha aggiunto. Trump è rientrato all’alba alla Casa Bianca dopo la frenetica giornata di lunedì dove ha partecipato a tre eventi elettorali a Cleveland (Ohio), Fort Wayne (Indiana) e Cape Girardeau (Missouri). Rispetto “L’America è di nuovo rispettata in tutto il mondo. I tempi in cui si approfittavano di noi sono finiti”: così Donald Trump nell’ultimo comizio prima del voto, a Fort Wayne, in Indiana. “Ora avete un presidente che lotta per il nostro Paese, Paese che invece i democratici voglio distruggere”, ha aggiunto Trump. “Ma noi non lo permetteremo”, ha proseguito, “non molleremo mai e non ci arrenderemo mai. E vinceremo, perché noi siamo veri americani”. Sondaggi Gli ultimi sondaggi danno ancora i democratici in vantaggio alla Camera, dove si rinnovano tutti e 435 i rappresentanti, mentre in Senato (che sarà rinnovato per un terzo) i repubblicani sembrano tenere. C’è chi evoca una ‘blue wave’, l’onda blu che travolgerebbe il partito del presidente e che farebbe riconquistare ai dem la maggioranza di almeno uno dei due rami del Congresso. Ma nessuno scorda la cocente delusione del 2016, quando Hillary Clinton era favorita per la Casa Bianca e invece subì una sconfitta shock, una ferita che ancora oggi brucia. Interferenze Facebook ha immediatamente bloccato 30 account della sua piattaforma e 85 su Instagram sospettati di essere coinvolti in un piano coordinato peri nterferire sulle elezioni di metà mandato negli Usa. Lo rende noto la società di Mark Zuckerberg spiegando che tale attività potrebbero essere legate a entità straniere. Allarme meteo Allarme meteo sulle Midterm. L’Election Day secondo le ultimissime previsioni sono quelle del cattivo tempo soprattutto ad est degli Stati Uniti dove nelle prossime ore sono in arrivo temporali e tempeste di vento. Secondo gli esperti queste condizioni meteorologiche rischiano di influire sull’affluenza alle urne, un dato che preoccupa sia i democratici che i repubblicani che hanno fatto l’ultimo tratto di campagna elettorale spronando gli elettori a votare. Obama Anche Barack Obama è sceso in campo come mai aveva fatto finora dopo aver lasciato la Casa Bianca. Anche perché in ballo c’è la sua eredità, in parte già fatta a pezzi da Trump. “In gioco ci cono i valori del nostro Paese, il suo carattere”, il monito dell’ex presidente dalla sua Chicago. Da dove ha rivendicato il merito per il boom economico: “Quando sono arrivato alla Casa Bianca ho dovuto risolvere i problemi che ci avevano lasciato i repubblicani”, ha ricordato Obama riferendosi alla crisi dei mutui subprime che ha poi portato alla grande recessione. Un precipizio da cui pian piano l’America è risalita, ha detto l’ex presidente, sottolineando come l’economia e l’occupazione hanno iniziato a crescere negli ultimi 21 mesi del suo mandato: “Dove pensate sia iniziato tutto questo, chi pensate l’abbia fatto?”.

Sorgente: Usa al voto di metà mandato, seggi aperti. Democratici avanti nei sondaggi – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing