Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Carovana migranti, il Pentagono invia 800 uomini alla frontiera. Trump: “Li fermeremo, non faremo come l’Europa” – Il Fatto Quotidiano

Gli honduregni in cammino sono arrivati a Mapastapec, nello Stato messicano del Chiapas. Il loro numero si è leggermente ridotto: alcuni hanno accettato l’offerta del governo di tornare in patria a bordo di bus, altri hanno scelto di chiedere asilo in Messico. Il presidente Usa: “A quelli che si battono per l’immigrazione illegale consiglio di guardare ciò che è successo in Europa negli ultimi cinque anni, un disastro totale”

Ottocento militari schierati al confine in attesa della carovana. Donald Trump passa dalle parole ai fatti e dà il via alla prima misura per fronteggiare i 7mila migranti in cammino dall’Honduras verso gli Stati Uniti.  Ormai il presidente dedica ai caminantes almeno un tweet al giorno, e il contenuto è sempre molto simile. “I Democratici hanno fatto apposta leggi per rendere difficile fermare le persone al confine”, ha scritto venerdì, “ma io impiegherò l’esercito per questa emergenza nazionale. Li fermeremo!”.

 

 

Fonti del Pentagono riferiscono che il segretario alla Difesa James Mattis sta per firmare un decreto con cui invia alla frontiera del Texas almeno 800 uomini armati a partire dalla prossima settimana. Qualche giorno fa Trump, durante un comizio in Arizona, aveva messo in guardia dai “soggetti pericolosi” che sarebbero presenti nella carovana, tra cui imprecisati “criminali” e “mediorientali sconosciuti“. E per sottolineare il concetto, aveva evocato lo spettro dell’immigrazione incontrollata in Europa: “A quelli che si battono per l’immigrazione illegale consiglio di dare uno sguardo a ciò che è successo in Europa negli ultimi cinque anni. Un disastro totale!”

 

 

Nel frattempo i migranti continuano a risalire il Messico: giovedì hanno percorso 60 chilometri dalla città di Huixtla a quella di Mapastepec, nello stato del Chiapas. Al punto più vicino del confine Usa mancano ancora oltre 1.500 chilometri, 45 giorni di marcia nell’ipotesi più ottimistica. Ai giornalisti e fotografi che li accompagnano, gli honduregni  – ma anche guatemaltechi, salvadoregni e qualche nicaraguense – dicono di andare avanti per il futuro dei propri figli, e per la paura di ciò che potrebbe loro accadere in patria, in Paesi (in particolar modo l’Honduras) in mano alle gang criminali. Negli ultimi giorni la dimensione della marea umana si è leggermente ridotta: qualche centinaio di persone hanno accettato l’offerta del governo dell’Honduras di salire su bus che li avrebbero riportati a casa. Nei giorni scorsi almeno tre camminatori sono morti nel percorso tra le città di Tapachula e Huixtla: due sono caduti da mezzi in movimento, un terzo è stato trovato in stato di disidratazione ed è morto probabilmente per insufficienza respiratoria.

I migranti sono aiutati dalla popolazione locale, che fornisce loro viveri, medicinali e vestiti durante il cammino. Nessun supporto è arrivato dal governo del Messico, guidato – ancora per poco – dal presidente Enrique Peña Nieto, che ha assistito soltanto chi si è fatto registrare agli uffici dell’immigrazione. Quasi 1.700 carovanieri, dicono le autorità messicane, hanno presentato richiesta d’asilo nel Paese. Secondo l’Associated Press, in più occasioni gli agenti di polizia messicani sono stati visti fermare pullman e camion sulla strada alla ricerca di migranti, che, se trovati, sono stati costretti a scendere con metodi poco gentili.

Sorgente: Carovana migranti, il Pentagono invia 800 uomini alla frontiera. Trump: “Li fermeremo, non faremo come l’Europa” – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.