Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Magliette rosse per l’accoglienza dei migranti: è boom di adesioni. C’è pure chi si sposa con la t-shirt – Repubblica.it

Musicisti, attori e intellettuali raccolgono l’appello del giornalista Francesco Viviano. Oggi bisogna indossare abiti colorati per le vittime del mare. E voi? Inviate le vostre foto con un’e-mail a palermo@repubblica.itdi GIADA LO PORTO e VASSILY SORTINO

C’è anche chi si sposa con la maglietta rossa contro il cinico silenzio che avvolge le morti in mare. Ieri una coppia italo nigeriana ha detto il proprio “ sì” in rosso da Moltivolti, a Palermo, decidendo di aderire in anticipo, proprio nel giorno del matrimonio, all’iniziativa lanciata dal giornalista Francesco Viviano e dai presidenti nazionali di Libera, Legambiente, Arci e Anpi, prevista per domani. E in rosso si sono messi pure tutti gli invitati. Domani alle 18, proprio a Moltivolti, si terrà un’assemblea delle “magliette rosse”.

Di rosso era vestito il piccolo Aylan, tre anni, la cui foto suscitò la commozione e l’indignazione di mezzo mondo. Di rosso erano vestiti i tre bambini annegati pochi giorni fa davanti alle coste libiche. Perché di rosso si vestono in molti, nella speranza che, in caso di naufragio, quel colore richiami l’attenzione dei soccorritori. « Sono padre di cinque figli — dice Viviano — provo dolore per ogni singolo bambino morto in mare. I politici non parlano » . Muoiono, quei bambini, « mentre l’Europa gioca allo scaricabarile con la vita di migliaia di persone — dice don Luigi Ciotti, presidente di Libera — Ho aderito subito, ho nostalgia di umanità».

E, in appena cinque giorni, sono arrivate migliaia di adesioni da artisti, musicisti, scrittori e magistrati. Il giudice Giuseppe Ayala, domani, andrà al Renato bar di Mondello in maglia rossa per prendere il suo solito caffè. « Continuerò ad indossarla per tutto il giorno — dice — è necessario invitare la gente a un momento di riflessione, torniamo ad essere veramente civili». Davide Shorty domani si sveglierà e indosserà una maglia rossa prima di prendere la sua chitarra e suonare “ Straniero” dove si trovano diverse tracce del suo passato da migrante a Londra. «Sento forte l’esigenza di dare voce a chi voce purtroppo non ha — dice il cantante — questo governo ci fa vergognare di essere italiani » . Camminerà per tutta la giornata con un foulard rosso attaccato alla carrozzina del suo bambino nato da tre mesi l’attrice Barbara Tabita, mentre la “ iena” Cristiano Pasca non la toglierà neppure per andare a dormire. Si definisce anche lui un « migrante » l’attore Ninni Bruschetta, mentre John Peter Sloan farà indossare un drappo ai suoi amati cani a Menfi. « Torniamo umani» , dice l’insegnante di inglese innamorato della Sicilia. Una Sicilia che, domani, si colorerà di rosso.

Sorgente: Magliette rosse per l’accoglienza dei migranti: è boom di adesioni. C’è pure chi si sposa con la t-shirt – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.