Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Roma, la beffa della spiaggia sul Tevere: accordo con i rom per aprirla

di Camilla Mozzett

iAltro che polizia municipale a controllare la nuova spiaggia di Roma quando sulla riva del Biondo fiume scende la notte. Non servirebbero neanche gli agenti della polizia locale (indispettiti dal nuovo compito che gli è piovuto addosso) a proteggere il piccolo stabilimento “Tiberis” proprio sotto al ponte Marconi. Ci pensano i rom, gli stessi nomadi che, ai tempi della bonifica dell’area, furono allontanati dalle capanne di fortuna innalzate tra i canneti.LA RACCOMANDAZIONE«Ci siamo raccomandati a Zorro» spiega ridacchiando una delle responsabili del progetto, Simonetta De Ambris. In che senso? Ma poi chi è questo Zorro? Forse un dirigente del Comune? Macché. Si tratta del “capo” di un gruppo di rom che da anni vivono accampati a pochi passi dallo stabilimento, in vicolo Nicola Savini, e che si è messo a disposizione del Comune di Roma per “proteggere” la spiaggia. La vicenda è un po’ surreale. Il racconto che ne segue altrettanto. Ecco la scena. Domenica mattina, secondo giorno di apertura dello stabilimento; al “Tiberis” ci sono una trentina di persone pronte a trascorrere la giornata sulla riva del Tevere e al fianco dell’unica fontanella disponibile, si accalca una manciata di curiosi in bikini che chiedono ai responsabili del progetto – la De Ambris appunto e Silvano Simoni a capo dell’ufficio Tevere per il Campidoglio – informazioni sul sistema di sicurezza dello stabilimento. Perché va bene il modello parigino, ma in quest’ansa golenale del Biondo fiume c’era un accampamento di rom e si fa largo la preoccupazione che qualcuno possa tornare a rioccupare l’area. Ecco che esce il nome Zorro. Pare una leggenda, invece è realtà: «Un rom, diciamo particolare, che si è presentato quando stavamo facendo i lavori – racconta la De Ambris – ce ne hanno parlato come fosse il capo del campeggio», (ovvero dell’insediamento abusivo che sorgeva proprio dove oggi ci sono venti ombrelloni e quaranta lettini prendisole) e che affittava illegalmente le capanne. «È venuto a vedere cosa facevamo nella sua area» continua la dirigente di fronte ai curiosi. Quindi la spiaggia la controllano i rom? «E certo» risponde lei. «Non ha chiesto soldi», prosegue la dirigente. Ci mancherebbe pure. Si è solo messo a disposizione per evitare che la spiaggia venga occupata di nuovo. Tra rom, del resto, se la intendono e alla fine c’è solo da tirare un sospiro di sollievo. Anche perché per aprire questa spiaggia i responsabili del progetto hanno fatto «i doppi salti mortali carpiati» commenta ancora la De Ambris. Eccolo l’accordo tacito tra i responsabili della spiaggia e i rom del quartiere Marconi che, a seguire il racconto della progettista, suona un po’ così: noi non vi diamo fastidio, voi ci date una mano. «Ieri sera (sabato ndr) – prosegue la dirigente – c’erano dei ragazzi che passeggiavano sulla strada, li avrà mandati lui». IL BOSS DI ZONAUna figura conosciuta, quella di Zorro, tra i gruppi rom della Capitale. Abita dentro «alle casette comunali che un tempo erano dei giardinieri e poi sono state occupate – aggiunge la progettista – ma è una storia di vent’anni fa». Nessuno gli ha mai intimato lo sgombero. All’anagrafe risponde al nome di C. Z., e in passato è stato denunciato dagli uomini della polizia locale per ricettazione dal momento che pare affittasse dei posteggi nel mercato abusivo di via della Vasca Navale. Zorro ci ha saputo fare: modi «gentili, carini un caso raro – conclude la De Ambris – è venuto anche l’altro giorno che voleva parlare con la sindaca». Ma la Raggi in questo lido un po’ scompigliato, con i bagni chimici già maleodoranti e l’erba di riporto, ancora non si è fatta vedere. Magari un giorno a Zorro gli stringerà la mano, forse per ringraziarlo. Lui non aspetta altro.

Sorgente: Roma, la beffa della spiaggia sul Tevere: accordo con i rom per aprirla

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.