Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Il populismo stradale del M5S è la via sbagliata per la Sicilia | Gad Lerner

A19

NdR questo articolo e del 2015 ma e bene ricordarlo

A Caltavuturo è stata inaugurata la trazzera finanziata dai deputati pentastellati siciliani per consentire un’alternativa di percorso alla temporanea ma da tempo prolungata chiusura dell’A19 di Polizzi Generosa. Dal 10 aprile è chiuso il viadotto Himera, crollato per un difetto di costruzione, e il Movimento 5 Stelle ha lanciato una sottoscrizione tra i suoi consiglieri regionali per costruire un collegamento alternativo che consentisse ai cittadini di risparmiare tempo. L’idea in se sarebbe anche meritoria, al netto della scontata strumentalizzazione politica, visto che mobilitare la cittadinanza attiva per colmare le lacune istituzionali è un atteggiamento ragionevole e talvolta anche opportuno. Specie alla luce dei fallimenti così numerosi delle varie amministrazioni siciliane, Crocetta incluso.  L’opera costruita è però tutto tranne che una strada, vista la pericolosità del tracciato che ha spinto a porre numerosi paletti alla circolazione.  Come ricorda “La Repubblica” di sabato 1 agosto 2015, ” il limite di velocità è di venti chilometri orari, le moto potranno percorrere la strada soltanto in discesa, direzione Scillato. Ci sarà il divieto di sorpasso e non potranno circolare i mezzi pesanti. Sono tutti accorgimenti che saranno inseriti nell’ordinanza sindacale del Comune di Caltavuturo che regolerà l’accesso alla strada dalle 7 del mattino di domani, quando sarà transitabile per tutti. Al momento la trazzera è soltanto una via d’accesso per i fondi agricoli che sarà utilizzata come via di fuga”. In pratica è stato asfaltato un sentiero, tanto che in alcuni tratti la pendenza raggiunge una percentuale quasi estrema, al 27%.

 

Il M5S festeggia un successo, che però evidenzia anche i limiti di una simile iniziativa. Un po’ come il fondo anti crisi per le piccole e medie imprese finanziato dai deputati e senatori nazionali, che ha una dotazione finanziaria insignificante, anche con questa molto teorica “strada” si mostra il fiato corto del populismo anti casta. I 5 Stelle siciliani hanno realizzato una, forse utile visti i limiti, pezza, non una vero collegamento stradale come dichiarato a stampa e sopratutto cittadini. All’Italia servono infrastrutture decenti finanziate dalle fiscalità generale oppure tramite un efficiente coinvolgimento di capitali privati, e gestite in modo corretto. L’opposizione dovrebbe incalzare le amministrazioni locali su questo, più che ricorrere a rimedi che tali non sono.

 

Sorgente: Il populismo stradale del M5S è la via sbagliata per la Sicilia | Gad Lerner

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing