Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Draghi: “Dall’Italia aspettiamo fatti, per ora solo parole”

“Dovremmo aspettare prima di esprimere giudizi. Il test saranno i fatti: finora ci sono state parole, e le parole sono cambiate. Dovremo vedere i fatti prima di esprimere un’opinione”. Così il presidente della Bce Mario Draghi risponde, durante un’audizione alla commissione Econ dell’Europarlamento, a Bruxelles, risponde all’europarlamentare di Forza Italia Fulvio Martusciello che gli ha chiesto se il nuovo governo sia destinato a ricevere ‘richiami’ su questi temi nel prossimo futuro.

TASSI, FERMI FINO ALL’ESTATE DEL 2019 – “Ci aspettiamo che i tassi di interesse principali della Bce resteranno ai livelli attuali almeno passata l’estate del 2019 e in ogni caso tanto a lungo quanto sarà necessario affinché l’evoluzione dell’inflazione rimanga allineata con le nostre aspettative attuali di un percorso di aggiustamento sostenuto”. “Intendiamo mantenere – ribadisce Draghi – la nostra politica di reinvestire i principali pagamenti dai titoli che vengono a scadenza nell’ambito del programma di acquisto di asset per un periodo esteso di tempo, dopo la fine del nostro programma di acquisto di asset e, in ogni caso tanto a lungo quanto sarà necessario a mantenere condizioni di liquidità favorevoli e un ampio grado di politica monetaria espansiva”.

BANCHE, CONDIVIDERE IL RISCHIO PER RIDURLO – Nei mesi a venire, anche sulle decisioni sull’Edis (European Deposit Insurance Scheme), “non dovremmo farci zavorrare dalla distinzione tra la riduzione del rischio e la condivisione dello stesso”, anche perché, sottolinea il presidente della Bce, “la condivisione del rischio aiuta molto a ridurlo”. “Guardate – continua Draghi – alla United States Federal Deposit Insurance Corporation, che ha risolto 500 banche senza provocare instabilità finanziaria, anche perché aveva dietro il backstop, la garanzia, del governo degli Usa. Il numero corrispondente per l’Eurozona è stato inferiore di dieci volte, che è un altro motivo per il quale il settore bancario dell’Eurozona affronta ancora sfide significative. In altre parole, se la condivisione del rischio portasse a una gestione ordinata delle conseguenze sulla stabilità finanziaria derivate dalla riduzione del rischio” quest’ultima “procederebbe a un ritmo molto più alto”.

NIENTE BOLLE FINANZIARIE ALL’ORIZZONTE– La Bce non vede segnali di bolle finanziarie in formazione nell’Eurozona. “Finora non vediamo disallineamenti generali tra le varie asset class”, ha detto Draghi spiegando che per alcuni asset, come ad esempio “i prezzi degli immobili in alcune città” di alcuni Paesi o per “alcune obbligazioni ad alto rendimento”, si osservano “valutazioni un pò stiracchiate”. Si tratta, ha proseguito Draghi, di “sviluppi che monitoriamo costantemente”, ma non di indicatori di un cambiamento più generale: “Non vediamo rischi sistemici, ma rischi localizzati”, ha aggiunto. Certo, “le bolle sono molto costose”, ma questo accade “quando sono accompagnate da un’eccessiva crescita del credito”, mentre nell’Eurozona “i tassi di crescita del credito sono moderati e in linea” con l’andamento dell’economia. E alla Bce “non vediamo segnali dell’aumento dell’indebitamento che caratterizza il periodo precedente” l’esplosione delle “crisi finanziarie”.

BREXIT, NEGOZIATI NON DANNEGGINO STABILITA’ FINANZIARIA – “L’impatto economico reale” della Brexit “dovrebbe essere limitato”, perlomeno “in termini aggregati”, anche se “alcune parti dell’Ue saranno più colpite” rispetto ad altre. “E’ difficile prevedere le conseguenze finanziarie di un procedimento non gestito bene”, ma “il dovere di tutte le parti” coinvolte, oltre a tutelare l’integrità del mercato interno, è anche “far sì che i negoziati non generino rischi per la stabilità finanziaria” che, in ultima analisi, sottolinea Draghi, “sono dannosi per entrambe le parti”.

PIL, RISCHI AL RIBASSO PER PROTEZIONISMO – I “rischi al ribasso” per le prospettive dell’economia dell’Eurozona “sono connessi principalmente alla minaccia dell’accresciuto protezionismo. Un’Ue unita e forte può aiutare a cogliere i benefici dell’apertura economica, proteggendo nel contempo i suoi cittadini da una globalizzazione incontrollata”. Con il suo “esempio”, l’Ue “può dare sostegno al multilateralismo e al commercio globale, che sono stati delle pietre angolari della crescente prosperità economica nel corso degli ultimi sette decenni. Ma per avere successo all’esterno, l’Ue ha bisogno di istituzioni forti e di una robusta governance economica al suo interno”, conclude Draghi.

Sorgente: Draghi: “Dall’Italia aspettiamo fatti, per ora solo parole”

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing