Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Violentata a 11 anni dal baby branco: arrestati tre minorenni figli di camorra | Il Mattino

L’innocenza negata. Il candore violato. Stuprato. La più brutta scuola della strada ha sferrato colpi indelebili, rubando sonno e spensieratezza ad appena undici anni di età. Quei luoghi e quei ragazzi la bambina li conosceva già; troppo giovane e pura però, per immaginare un così «alto tradimento». Ha sopportato, nascosto, vissuto in silenzio nel terrore. Poi qualcosa l’ha costretta a raccontare. La brutale vicenda emersa due settimane fa a una decina di chilometri da Napoli, ieri è giunta a una prima svolta. Fermati e rinchiusi nel centro di prima accoglienza dei Colli Aminei, i tre minorenni denunciati dalla giovanissima vittima. Baby mostri di Castellammare di Stabia, la città delle Acque, delle Terme; la città dei pastai e degli uomini di mare e di cantieri, dove il lavoro era sudato ma dignitoso. Bellissima cerniera fra Napoli e Sorrento.

Gli investigatori del commissariato diretto dal vicequestore Vincenzo Gioia, l’altra mattina sono andati a prelevare gli indagati nelle proprie case: nel quartiere di Scanzano, storica roccaforte del clan D’Alessandro; lungo una strada di periferia; e nei vicoli malmessi dei quartieri antichi. Nelle prossime ore, sarà il giudice del tribunale per i minorenni a convalidare il fermo. Diretti da Maria De Luzemberger, gli inquirenti della Procura minorile, hanno messo insieme un dossier fatto di filmati e racconti raccapriccianti. Il 21 maggio – come abbiamo raccontato – la bambina che adesso ha dodici anni, protetta dalla mamma e dal papà, varca la soglia del commissariato. Alla polizia basta poco per capire che la storia arriva dritta dalle tenebre. In un attimo scatta la macchina del soccorso e del sostegno psicologico.

CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO CLICCANDO IL LINK SOTTO RIPORTATO

Sorgente: Violentata a 11 anni dal baby branco: arrestati tre minorenni figli di camorra | Il Mattino

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adversing