Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Roma, alla Sapienza fiumi di alcol e malori: un altro party proibito all’università

di Marco Pasqua
L’hanno chiamata Notte Bianca della Sapienza: un evento, organizzato da 12 anni dai cosiddetti Disobbedienti ed esponenti dei centri sociali, che, la scorsa notte, ha visto trasformare l’ateneo in una discoteca a cielo aperto, con tanto di ingresso a pagamento. Un party autorizzato in extremis dal Cda dell’università, con una sola prescrizione: che non venisse venduto alcol. Peccato che gli organizzatori abbiano allestito diverse postazioni bar, con tanto di listino prezzi affisso sui muri del piazzale della Minerva: birra a 3 euro, cocktail a 3,5 euro, shot a 2 e vino a un euro.

IL SERVIZIO D’ORDINE
Fiumi di alcol, quindi, fino a notte fonda, tanto che dopo le 3 di notte numerosi ragazzi (non solo universitari) sono stati colti da malori. Per accedere alla festa era stato piazzato un banchetto all’ingresso, dove, il servizio d’ordine, pretendeva il pagamento di un biglietto di 2 euro. Oltre mille le persone che hanno risposto all’appello, lanciato da settimane sui social, e promosso con striscioni e graffiti abusivi realizzati anche nella zona di San Lorenzo. Due i palchi allestiti in occasione di questa Notte Bianca: uno davanti alla facoltà di Lettere (per la musica hip hop e rap); un altro davanti a Chimica, con djset iniziato alle 22 (spazio alla musica techno).

FOTO di

(tutte le fotografie, cliccando il link sotto riportato)

Presenti stand e banchetti per la vendita di prodotti di vario genere. L’edizione di quest’anno aveva come sottotitolo Smascheriamo l’università di carta: «Perché è la carta hanno sostenuto gli antagonisti – l’elemento costitutivo di questo modello di università. Sia essa carta moneta, scartoffie da cercare nei gironi infernali della burocrazia o il pezzo di carta che tutti rincorriamo nel percorso di studio». E il riferimento è anche al documento varato a inizio anno dal rettorato d’intesa con i rappresentanti degli studenti volto a stabilire regole precise per gli eventi ludici dentro l’ateneo: un regolamento che stabilisce un preciso iter da seguire per poter organizzare feste di questo tipo. E che, in questo caso, è stato apertamente violato.
Sorgente: Roma, alla Sapienza fiumi di alcol e malori: un altro party proibito all’università

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.