Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

il manifesto del 03.11.2018 con i primi articoli online

La rabbia dei comitati No Muos: in attesa delle «novità» annunciate da Di Maio contro il mega radar Usa a Niscemi, la ministra Trenta azzoppa il cavallo di battaglia del M5S e deposita un dossier di opposizione al ricorso del sindaco e di Legambiente. Sotto shock i grillini siciliani

Tap, al via i lavori nel mare di San Foca. Il sindaco: «Andrò in Procura»

Gianmario Leone

Marco Potì denuncia: «Il palancolato lo vogliono fare senza avere una concessione demaniale marittima. Ho inviato una diffida al ministro Toninelli». Le operazioni a terra procedono ancora a rilento, ma in questi giorni dovrebbero essere effettuati degli interventi per la messa in sicurezza della zona in vista dell’avvio vero e proprio del cantiere

LEGGE DI BILANCIO

Di Maio: il reddito a Natale. Giorgetti frena, ma poi ci ripensa

Roberto Ciccarelli

Il sottosegretario a Palazzo Chigi Giorgetti parla di «Complicazioni non indifferenti» sul sussidio di povertà detto «di cittadinanza». Il presidente del Consiglio Conte ribatte: «Lo faremo, con attenzione, per questo non l’abbiamo inserito in manovra». Poi l’incontro dove i due smentiscono contrasti e parlano di «polemiche pretestuose», azionate dallo stesso Giorgetti. Il ministro per i rapporti con il Parlamento Fraccaro: «Complicazioni da chi insinua dubbi». Il vicepremier Di Maio ora parla di un «decreto del consiglio dei ministri» dopo la manovra. «I soldi ci sono». E le incertezze aumentano, insieme al nervosismo di una maggioranza in cui continuano gli avanzamenti e le retromarce anche sulla complicata vicenda delle pensioni «quota 100»

POLITICA

Maggioranza incerta, anzi pericolante

Andrea Colombo

L’assedio della Ue e i ristretti margini di manovra sulla legge di bilancio complicano la convivenza. Nemmeno le due boccate d’ossigeno arrivate ieri, il parere positivo dello stress test sulle banche e la discesa dello spread, sono riuscite a calmare le acque

OMBRE NERE

La Trieste plurale dice no a Casapound

Emily Menguzato

Mobilitazione contro il raduno neofascista che celebra la Grande guerra. Alle 15 il corteo dal centro del rione di San Giacomo. Sfuma l’annunciato concerto fascio-rock previsto a Fiume, contestato dalla sinistra e dagli ex partigiani croata

INTERNAZIONALE

Espulsa da Israele la scrittrice Susan Abulhawa

Michele Giorgio – Gerusalemme

La scrittrice palestinese-americana ieri era in attesa di essere espulsa dopo essere stata fermata giovedì al suo arrivo all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Era tra gli ospiti più attesi di «Kalimat», il Festival della letteratura palestinese che si apre oggi a Gerusalemme Est, Haifa e in tre città della Cisgiordania

Cina: più che la crescita preoccupano i consumi

Alessandra Colarizi

Per la leadership al potere in gioco c’è molto più della stabilità economica. A rischio è il patto implicito con cui all’indomani del massacro di Tian’anmen Pechino ha promesso alla popolazione benessere in cambio di lealtà politica

Brevi dal mondo: Sri Lanka, Cina, Pakistan, Nigeria

Red. Esteri

Crisi politica in Sri Lanka dopo la nomina del nuovo premier. Il primo ministro pakistano Imran Khan vola a Pechino, mentre nel paese veniva ucciso a coltellate “il padre dei talebani”. Triplo attacco di Boko Haram nel nord est della Nigeria. Intanto l’esercito nigeriano cita Trump per giustificare l’uccisione di manifestanti

La Nuova Caledonia al voto per l’indipendenza

Anna Maria Merlo

Il «No» è dato ampiamente vincente. Il referendum arriva dopo un processo durato trent’anni, in seguito agli accordi di Matignon dell’88 (governo Rocard) che hanno evitato un rischio di guerra civile. Le diseguaglianze permangono a sfavore dei kanak. Possibili altri referendum, tra due anni e (se vincesse ancora il “no”) tra quattro anni

CULTURA

Il romanzo criminale della crisi brasiliana

Guido Caldiron

Parla lo scrittore britannico Joe Thomas, autore di “Paradise City” (Carbonio editore), che con il timbro crudo e la determinazione del noir racconta l’intreccio tra corruzione e violenza che domina il paese latinoamericano e traccia un ritratto selvaggio della metropoli-mondo di São Paulo. «Le favelas sono circondate da grattacieli residenziali. Bolsonaro parla di repressione io ho raccontato il volto dell’ingiustizia»

La carica sovversiva dei corpi in contatto

Francesca Maffioli

Entrambi editi da ombre corte, «Genealogie Queer» di Federica Valentini e «La linea del genere. Soggettività e politiche dell’identità» a cura di Roberta Pompili e Adalgiso Amendola

VISIONI

La mummia che viene dal ghiaccio

Elfi Reiter

E’ impressionante ritrovarsi nello spazio ridotto di 4mq x 4mq circa in cima alla torre del Castel Tirolo che domina la Val d’Adige, sopra Merano, con attorno le quattro foto in formato gigante che rappresentano una presenza altrettanto storica: l’«Uomo venuto dal ghiaccio»

Barbra Streisand, dobbiamo costruire ponti e non muri

Stefano Crippa

Esce «Walls» un album politico contro l’amministrazione Trump: «Sono tempi terribili, molti dei fondamentali principi della democrazia che noi diamo per scontati vengono erosi giorno dopo giorno: la libertà di stampa, la libertà di parola»

Paolo Poli, l’implacabile chirurgo

Gianfranco Capitta

Fino al 6 gennaio il Valle ospita una mostra dedicata all’artista fiorentino, figura unica della scena italiana. Trionfo di costumi tra le poltrone della sala romana, mentre sui monitor scorrono scene dai suoi spettacoli

Interni di famiglia

Matteo Boscarol

Il Tokyo Film Festival è un osservatorio privilegiato della produzione giapponese e del continente asiatico. Dalla condizione delle donne in Iran attraverso il calcio, ai figli «hikikomori»

Alias Comics fra Lucca e dintorni

Redazione visioni

Alla kermesse toscana fino a domenica 4 novembre, in Area Pro, tra gli appuntamenti una serie di incontri con gli autori del supplemento

Una banconota come portafortuna

Linda Chiaramonte

Un artista a confronto con i migranti: la personale «Half Dinar» di Flavio Favelli, negli Spazi Exart, ex Deposito Atr

Tutti i colori di D’Artagnan

Massimo De Feo

Figurante a Cinecittà e in tv, trombettiere del re, artista senza fissa dimora, mai riconosciuto in Italia, la sua prima mostra a sedici anni dalla sua morte è stata alla Ksart Gallery di New York

Eravamo tutti figli delle stelle

Stefano Crippa

Il 9 novembre al Festival dei Popoli «Studio 54» , il documentario di Matt Tyrnauer che racconta fasti e caduti del locale newyorchese più trendy dei ’70

Il colore rosa del jazz

Flavio Massarutto

Racconti in cui spesso le eroine sono ragazze belle e eleganti impegnate a raggiungere il successo nello showbiz. Dagli anni ’50 a oggi. Tra le trame: una modella inglese si prende cura di un chitarrista, un’aspirante attrice americana accetta di sposare un pianista pur non amandolo

Sorgente: il manifesto del 03.11.2018 | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing