Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Posta la foto di un lupo ucciso: «Il prossimo sarà uno della Lav». Bufera su un consigliere regionale

«Il prossimo che troverete in foto sarà uno della Lav». Il commento, a firma del consigliere regionale Veneto Stefano Valdegamberi (Gruppo Misto), è comparso sotto un post Facebook che riprendeva la notizia dell’uccisione di un lupo, avvenuta nei giorni scorsi in un bosco della Lessina, in provincia di Verona. Lo riferisce oggi in una nota Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani Onlus: «Esprimiamo massima solidarietà e vicinanza alla Lega Anti Vivisezione e al suo Presidente Gianluca Felicetti – commenta – per la grave minaccia ricevuta che costituisce un reato penale», e chiede «una risposta dura da parte del Presidente della Regione Luca Zaia contro il consigliere». «Chi mi conosce – replica Valdegamberi in una nota – sa benissimo che uso spesso l’ironia e i paradossi per suscitare delle riflessioni, non certo per minacciare o istigare alla violenza. Non sono un cacciatore, non ho porto d’armi, non faccio parte di alcuna ‘associazione a delinquere tra montanarì, né ho mai minacciato o usato violenza contro qualcuno, come loro lasciano intendere. Semmai la violenza è istigata proprio dalle associazioni come la LAV, che non manca di imporre una posizione di un ambientalismo ideologico e privo di buon senso ed equilibrio che, come evidenziato in un mio comunicato di quei giorni, porta a esasperare la gente che vive e lavora in montagna e diventa la vera causa di azioni, pur sempre biasimevoli – conclude – come quella dell’uccisione del lupo».

Una denuncia penale per il reato di istigazione a delinquere è stata inviata oggi pomeriggio dal presidente nazionale di Aidaa alla Procura della repubblica di Venezia nei confronti dei consigliere regionale veneto Stefano Valdegamberi del gruppo misto che ha postato sui social la foto del lupo ucciso con sovrapposta la scritta: «Il prossimo che troverete in foto sarà uno della Lav». «Si tratta di un messaggio violento specialmente se a scrivere parole simili è un consigliere regionale – dice Lorenzo Croce presidente di Aidaa che ha reso nota la denuncia – questo signore si deve scusare pubblicamente e subito dopo dimettersi perché chi istiga all’omicidio o comunque alla violenza contro il prossimo è indegno di stare in una istituzione italiana. Lo abbiamo denunciato – conclude Croce- perché questo messaggio non è un paradosso è un vero e proprio invito a sparare agli attivisti animalisti e per questo gesto non esiste giustificazione, ma questo consigliere si deve solo vergognare pubblicamente per quanto ha scritto e pubblicato».

Sorgente: Posta la foto di un lupo ucciso: «Il prossimo sarà uno della Lav». Bufera su un consigliere regionale

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing