Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Migranti, Viminale accusa la Francia: “Scaricati in Italia a Claviere da furgone della gendarmeria”. Aperta inchiesta – Il Fatto Quotidiano

Un mezzo della polizia francese è stato fotografato dalla Digos al confine mentre faceva scendere un paio di uomini in una zona boschiva. Il materiale è stato consegnato in Procura a Torino. L’episodio è avvenuto venerdì scorso e viene denunciato ora dal ministero dell’Interno. Salvini: “Voglio chiarimenti”. La Farnesina convoca l’ambasciatore

Un furgone della gendarmeria francese è stato avvistato dalla polizia italiana a Claviere (Torino), al confine, mentre faceva scendere un paio di uomini – presumibilmente migranti di origine africana – in una zona boschiva. L’episodio è avvenuto venerdì scorso e viene denunciato ora da fonti del Viminale. Il mezzo è poi tornato oltreconfine: è stata annotata la targa e i magistrati hanno ricevuto dalla Digos un’informativa. La procura di Torino ha aperto un fascicolo al momento senza ipotesi di reato. La zona è monitorata perché occupata da alcuni estremisti di sinistra e anarchici legati al sodalizio ‘Briser Les Frontieres‘, dove c’è stato uno sgombero lo scorso 10 ottobre. E la Procura ha già aperto un fascicolo per lo sconfinamento di agenti francesi a Bardonecchia avvenuto nel marzo scorso. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Pretendiamo chiarezza, soprattutto da chi ci fa la predica ogni giorno, e non guarderemo in faccia a nessuno”.

E’ una fotografia e non un video, come anticipato in precedenza da alcuni quotidiani, a riprendere un furgone della polizia francese in territorio italiano, tra Claviere e Cesana, mentre si allontana dopo avere fatto scendere due migranti. Lo riporta l’Ansa citando fonti investigative. A quanto risulta, il mezzo aveva le insegne ufficiali della gendarmeria. Gli agenti della Digos che hanno assistito alla scena hanno stilato una informativa che in seguito è stata appunto inviata in procura a Torino.

La Farnesina intanto ha chiesto chiarimenti all’ambasciata francese in Italia. “Il ministero degli Esteri – si legge in una nota – si è immediatamente attivato con l’ambasciatore di Francia in Italia per chiedere chiarimenti al riguardo. Un analogo passo formale, al fine di chiarire i termini precisi dell’accaduto, è in corso da parte del nostro ambasciatore a Parigi con le competenti autorità francesi. Appena stabilita la realtà dei fatti, la Farnesina ne darà completa informazione pubblica”.

“Mi auguro si sia trattato di un errore di chi era alla guida, altrimenti si tratterebbe di un fatto gravissimo di violazione delle regole internazionali”, ha commentato il sindaco di Claviere, Franco Capra, all’Adnkronos. “Già in passato erano accaduti simili episodi, ma i migranti allora erano sempre stati lasciati sulla linea di confine, questa sarebbe la prima volta in territorio italiano. Se così fosse sarebbe scorretto dal punto di vista legale, istituzionale e politico”, ha concluso il sindaco.

Lo sconfinamento della polizia francese, oltre a essere un fatto irregolare in sé e per sé, se confermata sarebbe una violazione degli accordi internazionali per la riammissione ed espulsione degli immigrati. Parigi, in applicazione del trattato di Dublino, ferma infatti i migranti a cui l’Italia non ha già riconosciuto il diritto d’asilo, come a Ventimiglia. I respingimenti però devono avvenire tramite la riconsegna dello straniero alle autorità italiane.

La Francia già in passato non ha rispettato questa procedura, come successo a Bardonecchia a fine marzo scorso, quando alcuni agenti della gendarmeria fecero irruzione in un centro per migranti italiano scortando un profugo, costringendolo al test delle urine e intimidendo un medico, i mediatori culturali e i volontari della ong. Un’azione che si trasformò in un incidente diplomatico: anche in quel caso il ministero degli Esteri convocò l’ambasciatore transalpino.

Questo nuovo episodio rischia ora di inasprire le tensioni sul confine tra Italia e Francia che proseguono ormai da tempo. “Sono in attesa di sviluppi: non voglio credere che la Francia di Macronutilizzi la propria polizia per scaricare di nascosto gli immigrati in Italia”, ha commentato Salvini. “Ma se qualcuno pensa davvero di usarci come il campo profughi d’Europa, violando leggi, confini e accordi, si sbaglia di grosso. Siamo pronti a difendere l’onore e la dignità del nostro Paese in ogni sede e a tutti i livelli. Pretendiamo chiarezza, soprattutto da chi ci fa la predica ogni giorno, e non guarderemo in faccia a nessuno”, ha aggiunto il vicepremier leghista.

Sorgente: Migranti, Viminale accusa la Francia: “Scaricati in Italia a Claviere da furgone della gendarmeria”. Aperta inchiesta – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing