Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Fascismo a passo di samba

Sentire una frase come quella che riporto qui sotto tra virgolette non è inusuale in questo Paese, anzi diciamo che con formulazioni diverse  l’abbiamo sentita molte volte, prima a partire da destra nella sfacciata protervia berlusconiana per poi arrivare alla sinistra sebbene incartata nell’ipocrisia aulica e implicita del mercato: “ho molta pena degli imprenditori, perché è una disgrazia essere un padrone nel nostro paese, con tanti diritti dei lavoratori”. Si tratta di una locuzione che nella sua rozzezza rappresenta molto bene la realtà antropologica contemporanea, una volta sfrondata dalle sovrastrutture dei filosofemi paraliberali e delle ideopatie economiciste. Quindi non stupirà apprendere che stata è stata pronunciata da Jair Bolsonaro, l’ambiguo personaggio di estrema destra neoliberista  che con tutta probabilità si appresta a diventare il presidente del Brasile e rappresentante del marasma massmediatico in cui è caduto il discorso pubblico e non solo in sud america ( vedi qui).

La frase citata si accompagna anche ad una galassia di esternazioni in stile puramente fascista che sono prezioso patrimonio anche di molta parte della nostra piccola borghesia di bottega e di ufficio, sia puree riservata ad amici e conoscenti, perché la vergogna non va cancellata, ma semplicemente nascosta. Ne farò un piccolo e grottesco florilegio: “Se dovessi vedere due uomini baciandosi in strada, li prenderei a cazzotti!” Se poi per caso qualcuno non avesse capito ribadisce: “Sarei incapace di amare un figlio omosessuale. Non sarò ipocrita: preferisco che muoia in un incidente, piuttosto che si faccia vedere in giro con un baffuto. Tuttavia ce n’è per tutti: “L’errore della dittatura è stato di torturare e non uccidere” oppure “Dio sopra ogni cosa. Non esiste questa storiella dello stato laico, no. Lo stato è cristiano e la minoranza che fosse contro, che se ne vada! Le minoranze devono curvarsi alle maggioranze!” E poi sui discendenti degli schiavi neri: “Non fanno nulla! Io credo che nemmeno per procreare servono più. Spendiamo più di un miliardo all’anno per loro!”. Non a caso Bolsonaro esclude che i suoi figli così bene educati possano sposare delle “negre”. Siccome sono abbastanza stanco di riportare le immortali fesserie di questa macchia umana terminerò con una citazione che si ricollega alla prima: “Tra un uomo e una donna giovane, che cosa pensa l’imprenditore? Accidenti, questa donna fra un po’ sarà gravida, sei mesi di licenza maternità. Bello sto cazzo! Chi pagherà il conto?”. Sarà anche espresso in modo brutale ma scommetto che trova molto consenso tra la nostra imprenditoria e quella europea tanto che le legislazioni del lavoro a tutela della maternità hanno via via ridotto i diritti delle donne mentre è aumentato enormemente il ricorso a comportamenti illegali che solo raramente sono sanzionati e anche in quei  casi a fronte di pene che valgono la candela.

Ora questo personaggio così straordinariamente aperto ha scelto come suo ministro della Finanze, in caso di elezione, l’economista Paulo Guedes, allevato alla famigerata scuola di Chicago, fondatore del Millenium Institute un think tank brasiliano con lo scopo di propagandare il pensiero liberale,  ha creato e diretto fondi di investimento,  ha insegnato alla Pontifícia Universidade Católica di Rio de Janeiro e pure all’università del Cile su chiamata di Pinochet, ha fondato il banco Pactual ed è stato direttore dell’Istituto brasiliano dei mercati finanziari. Ora si appresta a procedere a massicce privatizzazioni, a una riforma fiscale a favore di ricchi e aziende e al massacro delle pensioni sulle quali peraltro sembra abbia indebitamente lucrato attraverso i suoi fondi di investimento. Ma questo è solo un particolare. La figura del neoliberista Paulo Guedes sia in se stessa, sia associata a quella del fascista Bolsonaro ci restituisce finalmente un frammento di verità, ovvero una percezione non inquinata di dove realmente si trovi il fascismo e di come il dirittismo civile di cui si ammanta il neoliberismo spesso sia una crosta che copre le stigmate del fascismo: se le condizioni lo permettono, magari fuori dal centro dell’impero perché la cosa rimanga in penombra. assieme ai diritti sociali vengono anche sacrificati quelli individuali. E i presunti liberali si alleano ai certificati fascisti senza alcun problema, anzi dando l’impressione di appartenere allo stesso schieramento, al medesimo brodo di coltura. Viene da ridere quando una nutrita serie di  abitanti delle macerie intellettuali contemporanee pensa che siano i poteri finanziari ed oligarchici con le loro regole, le loro austerità rivolte solo verso il basso, l’adorazione del mercato come se fosse l’arca dell’alleanza. la distruzione dei diritti e della rappresentanza democratica possa rappresentare una barriera contro il fascismo. Si tratta invece della forma attuale del fascismo che quando può si allea volentieri e quasi naturalmente con le sue manifestazioni più rozze.

Sorgente: Fascismo a passo di samba | Il simplicissimus

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing