Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

VOCI DALLA STRADA: L’imperialismo e i suoi complici: Dittatura e Democrazia negli Stati Uniti e nel mondo

Uno dei progressi storici più sorprendenti nel mondo dell’imperialismo occidentale (di Stati Uniti e Unione europea) è la scomparsa e la dissoluzione dei grandi movimenti anti-imperialisti e anti-interventisti (AIM) che funzionavano da anni.

Una delle ragioni principali di questa disfatta è la limitata disponibilità o incapacità dei movimenti di affrontare le élite imperiali emerse dalle elezioni e impegnate in guerre regionali contro regimi nazionalisti dittatoriali o autoritari.

In questo articolo ci occuperemo di delineare la dimensione del problema. Successivamente, analizzeremo le conseguenze politiche ed economiche dei mali politici dell’AIM. Finiremo questo lavoro con la proposta di alternative all’attuale impasse.

 
Dimensione del problema: imperialismo e conquista di regimi dittatoriali indipendenti

Negli ultimi trent’anni, i regimi imperiali emersi da elezioni e guidati dagli Stati Uniti sono intervenuti, hanno invaso e conquistato diversi regimi dittatoriali o autoritari indipendenti, tra cui Iraq, Afghanistan, Libia, Siria e Ucraina. Tranne che nel caso dell’inizio dell’invasione dell’Iraq, non c’è stata praticamente nessuna opposizione massiccia dall’AIM.
Durante le conquiste imperiali e dopo di esse, l’AIM ha ignorato i milioni di persone uccise o sradicate e la distruzione della struttura socio-economica delle loro società. L’AIM non ha reagito all’imposizione occidentale di collaboratori coloniali incaricati di governare i regimi vassalli.
 
Al momento, l’imperialismo occidentale è coinvolto in una guerra politica ed economica per rovesciare – o dominare – il governo autoritario di diversi paesi scossi da crisi, tra cui Turchia, Venezuela e Nicaragua. L’opposizione da parte dell’AIM è inesistente o troppo debole. Al contrario, nel nome della democrazia, molti intellettuali occidentali sostengono le acquisizioni di potere sostenute dall’impero.
 
L’imperialismo occidentale sta espandendo il suo dominio, approfondendo il suo intervento e aumentando il costo umano e materiale dei popoli che ne sono l’oggetto. Nel frattempo, il silenzio è assoluto e l’assenza (se non la complicità) di coloro che affermano di essere movimenti anti-imperialisti e intellettuali è totale.

Quali sono le ragioni del rifiuto dell’AIM di riconoscere e rivendicare i valori democratici? A cosa è dovuta l’assenza di solidarietà e opposizione delle nazioni alla depredazione esercitata dalle potenze occidentali? Perché alcuni leader (e seguaci) dell’AIM hanno celebrato alcune conquiste imperiali come se fossero una “liberazione”? Perché alcune minoranze etniche in paesi indipendenti hanno collaborato con le potenze occidentali, come i curdi in Iraq, che parlano di “colonialismo democratico”?

La dittatura dell’imperialismo e la morte dei Movimenti Antimperialisti (AIM)

I leader dell’AIM hanno formulato una falsa equivalenza: hanno equiparato l’opposizione ai conquistatori imperialisti con quella esercitata contro gli stati autoritari indipendenti.
Non distinguendo tra loro, o peggio, unendo i due, gli AIM si rifiutano di mobilitare, organizzare e preparare i loro sostenitori politici. Non esprimono alcuna solidarietà con i popoli conquistati o difendono la loro società, i loro mezzi di sostentamento e le loro risorse.

I leader dell’AIM non capiscono che le guerre imperiali e di conquista impongono sentenze di morte che sono spesso più gravi e dure dei governanti locali; la loro oppressione, sfruttamento e distruzione dei popoli conquistati supera di gran lunga le dittature esistenti. Non c’è dubbio che gli imperialisti hanno distrutto gli avanzati standard di vita scientifico-culturale di paesi come Iraq, Libia e Siria. I talebani non hanno governato attraverso l’economia della droga; né hanno distrutto i villaggi né dominato la vita quotidiana come avvenne dopo l’invasione e la conquista degli Stati Uniti.

Sebbene l’AIM non agisca per prevenire le invasioni e gli interventi imperiali, ancor meno lo fa per rispondere una volta che le conquiste sono state prodotte.
Perché? A causa della falsa equivalenza; i popoli e la loro resistenza non agiscono secondo il protocollo dei leader dell’AIM, quindi, esecutori e vittime sono stati ugualmente responsabili!

Alcuni settori della sinistra e dell’intellighenzia progressista occidentale si sono spinti ancora più in là – almeno durante le prime invasioni imperiali – sostenendo quello che sognavano fosse un “controllo democratico” derivante dall’intervento imperiale (che chiamavano “rivolta”)! Ovviamente, gli imperialisti sapevano molto di più e hanno cooptato e scelto i loro complici nel loro percorso di conquista e distruzione. I leader dell’AIM ignorarono sia gli “imperialisti” che le “dittature” e abbandonarono i collaboratori che diedero un rivestimento di “valori democratici” all’occupazione imperiale in corso.

Le ragioni affinché L’AIM si mobiliti e sfidi l’imperialismo sono molte e profonde e vanno oltre la solidarietà con i popoli oppressi.

Ad esempio, l’imperialismo USA è in pieno saccheggio e distruzione di Turchia, Venezuela e Nicaragua, indebolendosi e facendo tutto il possibile per rovesciare i rispettivi governi. In Brasile, Washington ha già promosso un regime di clienti e cerca di organizzare le prossime elezioni imprigionando e squalificando il leader più importante, il leader del centro-sinistra Lula Da Silva.

Il presidente Trump ha decretato sanzioni economiche contro la Turchia per approfondire la crisi economica di quel paese e per costringere Ankara a rinunciare alla sua politica indipendente nei confronti dell’Iran e della Russia.

I movimenti antimperialisti turchi sostengono il regime di Erdogan contro gli Stati Uniti, sebbene mantengano la loro indipendenza nell’opporsi alla sua politica autoritaria. Niente di tutto questo esiste tra i movimenti antimperialisti occidentali. Politiche imperiali simili si stanno realizzando in Nicaragua. A differenza della Turchia, la destra liberale (e gli ex milionari sandinisti) sostengono i manifestanti che combattono per le strade lanciando cocktail Molotov e sono sostenuti dall’elite imprenditoriale e dal Pentagono.

Se il presidente Daniel Ortega, eletto in elezioni libere, sarà rovesciato, l’élite sostituirà l’attuale politica internazionale indipendente con quella di una tipica repubblica delle banane vassallo degli Stati Uniti.

Il successo imperiale nel rovesciamento delle dittature nazionali ha un effetto domino, non un’ “ondata democratizzante”, come promettono i liberali. Invece, serve a stabilire una serie di nuove semi-colonie come è evidente nel Medio Oriente oggi.

Inoltre, la mancanza di azione da parte dei leader AIM ha portato alla loro morte politica e alla crescita dell’estrema destra.
I leader dell’AIM appoggiarono un presunto presidente “progressista” Obama e si rifiutarono di mobilitarsi contro le sette guerre imperialiste da lui avviate, in cui morirono milioni di persone e molte altre furono costrette all’esilio.
La defezione dei progressisti e la sottomissione a Obama hanno dato le ali all’ascesa del pluto-populismo di Trump.

Le guerre imperialiste all’estero hanno rafforzato l’assalto contro la classe operaia in casa. I profitti delle imprese sono saliti alle stelle, i salari ristagnano. Democratici e liberali hanno abbracciato l’apparato della polizia di stato della CIA e dell’FBI.

In passato, l’AIM denunciava il capitalismo estrattivo e il saccheggio delle risorse naturali sia all’interno che all’esterno degli Stati Uniti. In questo momento, c’è solo un’attività sporadica contro il fracking e i gasdotti.

Le comunità indigene dell’America Latina stanno resistendo allo sfruttamento minerario e petrolifero di aziende statunitensi, giapponesi e canadesi – attività che inquinano l’aria, l’acqua e la terra arabile – senza la solidarietà dell’AIM americano.

In altre parole, l’assenza dell’AIM nelle lotte di solidarietà infrange la nozione di solidarietà internazionale e la possibilità di un fronte unito costituito dai lavoratori e anti-imperialisti.
Ciò che rimane dell’AIM rimane in disparte, partecipando a dimostrazioni tanto simboliche quanto irrilevanti.
 
Conclusione
 
L’ascesa e la caduta dell’antimperialismo occidentale è – in parte – una conseguenza del fallimento dei suoi leader di opporsi alle invasioni di paesi indipendenti governati da regimi autoritari. Dietro la loro retorica democratica, i leader AIM accettano l’orribile realtà dello sciovinismo imperiale. Preferiscono non sporcarsi le mani in un conflitto tra regimi imperialisti derivanti da elezioni e dittature nazionaliste imperialiste.

In questo momento, la stragrande maggioranza della popolazione di Iraq, Siria e Libia sa che la vita era molto meglio con i precedenti governi autoritari che hanno promosso uno stato moderno e nazionale, e ciò non accade nelle condizioni attuali della distruttiva e selvaggia occupazione dell’imperialismo occidentale.

Le persone di sinistra occidentali che hanno sostenuto le invasioni imperiali come se fossero state “aperture democratiche” sono silenziose e indifferenti, come se non fossero responsabili per i milioni di morti e gli enormi spostamenti di rifugiati.

Gli umanisti liberali che hanno sostenuto le guerre imperiali con la scusa che salvavano i popoli oppressi dalla tortura e dalle armi chimiche offrono un rifiuto caritatevole e umiliante ai confini dell’Occidente. C’è ben poco ripensamento o riflessione sul fatto che le guerre imperiali sono molto peggiori di uno stato indipendente. I leader AIM non si rendevano conto che i popoli oppressi possono liberarsi solo con le loro decisioni e azioni, non attraverso l’invasione di eserciti imperiali, colpi di stato della CIA o sanzioni economiche.

 
Indipendentemente dai timori popolari dei rispettivi governi, la stragrande maggioranza di turchi, iraniani, venezuelani e siriani sono chiaramente contrari all’intervento dell’imperialismo occidentale e alla sua beffa sui “valori democratici”.

Tutti loro hanno assistito per due decenni alla capacità di distruzione e ferocia dell’Impero occidentale e sanno perfettamente che la vita è molto meglio quando vivono e combattono contro la dittatura. E ignorano l’argomentazione occidentale secondo cui essi sono “l’unico popolo morale” e rifiutano la progressiva credenza nell’equivalenza tra morte e sopravvivenza.

Fonte: https://petras.lahaine.org/b2-img/PetrasImperialism.pdf  25/08/2018
Tradotto in Español

Traduzione per TLAXCALA di Alba Canelli

Sorgente: VOCI DALLA STRADA: L’imperialismo e i suoi complici: Dittatura e Democrazia negli Stati Uniti e nel mondo

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing