Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Italia, vergogna opere incompiute Per la Campania costi raddoppiati | Il Mattino

Era il febbraio 1989 quando la prima pietra della diga di Pietrarossa, Sicilia, fu posata nelle campagne di Caltagirone. Ma trent’anni dopo, e nonostante una spesa di 75 milioni, la faraonica opera finanziata dalla Cassa del Mezzogiorno per alleviare l’emergenza idrica dell’Isola continua ad assetare come un tempo gli oltre 17mila ettari di terra della piana di Catania cui era destinata. Serviranno altri 60 milioni per completare l’opera, con la nuova apertura dei cantieri fissata per il 2020. Ma tra Enna e Catania nessuno è pronto a scommetterci. Perché Pietrarossa oggi non è solo il monumento allo spreco pubblico, ma il marchio di fabbrica di un grande classico italiano: le grandi opere incompiute. Non c’è infatti solo la Tav. Secondo gli ultimi dati del ministero dei Trasporti, i cantieri delle grandi opere oggi bloccati sono ben 647. Tra il 2016 e il 2017, qualche piccolo progresso è stato registrato. Ma le 105 opere pubbliche uscite dal limbo nell’arco di un anno (erano 752 nel 2016), hanno alleggerito le spese previste per completarle (oggi parliamo di 4 miliardi), di appena 500 milioni. A differenza delle altre Regioni d’Italia, dove i lavori a tempo indeterminato sono in diminuzione, Campania e Sicilia sono andate però controcorrente. Nell’Isola, che pure è il più grande cimitero dei lavori pubblici italiani (159 su 647, in pratica un quarto del totale), la collezione di cattedrali nel deserto 2016-2017 si è arricchita di altre tre unità. Ma molto peggio ha fatto la Campania, dove i cantieri congelati sono passati nello stesso periodo da 26 a 41, e le spese previste per concluderli sono addirittura quasi raddoppiate: dai 111 milioni a quasi 208.

COME UN VIRUS
Da Nord a Sud, non c’è regione immune all’italico morbo dell’incompiutezza. Parliamo di raccordi stradali, dighe, ponti, scuole, caserme, asili nido, linee ferroviarie. E persino di una città intera. Quella dello sport di Roma, che avrebbe dovuto ospitare i mondiali di nuoto del 2009, ma non fu mai completata. Costata finora 608 milioni, oggi è ridotta a una malinconica vela a forma di pinna di squalo, che scuote il silenzio delle campagne di Tor Vergata. E per finirla servirebbero altri 400 milioni. A scorrere la lista delle incompiute, è soprattutto il Mezzogiorno assetato di infrastrutture a fare da padrone. A partire dalla Sicilia, che come detto detiene il poco invidiabile record di 162 opere fantasma. A seguire l’altra grande Isola, la Sardegna, dove oggi stormiscono nel vento 86 cattedrali nel deserto. A completare il podio c’è la Puglia, dove i riflettori mediatici puntati sulla Tap lasciano nell’ombra ben 54 opere ferme (ma sono oggi ben 33 in meno rispetto al 2016) tra cui scuole, strade e palazzetti dello sport. Opera simbolo dello spreco locale è in questo caso il nuovo Palazzo di Città di Nardò. In stand by da decenni, per completarlo servirebbero 8 milioni di euro. Così che a un certo punto, si è anche pensato di demolirlo. Male il centro Italia: il Lazio, la Basilicata e l’Abruzzo, mettono insieme rispettivamente 45, 33 e 31 cantieri ancora a cielo aperto. Alcuni di fondamentale importanza, come il Distretto Sanitario e poliambulatorio di Pescara sud, che è costato 1,3 miliardi e ha ancora bisogno di oltre 700 milioni di euro per essere completato. Non va bene neanche per il Molise, che nonostante le ridotte dimensioni ha ancora sul groppone 15 opere incompiute. Tante quante ce ne sono in Calabria. A Nord, a dispetto della sbandierata efficienza, la Lombardia guida la classifica dello spreco con 27 opere ancora al palo, mentre l’altra regione che punta all’autonomia rafforzata, il Veneto, deve fare ancora i conti con 14 opere nel limbo.

IL CASO NAPOLI
Si è detto finora che sono quattro i miliardi necessari per chiudere l’eterno derby che contrappone l’Italia alle grandi opere. Ma a spulciare bene i dati del Mit, si scopre che sono 37 i cantieri di competenza del ministero dei Trasporti ancora bloccati. Non molti, in proporzione ai 647 totali. Ma di grande peso in termini di risorse da investire. Spesi finora quasi due miliardi, ne sono necessari quasi altrettanti per completarli. Nella sciarada ministeriale, che comprende diversi edifici destinati alle forze di pubblica sicurezza, brilla su tutte proprio un’infrastruttura destinata alla Campania: il centro polifunzionale Pattison che dovrebbe essere assegnato all’Arma dei Carabinieri di Napoli. Nonostante l’appalto sia stato assegnato nel 2006, e siano già stati investiti 17,5 milioni, della struttura non c’è ancora traccia.

Sorgente: Italia, vergogna opere incompiute Per la Campania costi raddoppiati | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.