Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Cda Rai boccia Laganà presidente

Ancora stallo sulla presidenza Rai. Il Consiglio di Amministrazione della Rai, riunitosi oggi, ha discusso nuovamente la situazione venutasi a creare dopo il voto della Commissione parlamentare di Vigilanza. Nel corso della riunione, su proposta della consigliera Rita Borioni, è stata votata la candidatura a Presidente del Consigliere Riccardo Laganà. Il Consigliere Laganà non ha ottenuto la maggioranza dei voti del Cda e per questo motivo il tema sarà pertanto all’ordine del giorno anche nella prossima riunione del Consiglio. E’ quanto si legge in una nota di Viale Mazzini. “La questione della presidenza è rinviata al prossimo cda, dopo la pausa estiva, ma c’è intenzione di trovare soluzione da parte del Consiglio in tempi veloci nell’interesse della Rai” ha detto all’Adnkronos il consigliere anziano della Rai, Marcello Foa.”Cda della Rai ostaggio del governo – scrivono in una nota congiunta Fnsi e Usigrai – Ancora una volta i Consiglieri si sono piegati al diktat governativo e non hanno nominato il presidente. Allo stesso modo, il no alla proposta di nominare Riccardo Laganà, consigliere eletto dai dipendenti, è la prova che l’obiettivo non è mettere l’azienda in condizione di operare, ma solo occuparla”. Di stallo “gravissimo” parla il senatore Pd Francesco Verducci, della Commissione Vigilanza Rai. “La fumata nera di oggi è allarmante. Salvini e Di Maio non possono tenere in ostaggio il servizio pubblico. Basta arroganza e prevaricazioni. Sta andando in scena uno spettacolo penoso e indegno. Il nome di Foa è stato bocciato dal Parlamento e va archiviato. Serve subito un Presidente, di garanzia, condiviso tra maggioranza e opposizioni e nel pieno delle funzioni. La Rai deve poter operare, è un fulcro vitale della nostra democrazia”.

Sorgente: Cda Rai boccia Laganà presidente

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.