Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Maltempo, Salvini a Belluno: il selfie che fa discutere – Corriere.it

Il vicepremier ha annunciato la visita alle zone colpite da frane e alluvioni pubblicando un selfie sorridente nella laguna di Venezia: in tanti criticano il suo atteggiamento

La polemica era partita da Chef Rubio, che giovedì 1 novembre su Twitter si era rivolto direttamente ai vicepremier Salvini e Di Maio e al premier Conte: «Vergogna, fra una cosa e l’altra potete parlare anche di quello che vivono gli italiani?». L’accusa era di dare poca attenzione alle popolazioni colpite dal maltempo a Nordest. Domenica 4 novembre arriva, sempre via social, la risposta di Matteo Salvini:il vicepremier ha pubblicato un tweet spiegando di essere in partenza per Belluno, «per visitare le zone colpite da frane e alluvioni e portare i primi aiuti concreti del Governo».

Il problema è la foto con la quale ha scelto di illustrare il tweet: un selfie sorridente, in posa con la tuta della Protezione civile e con il pollice rivolto all’insù. Il tweet, poi, si conclude con queste parole: «Buona domenica Amici, chi si ferma è perduto» e un’emoticon con il faccino che fa l’occhiolino. Molti utenti criticano questo atteggiamento, ricordando i danni provocati dal maltempo ma anche le vittime di stanotte nel Palermitano. C’è chi, infatti, commenta: «Che c’è da ridere? É una tragedia, non una gita».

Secondo il capo della Protezione civile Angelo Borrelli in Veneto la situazione è «pesante, apocalittica». In provincia di Belluno, in particolare, resta molto critica tra smottamenti, frane riattivate dalle piogge, alberi sradicati, rete elettrica collassata (si parla di 5mila famiglie isolate e al buio), rete idrografica stravolta e rete telefonica con problemi di copertura. E tutto questo alla vigilia della stagione turistica invernale.

Sorgente: Maltempo, Salvini a Belluno: il selfie che fa discutere – Corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.