Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Ponte di Genova, Fincantieri non ha la qualifica per ricostruirlo – Il Sole 24 ORE

Né Fincantieri né Italferr, le due società pubbliche cui il Governo vorrebbe far ricostruire il ponte di Genova andato in pezzi il 14 agosto, hanno le capacità tecniche per realizzare un’infrastruttura di questo tipo. Non hanno cioè le “Attestazioni Soa”, strumento previsto dal nostro codice appalti per certificare la capacità di realizzare opere pubbliche (nelle diverse tipologie e importi), nello specifico non hanno la categoria OG3 «strade, ferrovie, ponti e viadotti».

GUARDA IL VIDEO / Conte: Autostrade non parteciperà a ricostruzione ponte Genova

Lo rivela «Edilizia e Territorio», quotidiano digitale del Gruppo 24 Ore. Italferr è un colosso della progettazione (numero uno in Italia per fatturato), ma non fa lavori. E Fincantieri Infrastructure è specializzata in “carpenteria metallica”, cioè produce e installa grandi strutture metalliche per capannoni e ponti, ma non realizza infrastrutture come capogruppo.

Fincantieri è stata citata più volte dal vicepresidente del Consiglio Luigi Di Maio e dal ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli come l’impresa che sarà protagonista della ricostruzione del Ponte. Toninelli ha parlato anche di Italferr. Quest’ultima (Gruppo Fs) è la prima società di ingegneria in Italia per fatturato. Ma, appunto, progetta le opere e non le realizza. Fincantieri Infrastructure, invece, è una società del Gruppo Fincantieri nata da poco, il 28 marzo 2017, e ancora in fase di start-up (a fine 2017 aveva solo sette dipendenti, ricavi per 358mila euro e commesse per 25 milioni). La controllata Infrastructure e la stessa controllante Fincantieri possiedono al momento solo le attestazioni Soa per le categorie OG7 (opere marittime e dragaggio), OG11 (impianti tecnologici) e OS18-A (componenti strutturali in acciaio), e non la OG3 (strade, autostrade, ponti e viadotti). Fincantieri Infrastructure è cioè un’impresa di “carpenteria metallica”, realizza in fabbrica e installa mega-componenti metalliche di ponti, opere marittime, hangar industriali, come partner di general contractor di costruzione, ma non realizza in proprio ponti e infrastrutture.

La garanzia che un’impresa sappia realizzare un’opera pubblica, in Italia è fornita dall’attestazione Soa, un certificato (rilasciato da società private) che certifica le capacità del costruttore in base al tipo e al valore delle opere pubbliche già realizzate. I certificati dei costruttori italiani sono liberamente consultabili in una banca dati elettronica gestita dall’Anac. Italferr, società di ingegneria del gruppo Fs, nella banca dati Anac non compare per nulla, perché – come detto – “progetta” e non realizza. Fincantieri e la controllata Fincantieri Infrastructure sono invece in possesso di un certificato (rilasciato da Soa Group) che attesta la capacità di eseguire tre tipi di lavorazioni: opere marittime e lavori di dragaggio (categoria Og7, in base alle tabelle del codice appalti), impianti tecnologici (Og11) e produzione in fabbrica di componenti strutturali in acciaio (Os 18-A).

Ponte crollato a Genova: Governo, presto il commissario

La qualifica specialistica OS18-A, in possesso di Fincantieri, è quella che più si avvicina al compito della ricostruzione del ponte di Genova: riguarda la «produzione in stabilimento e il montaggio in opera di strutture in acciaio». Resta il fatto che per garantire la capacità di realizzare ponti (e strade) in Italia serve la categoria Og3 (strade, autostrade, ponti, ferrovie) e non basta la Os 18-A. Nel decreto legge Genova il Governo autorizzerà il futuro commissario a operare «in deroga ad ogni disposizione di legge», incluso il codice degli appalti e dunque alle regole di qualificazione dei costruttori. Tuttavia l’obbligo che a eseguire un’opera pubblica sia un’impresa capace di realizzarla (dunque in possesso dei requisiti di competenza tecnica e capacità economica) discende – oltreché dal buonsenso – da un principio di diritto europeo, non così facilmente derogabile.

Sorgente: Ponte di Genova, Fincantieri non ha la qualifica per ricostruirlo – Il Sole 24 ORE

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing