Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Lo spread apre sopra i 300 punti. Salvini: «La manovra non cambia, tiro dritto»

I mercati avevano rallentato dopo le voci che parlavano di revisione della manovra ma il governo va avanti. Il capo economista Moody’s: «Le preoccupazioni sull’Italia manifestate dai mercati si rifletteranno anche nelle prossime valutazione delle agenzie di rating»

Lo spread sopra 300 punti, Moody’s:  i timori sull’Italia si rifletteranno anche sul rating
shadow

Lo spread tra Btp e Bund torna ad allargarsi sopra 300 punti. Nelle prime contrattazioni il differenziale si attesta a 301 punti, dopo che ieri aveva chiuso a quota 294, in frenata dopo che i mercati avevano avuto sentore di una possibile revisione della manovra, nel caso in cui lo spread dovesse salire sopra quota 400-500 punti. Il governo però, nonostante le bocciature di Bankitalia e Upb, ha ribadito la sua ferma intenzione di non modificare la manovra.«La manovra non cambia. No, io vado dritto — ha detto il vicepremier Matteo Salvini ad Agorà su Rai — Vado avanti, non torneremo indietro sulla legge Fornero, sul reddito di cittadinanza, sulla pace fiscale e sulla flat tax. Savona? Non mi pongo il problema, vado avanti perché è una manovra che aiuta il Paese».

Spread e interessi su mutui e prestiti: i governi degli ultimi dieci anni a confronto
  • Spread e interessi su mutui e prestiti: i governi degli ultimi dieci anni a confronto
  • Spread e interessi su mutui e prestiti: i governi degli ultimi dieci anni a confronto
  • Spread e interessi su mutui e prestiti: i governi degli ultimi dieci anni a confronto
L’effetto politico dello spread sui prestiti a famiglie e imprese
Le incertezze

Il rendimento è 3,546%, dopo aver chiuso ieri a 3,487% e aver in precedenza toccato un picco del 3,712%, top da aprile 2013. Intanto il Fondo monetario internazionale ha messo in guardia sulle incertezze politiche in Italia, che creano allarme sul debito pubblico e possono innescare pericolosi effetti sui bilanci delle banche e un rischio di contagio per l’intera Eurozona. Ma non è l’unico grido di allarme. A fine mese sono attesi i giudizi sul rating di Standard & Poor’s e Moody’s. E proprio Mark Zandi, Chief Economist di Moody’s Analytics, in un’intervista a La Stampa ha anticipato che le agitazioni dei mercati possono avere effetti molto pesanti. «È logico aspettarsi che le preoccupazioni sull’Italia manifestate in questi giorni dai mercati si rifletteranno anche nelle prossime valutazione delle agenzie di rating». «Il giudizio dei mercati, come quello delle agenzie di rating, non si basa sulla politica — ha aggiunto — ma sui numeri, che sono dati oggettivi e uguali per tutti. Questa manovra è un errore. È come giocare d’azzardo con la salute economica e fiscale di lungo termine dell’Italia. Questo è un periodo in cui dovreste lavorare per ridurre il deficit di bilancio e abbassare il debito, perché l’economia globale cresce, e il resto dell’Europa va bene. Se fossi al vostro posto, userei l’opportunità per mettere in ordine la casa dal punto di vista fiscale, invece di allargare deficit e debito».

Famiglie e imprese: ecco quanto ci costa lo spread oltre i 300 punti
  • Famiglie e imprese: ecco quanto ci costa lo spread oltre i 300 punti
  • Famiglie e imprese: ecco quanto ci costa lo spread oltre i 300 punti
10 mila euro di Btp comprati a maggio ora valgono 8500

Sorgente: Lo spread apre sopra i 300 punti. Salvini: «La manovra non cambia, tiro dritto»

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing