Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Il cappellano di Rebibbia: “Case famiglia per mamme detenute? La politica non le vuole”

Don Sandro Spriano dopo la vicenda della donna che ha gettato dalle scale i suoi bambini: “La Chiesa qualche anno fa ha dato la disponibilità ad ospitare 60 donne”

A pochi giorni dalla tragedia avvenuta nel carcere di Rebibbia, dove una donna gettato dalle scale i suoi due bambini, uccidendo sul colpo la più piccola e causando la morte cerebrale del fratellino, il cappellano della struttura parla della questione dei bimbi che vivono in carcere con le mamme detenute. Sono parole d’accusa le sue, soprattutto nei confronti della politica, colpevole – a suo dire – di aver remato contro la costituzione di strutture protette le donne che commettono reati possano scontare la loro pena senza che i figli siano costretti a subire il dramma della galera. “La politica non vuole che queste donne siano ospitate nelle case famiglia. Noi come Chiesa qualche anno fa abbiamo detto che 60 donne le avremmo ospitate in pochi secondi nelle nostre Diocesi in Italia ma non vogliono – ha spiegato a Tv2000 – tutti quelli che vengono in carcere poi dicono ‘basta bambini in carcere’ ma i bambini continuano a restarci”.

Il terribile gesto della donna, sostiene don Sandro Spriano, non era prevedibile: “Se vogliamo proteggerci da certi episodi, come pensa il ministro, dovremmo legare ogni donna in un posto con qualcuno di guardia davanti – ha continuato – Per buttare per terra due bambini ci vogliono pochi secondi. La donna non aveva dato segni d’insofferenza, parlava poco perché conosceva solo il tedesco. Tra l’altro era molto gelosa dei suoi bambini. Proprio nel giorno in cui è successo il fatto nel Tribunale del Riesame stavano discutendo il suo caso e le erano stati concessi anche gli arresti domiciliari”. Non è da escludere, tiene a precisare il cappellano, che la donna si sarebbe accanita contro i suoi figli anche se fosse stata a casa: “Non so se fuori dal carcere avrebbe compiuto lo stesso gesto, immagino di sì perché queste follie possono succedere in carcere come fuori. La vita del carcere in questa situazione non c’entra niente”.

Sorgente: Il cappellano di Rebibbia: “Case famiglia per mamme detenute? La politica non le vuole”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing