Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

il manifesto del 22.09.2018 e i primi articoli online

Da Pechino Di Maio strepita per ottenere da Tria più fondi per il reddito di cittadinanza ma «solo per gli italiani». Alla faccia della Carta. In cambio dà il via libera a Salvini al decreto sicurezza-immigrati di dubbia costituzionalità. Che il Colle potrebbe respingere

REDDITO DI CITTADINANZA

Di Maio, il reddito di cittadinanza in salsa leghista

Roberto Ciccarelli

Il vicepremier ministro del lavoro e dello sviluppo Luigi Di Maio (Cinque Stelle): «È impossibile fare il reddito di cittadinanza senza sapere qual è la platea ed è ovvio che si deve restringere ai cittadini italiani». Al milione e 600mila persone straniere residenti in Italia, poveri assoluti, potrebbero aggiungersene molti più “poveri relativi” e il totale supererebbe 4 milioni di esclusi. Il vicepremier ministro dell’Interno Matteo Salvini (Lega) si è detto «soddisfatto». La misura era già prevista nel “contratto di governo”

OLIMPIADI 2026

«Solo Torino», anche Grillo e Toninelli con la sindaca Appendino

Maurizio Pagliassotti

Sulle olimpiadi il M5S schierato con la sindaca. La linea di Toninelli non è però condivisa dal sottosegretario leghista Giorgetti che risponde lapidario: «La vicenda è chiusa». Plaude invece ad Appendino il fondatore del movimento che la incontra nel capoluogo piemontese: per lei «una nuova regola per superare il limite del doppio mandato»

Caso Bekaert, il Mise conferma: torna la cigs per cessazione

Riccardo Chiari

Nuovo incontro al ministero, con la multinazionale belga che pur timidamente apre a una cessione anche a diretti concorrenti. La Fiom Cgil: “Aspettiamo ancora un’assunzione di responsabilità da parte di Pirelli, è paradossale che Bekaert abbia acquisito lo stabilimento da un competitor ma non intenda vendere a un concorrente”.

EUROPA

Brexit, tutti contro May. Anche il tempo

Anna Maria Merlo

Dopo il fallimento del vertice di Salisburgo il futuro dei negoziati dipenderà dal congresso Tory a ottobre. Poi restano solo due mesi. La premier costretta ad ammettere «l’impasse». Il nodo dell’Irlanda del Nord e il timore di risvegliare i demoni della guerra civile. Il rischio di un no deal

INTERVISTA A OCCHIPINTI

Andrea Occhipinti: «Cucchi, adesso il mondo ci guarda»

Eleonora Martini

Parla il produttore del film «Sulla mia pelle», uscito in contemporanea nelle sale italiane e su Netflix che lo ha distribuito in 190 Paesi. Il fondatore della casa di produzione e distribuzione cinematografica Lucky Red ha deciso di dimettersi da presidente della sezione distributori dell’Anica per smorzare le polemiche con gli esercenti

Il dna delle zanne inchioda i bracconieri

Andrea Capocci

I ricercatori hanno ricostruito il dna dell’avorio proveniente dallo stesso esemplare di elefante e così hanno trovato i fili delle reti mafiose

Le scomposizioni della vita

Guido Monti

L’ultimo libro in versi di Elio Pecora dal titolo «Rifrazioni», uscito per Mondadori. Oggi verrà presentato a Pordenonelegge, alle ore 21, con Bianca Maria Frabotta

Gogol secondo Sturua sulle soglie del grottesco

Gianni Manzella

All’Argentina è andato in scena l’allestimento de «Il revisore», una versione affidata ai lazzi piuttosto che alle musiche che accompagnano eclettiche tutto lo spettacolo

Addio a Riccardo Zinna

Redazione visioni

Morto a 60 anni l’attore napoletano noto caratterista per cinema e tv. Molti ruoli a teatro e un’attività come musicista

COMMENTI

Studenti videosorvegliati, un’infame e costosa operazione di propaganda

Claudia Pratelli, Christian Raimo

Eleggere quella securitaria, repressiva e di controllo come strategia cardine di contrasto allo spaccio e alle dipendenze è pericoloso, lo capisce un ragazzino delle medie. Perché allude ad un modello armato di relazioni tra le persone, che antepone la paura per quel che c’è fuori alla possibilità di contaminare il territorio, animarlo, rigenerarlo

L’ULTIMA

Bici, femminile plurale

Paola Piacentini

Domani a Milano la Fancy Women Bike Ride, evento nato in Turchia dalle donne per le donne: colorate e allegre, si riprendono su due ruote il loro spazio, libero e sicuro, in 70 città del mondo

ALIAS

Una radicalità inaggirabile

Annarosa Buttarelli

L’ordinamento e l’inventariazione dell’archivio della studiosa femminista presso la Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma ha preso avvio nel gennaio 2018 per volontà della direttrice Cristiana Collu e del figlio di Carla Lonzi, Battista Lena

Un dildo contro il patriarcato

Gaia Novati e Elena Lolli

I sex toys possono essere considerati come tecnologie della resistenza a un circuito di corpo/piacere deciso da altri

Trans, dunque sono

Linda Chiaramonte

Ospite a «Women Out of Joint, il femminismo è la mia festa», Eli Vásquez, avvocata e attivista transfemminista ecuadoriana, fondatrice del progetto Transgen3ro di Quito e consulente legale di istituzioni pubbliche e private

Armonia dietro corpi oversize

Giovanna Branca

Parla Kelly Jean Drinkwater, regista del documentario «Nothing to Lose». Artista e attivista del mondo delle body politics, ne racconta il percorso per venire alla luce

L’indomabile Lara Croft

Federico Ercole

Esce «Shadow of the Tomb Raider», ultimo capitolo dela saga dell’eroina archeologica. Un’avventura nella giunga amazzonica, tra grotte, rovine dei Maya e famelici pirana

Un Predator a New York

Giancarlo Mancini

A trent’anni dall’uscita del film con Arnold Schwarzenegger arrivano un remake e un fumetto

L’era del radiocronista

Pasquale Coccia

Riccardo Cucchi, autore del libro appena pubblicato «Radiogol». La storica voce di «Tutto il calcio minuto per minuto» racconta episodi e personaggi

Sorgente: il manifesto del 22.09.2018 | il manifesto

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

One Comment

  1. Gentile Redazione Le mando questo mio semplice scritto veda se ritiene utile pubblicarlo, grazie.
    Alcune considerazione su SALVINI e DÌ MAIO.Caro Salvini, prima del voto del 4 marzo 2018, in campagna elettorale hai giurato sul Vangelo con la corona del rosario in mano, ti chiedo lo hai letto il Vangelo? Non sta scritto di respingere o bloccare sulle navi gli immigrati e di chiudere i porti alle navi che trasportano immigrati. Non sta scritto, di essere contro i fratelli che fuggono, dalla fame, guerre e orrori. Poi ti chiedo quante sono le persone morte annegate in mare o nei lager libici?Caro salvini, salvarli è un fatto umanitario, ancora prima della legge universale del mare che da il diritto di essere salvati. Caro Salvni t’invito gentilmente ad andare su uno di quei gommoni assieme agli immigrati a fare la traversata del mare, ti spiegheranno i loro drammi e i perché rischiano tanto e ti aiuteranno a capire i loro problemi , la loro lotta per la sopravivenza e per un futuro migliore, ti aiuterebbero a capire e praticare anche quello che c’è scritto sul Vangelo.
    La lega ha 49 milioni di euro da restituire allo stato italiano, soldi dei cittadini italiani, ma purtroppo sei riuscito a concordare con dei magistrati, di restituirli in 76 anni a tasso d’interesse zero, ti chiedo visto che sei al governo del paese , perché non estendi per tutti i cittadini italiani di godere delle stesse condizioni, tutti i cittadini sono uguali di fronte alla legge.
    Caro Salvini mi sembra che nelle tue proposte di governo ci sia, che i cittadini possano , avere un arma in proprio per legittima difesa, ma quei soldi che verebbero spese in armi, strumenti di morte, non sarebbe meglio investirli in sicurezza di prevenzione, di furti, di violenze, con una cultura di formazione e di educazione alla legalità, ai valori umani e della vita, poi con il buon esempio di onestà sincerità, rispetto da parte di chi copre responsabilità istituzionali e in particolare da chi ci governa.
    Poi abbiamo l’esempio degli Stati Uniti d’America, dove le armi sono molto diffuse e libere. Ma, purtroppo è dove c’è più violenza e morti per causa delle armi. Caro Salvini sei molto critico e scettico nei confronti dell’Unione Europea. Vorrei ricordarti che l’Europa Unita nei suoi limiti ci ha garantito 70 anni di pace, in cui la stai godendo anche te, se mai tutti insieme cerchiamo di migliorarla.
    Caro Salvini non mi piace chi semina paura, odio, aggressività, o addirittura inventare dei contro, dei nemici, gli immigrati, i nomadi, il diverso, l’altro, non porta bene alla società, all’Italia, all’Europa, alla nostra civiltà umana e non porta bene neanche a te. Caro Salvini, restiamo umani, vorrei invitarti a cambiare visione nei confronti dei fratelli immigrati, per avere una visione più umana, positiva , visto anche il calo demografico in Italia e in Europa, sono e saranno una doppia risorsa, motivo in più per salvarli, aiutarli e integrarli.
    Per ultimo, nel governo verde giallo, ci mancava un ministro del lavoro che non ha mai lavorato, solo in Italia è potuto succedere, che è molto bravo di insultare gli avversari politici, invece di impegnarsi per creare posti di lavoro.
    Un gentile invito a Salvini e Di Maio, fate un bel bagno nei valori umani e della vita, di uguaglianza, giustizia sociale, unità, libertà, onestà, sincerità, dignità, solidarietà. Trasparenza, ospitalità, rispetto, vi farà molto bene.
    Francesco Lena Via Provinciale,37 24060 Cenate Sopra ( Bergamo ) tel, 035956434

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing