Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il procuratore nazionale antimafia dice che il decreto Genova lascia aperta la porta alle mafie

Roma, 22 ott. (askanews) – “Il decreto Genova è la più chiara dimostrazione di come evidentemente alle mafie non si pensi, perché in quel decreto è previsto che gli affidamenti avverranno anche in violazione delle discipline, salvo quelle penali. Quindi anche in violazione di discipline extrapenali, cioè interdittive, soggetti contigui, tutto ciò che è la barriera che è stata creata per quelle imprese mafiose che fanno il movimento terra. Quanto movimento terra ci sarà per la ricostruzione del ponte? Quante imprese interverranno per la costruzione? Quelli sono i circuiti in cui la ‘ndrangheta, la camorra e cosa nostra si muovono di più. I primi investimenti le mafie li hanno fatti proprio in quelle imprese e allora non si può pensare all’urgenza senza pensare al contrasto altrimenti si lancia un messaggio che non è quello corrispondente a ciò che il popolo italiano vuole”. Lo ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia Federico Cafiero de Raho, intervistato da Klaus Davi e Paolo Liguori durante la prima puntata di “Fatti e Misfatti – I Fuorilegge” in onda su Tgcom24.Red/Cro/Bla/Int2

Sorgente: Il procuratore nazionale antimafia dice che il decreto Genova lascia aperta la porta alle mafie

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing