Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Salim Tamari: «Londra riconosca le sue colpe verso i palestinesi»‎

di Michele Giorgio – Il ManifestoRamallah, 27 giugno 2018, Nena News – Nelle settimane passate Buckingham Palace si è affannata a sottolineare la natura «non politica» della visita del principe William in Giordania, Israele e Territori palestinesi occupati. Ma a ovest del fiume Giordano l’arrivo del secondo nella linea di successione al trono britannico non può non avere una valenza politica e storica.La Gran Bretagna che prese il controllo della regione e la governò sotto un mandato della Società delle Nazioni tra il 1917 e il 1948, se è vista dagli israeliani con (moderata) simpatia per il suo ruolo, in particolare per la Dichiarazione Balfour – del 1917, che assicurava il sostegno di Londra alla creazione di un «focolare nazionale ebraico» in Palestina – nella nascita dello Stato ebraico, è invece accusata dai palestinesi di aver consegnato la loro terra al movimento sionista e aver gettato i semi del conflitto che devasta ancora il Medio oriente.Motivo di attrito con Israele è il riferimento nel programma del principe a Gerusalemme Est, la zona araba della città, come parte dei Territori occupati. Un punto che ha fatto infuriare i politici israeliani che considerano tutta Gerusalemme come la capitale «eterna e indivisibile» dello Stato ebraico. Sul significato della visita del principe William – che ieri ha deposto una corona di fiori al Memoriale dell’Olocausto e ha avuto colloqui con il premier Netanyahu e il capo di stato israeliano Rivlin – abbiamo intervistato a Ramallah lo storico e sociologo palestinese, Salim Tamari, attualmente docente all’università statunitense di Harvard.Il principe William è atteso (oggi) a Ramallah dove incontrerà il presidente dell’Anp Abu Mazen e giovani dei campi profughi. Una visita nei Territori che non placa la rabbia dei palestinesi che chiedono alla Gran Bretagna di scusarsi per la Dichiarazione Balfour e la politica anti-araba durante il Mandato in Palestina.Scuse che difficilmente arriveranno e non solo perché il principe William non può svolgere alcun ruolo politico. La premier britannica Theresa May in varie occasioni nell’ultimo anno ha parlato con orgoglio della funzione avuta dal suo paese nella fondazione dello Stato di Israele. Settant’anni dopo la guerra del 1948 e 101 anni dopo Balfour, la Gran Bretagna è sempre più allineata alle posizioni della Casa bianca. Tuttavia non escludo che (oggi) il principe William possa fare qualche dichiarazione non del tutto in linea con il governo May. La monarchia britannica talvolta prende le distanze dall’esecutivo in omaggio al suo passato imperiale, quando decideva tutto da sola o quasi. Ma è una possibilità remota.La visita al Monte degli Ulivi e il riferimento a Gerusalemme Est come parte dei Territori occupati comunque deviano in parte dai tour preconfezionati che compiono capi di Stato e di governo stranieri.Che sia una visita di alto profilo e non solo simbolica è chiaro a tutti. È importante che la Gran Bretagna e i paesi europei, a proposito dello status di Gerusalemme, si mantengano fedeli alla risoluzione 181 dell’Onu del 1947, che ha assegnato alla città (e a Betlemme, ndr) uno status speciale, internazionale, e che non riconoscano, come ha fatto Trump infrangendo il diritto internazionale, Gerusalemme come capitale di Israele. Ogni segnale, anche piccolo, che il reale britannico darà nella direzione che ho detto sarà positivo per il mLa’rriantenimento dello status internazionale di Gerusalemme.Voci affermano che il ruolo britannico in Palestina va in parte riscritto perché Londra, prima e dopo il secondo conflitto mondiale, avrebbe preso in maggiore considerazione i diritti dei palestinesi e sostenuto almeno in parte l’idea di uno Stato per arabi ed ebrei, tanto da non votare per la partizione della Palestina approvata dall’Onu nel 1947.I dubbi di Londra in quegli anni nei confronti di ciò che stava maturando sul terreno e sulla direzione presa dal movimento sionista sono ormai fatti storici accertati. La discussione in casa britannica su un processo di decolonizzazione in Palestina fu reale. Senza dimenticare che il segretario agli esteri dell’epoca Ernest Bevin fece irritare non poco i leader sionisti, opponendosi ad alcune scelte e richieste fatte dal presidente Usa Truman. Tuttavia la Dichiarazione Balfour di trent’anni prima aveva ormai segnato una svolta decisiva per il futuro della Palestina. Cent’anni dopo Londra continua a negare le sue responsabilità, anzi ne rivendica la piena consapevolezza dimenticando i diritti mai realizzati dei non ebrei in Palestina che pure sono citati nella Dichiarazione.Michele Giorgio è su Twitter: @michelegiorgio2

Sorgente: Salim Tamari: «Londra riconosca le sue colpe verso i palestinesi»‎

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.