Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Incendio nel Pisano, il sindaco di Calci: «Lasciate le case» – corriere.it

Il rogo sul Monte Serra minaccia diverse abitazioni. L’appello via Facebook del primo cittadino

Un vasto incendio si è sviluppato lunedì sera intorno alle 22 sul Monte Serra, nella zona di Calci, nel Pisano. Il fuoco, a causa del forte vento che spira sulla Toscana, si è rapidamente esteso e minaccia le abitazioni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del comando di Pisa e varie squadre di volontari. Sono stati richiesti rinforzi ai comandi di Livorno, Pistoia, Lucca, Massa, Firenze e Arezzo. Non è escluso il dolo. «Operare per lo spegnimento è impossibile. La popolazione più prossima deve lasciare le abitazioni». Così via Facebook il sindaco di Calci Massimo Ghimenti. «Tutte le squadre sono dedicate alla protezione delle abitazioni — ha aggiunto il primo cittadino —. Chi vede il fuoco vicino ci contatti immediatamente ed esca di casa». Le fiamme sono visibili a chilometri di distanza e moltissimi abitanti di Calci si sono riversati in strada e stanno affollando la piazza del municipio nel centro del paese. Secondo alcuni testimoni il rogo di questa notte sarebbe ancora più vasto di quello dell’ottobre 2011 che incenerì circa 50 ettari di bosco. Presso il Comune e la palestra, sono stati allestiti due punti di accoglienza per chi ha abbandonato la casa minacciata dal fuoco e dal fumo. Sono decine quelli che si sono allontanati dalle loro abitazioni nelle frazioni più vicine alle fiamme. Vigili del Fuoco e volontari sono sul posto per limitare il fronte e dare poi protezione alle case ed a chi è costretto a evacuare. Intervenute squadre dai comandi di Livorno, Pistoia, Lucca, Massa, Firenze, Grosseto e Arezzo.

Sorgente: corriere.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing