Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Conte, manovra nel segno di crescita e stabilità – Politica – ANSA.it

Palazzo Chigi vertice di maggioranza tra il premier Giuseppe Conte e i suoi due vice Matteo Salvini e Luigi Di Maio. Tra i temi al centro della riunione, le priorità della manovra economica. Sono presenti anche il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, quello dell’Economia, Giovanni Tria, e quello degli Affari Europei, Paolo Savona.

Conte, manovra nel segno di crescita e stabilità – “Nell’incontro di questa mattina abbiamo continuato a lavorare alla manovra economica e ci aggiorneremo anche domani. Stiamo approfondendo tutti i dettagli per varare un piano finanziario che tenga i conti in ordine e che consenta al Paese di perseguire un pieno rilancio sul piano economico-sociale: la nostra sarà una manovra nel segno della crescita nella stabilità”. Lo afferma il presidente del Consiglio Giuseppe Conte in una dichiarazione.

“Stiamo lavorando alle riforme strutturali a favore della competitività del sistema-paese che saranno parte qualificante del Piano nazionale Riforme e, quindi, parte integrante della manovra economica”, afferma il premier in una nota diffusa al termine del vertice.

Di Maio, manovra rassicurerà mercati e famiglia – “La prossima manovra manterrà i conti in ordine ma sarà coraggiosa: rassicurerà i mercati, ma anche le famiglie che hanno bisogno, i cui figli non trovano lavoro”. Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio, al termine del vertice di maggioranza sui conti pubblici.

“Non c’è contrapposizione con il ministro Tria, c’è lavoro di squadra”, Così il vicepremier Luigi Di Maio risponde ai cronisti che gli chiedono se la manovra manterrà il tetto del 2%. “Faremo una manovra che ridarà il sorriso agli italiani e che manterrà i conti in ordine”.

Salvini: “Vogliamo rispettare gli impegni presi con gli italiani restando nei vincoli imposti dagli altri. Se per mettere in sicurezza l’Italia dovessimo spendere un miliardo in più, lo spenderemmo. Cercheremo di fare tutto, rispettando quello che ci è chiesto da altri, sebbene non sia rispettato da altri paesi”, ha detto in mattinata il ministro dell’ Interno, Salvini, a Radio Anch’io.

Il reddito di cittadinanza sarà nella manovra, spiega il vicepremier, il quale fa anche sapere – in merito alla sentenza attesa sui fondi del partito – che il nome della Lega non sarà cambiato. Quanto al daspo ai corrotti, Salvini mette però in guardia da processi sommari, pur sottolineando che la lotta alla corruzione e alle mafie è una priorità. Intervistato dal Sole24Ore, il vicepremier ribadisce che l’Italia intende presentarsi ai mercati e all’Europa con una legge di bilancio seria e nel rispetto di tutti i vincoli Ue.

Sulle pensioni, ‘quota 100 da subito per tutti, non solo per equità ma per creare lavoro’. Si lavora all’ipotesi del taglio del cuneo, così come sulla necessità di scongiurare l’aumento dell’Iva. ‘Il lavoro non si crea per legge, ma aiutando chi lo produce’, dice Salvini. E via libera al Tap, perché ‘i benefici sono superiori ai costi’.

Sul daspo a vita per corrotti, previsto dal ddl anticorruzione, “stiamo leggendo e rileggendo il testo: la lotta senza quartiere alla corruzione è una priorità, come quella alle mafie, e contro le mafie nel pacchetto sicurezza a cui sto lavorando ci sarà una stretta. Ma bisogna stare attenti a garantire che fino al terzo grado di giudizio si è innocenti, processi sommari non sono da paese civile. Ma chi corrompe deve pagare”. Così il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, a Radio Anch’io.

Boccia, aperture di Salvini fanno ben sperare – “Le dichiarazioni di apertura di Salvini fanno ben sperare al nostro mondo. Oggi mi ha cambiato l’agenda”. L’ha detto il leader degli industriali, Vincenzo Boccia, arrivando all’Assemblea generale di Confindustria a Bologna. “Mi sembra che le dichiarazioni del vicepremier Salvini vadano verso una dimensione di grande responsabilità”, ha detto.

Di Maio, tratteremo con Ue investimenti in deficit – “Stiamo decidendo come spendere i soldi che abbiamo e quanto utilizzare di investimenti in deficit per soddisfare quello che abbiamo garantito nel nostro Contratto di governo” Così il vice premier Luigi di Maio intervistato da Radio Radicale che sul tetto del deficit al 3% dice:”Vedremo in base alle esigenze”. “Taglieremo tutto quello che non serve nei ministeri e nella spesa improduttiva – ha aggiunto – Poi tutto quello che ci serve in più dovrà essere oggetto contrattazione con Ue. Inizia una fase in cui l’Italia a quei tavoli chiede di raggiungere degli obiettivi”.

La “flat tax” è “argomento da Contratto di governo” ma “deve aiutare i più deboli e se favorisce i ricchi non va bene”. Così il vice premier Luigi Di Maio a Radio Radicale sulla prossima manovra. Per M5s – ha spiegato – “non si può prescindere da reddito di cittadinanza e superamento della legge Fornero e anche sulla realizzazione di infrastrutture, penso al sud dove sono quasi inesistenti”. Sulle pensioni, poi, “quota 100 e in alternativa quota 41 (anni di contributi) è una delle nostre priorità perchè crea nuovo lavoro mandando persone in pensione”.

Per l’Ilva “queste sono ore delicatissime”. E’ quanto afferma il vice premier Luigi Di Maio intervistato da Radio Radicale che si dice ottimista sul tavolo che si riunisce al ministero dello Sviluppo, “un tavolo che può dare buono risultati. Io credo che ci siano i presupposti” Di Maio ha ribadito che la gara presenta profili di illegittimità ma che può essere annullata solo se viene a mancare l’interesse pubblico, ”una supercazzola”: così “se il tavolo raggiunge risultati su ambiente e lavoro, la gara non può essere revocata per legge”.

Sfida Salvini-Di Maio sulle priorità della manovra. “Abbiamo discusso su numeri, conti e tempi per realizzare nell’arco della legislatura le nostre proposte per famiglie e imprese: smantellamento della legge Fornero, flat-tax, pace fiscale e chiusura delle liti con Equitalia, meno burocrazia per aziende e partite IVA, eliminazione delle accise più vecchie sulla benzina, interventi a favore dei Comuni, grande piano nazionale di manutenzione ordinaria e straordinaria”,  afferma il vicepremier leghista, al termine del vertice del Carroccio sull’economia.

Di Maio: “Io penso che questa debba essere una legge di bilancio coraggiosa. Ho visto dai tg che si dice che poi se c’è spazio ‘vediamo per il reddito di cittadinanza se ci sono soldi’. Ho visto questa narrazione per cui prima si pensa a tutte le altre misure. 5 milioni di poveri, 8 milioni in povertà relativa, tanti giovani che cercano lavoro, tanti che ce l’hanno ma non arrivano a fine mese sono la priorità della legge di bilancio”.

In serata Salvini rispondendo a una domanda sull’eventuale sforamento del 3% ha detto: “Vedremo di rispettare tutte le regole, tutti i vincoli e tutti gli impegni presi: si può fare far crescere questo paese e far star meglio gli italiani senza irritare coloro che ci osservano dall’alto. Vedremo di essere bravi e convincenti”.

Sorgente: Conte, manovra nel segno di crescita e stabilità – Politica – ANSA.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing