Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Il governo scopre le carte sul Def, torna a salire lo spread

Non si allenta la pressione sui titoli di Stato italiani. Le carte del governo in tema di politiche economiche sono state finalmente scoperte ieri sera, quando la nota di aggiornamento è stata inviata alle Camere e resa pubblica dal Ministero dell’Economia. Tra i numeri che ancora mancavano all’appello uno dei più attesi riguardava le previsioni di crescita: l’esecutivo prevede che il prossimo anno il Paese cresca dell’1,5%, con un +0,6% legato agli interventi che inserirà in manovra. Il governo prevede inoltre di sospendere lo sforzo di aggiustamento del deficit strutturale, l’indebitamento netto depurato degli effetti del ciclo economico e delle una tantum utilizzato come riferimento da Bruxeles per valutare i conti pubblici, fino al 2021 incluso. Lo spread in mattinata torna a salire dopo a tregua di ieri e in mattinata si posiziona sopra quota 280 con il rendimento del titolo decennale italiano al 3,33%. Sul rialzo dell differenziale pesa probabilmente anche la visita del presidente della Bce Mario Draghi al Quirinale, con l’ex governatore di Bankitalia che avrebbe espresso preoccupazione proprio sulle ultime conseguenze sul mercato del dibattito intorno alla Manovra.Più dei nostri Btp a soffrire in mattinata è l’euro, che scivola sotto la soglia dell’1,15 al cambio con il dollaro a 1,1463, ai minimi da quasi sei settimane e poi risale leggermente. Le Borse europee partono in calo. Piazza Affari cede lo 0,19%, Londra lo 0,11%, Francoforte arretra dello 0,17% e Parigi dello 0,11%. Male nvece Tokyo, che ha chiuso in calo dello 0,8% pagando la fiammata dei rendimenti dei treasuries Usa, schizzati ai massimi da 7 sette anni al 3,23%.Tra i dati macroeconomici attesi, dalla Germania i prezzi alla produzione in agosto e dalla Spagna la produzione industriale in agosto. Per l’italia l’Istat diffonde i dati su commercio al dettaglio in agosto e pubblica la nota mensile sull’andamento dell’economia italiana a settembre. Nel pomeriggio dagli Stati Uniti la bilancia commerciale in agosto e il tasso di disoccupazione a settembre.Torna a crescere il petrolio dopo la pausa di ieri seguita ai forti rialzi dei giorni precedenti: i contratti sul greggio Wti guadagnano 60 centesimi a 74,90 dollari al barile. Il Brent sale di 38 centesimi a 84,96 dollari al barile.

Sorgente: Il governo scopre le carte sul Def, torna a salire lo spread

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing