Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

G7, Conte entra in scena: «Di Maio e Salvini? Sono io che indirizzo la politica»

Il primo ministro alla conferenza stampa al termine dell’incontro: «Bilancio molto positivo per l’Italia. Italia lavora per rimuovere le sanzioni ai russi»

di Marco Galluzzo, inviato a Charlevoix

CHARLEVOIX – «Si è mosso con una certa disinvoltura, giocando su più fronti: spiazzando gli alleati tradizionali europei, ingenerando curiosità, l’ammirazione del presidente americano, un pizzico di confusione nel suo stesso staff, che ha dovuto fare gli straordinari per trovare 15 minuti liberi per il bilaterale con il capo della Casa Bianca. Ma alla fine è lui stesso a dirsi più che soddisfatto, riassumendo così l’esordio internazionale: «Il bilancio è positivo, Trump ha espresso grande entusiasmo nei nostri confronti, la nostra relazione con Washington è strategica, ma siamo e restiamo ancorati al sistema europeo, così come nel Patto atlantico, e le due cose non sono in contraddizione, andare in conflitto con gli alleati europei è una paura che non esiste». Alla fine del vertice in Canada il presidente del Consiglio rassicura e tira le somme. Aggiunge con orgoglio di essere stato invitato alla Casa Bianca («Ti accoglierò con tutti gli onori», gli ha promesso enfaticamente Trump), e più o meno negli istanti è lo stesso presidente americano a twittare in modo scoppiettante che gli «italiani hanno scelto la persona giusta, che farà un ottimo lavoro, a great guy». Il G7 di Giuseppe Conte, forse uno dei più movimentati e difficili degli ultimi anni, per lunghi tratti a rischio di fallimento, è stato, oltre che una prima sulla ribalta internazionale, un mix di prudenza e fughe in avanti, moderazione e insieme ricerca ostentata di un asse con Trump, anche a costo di rischiare di incrinare il fronte europeo. «Il mio primo obiettivo — conferma il premier prima di rientrare a Roma — era quello di costruire una relazione privilegiata».

Sembra esserci riuscito in pieno: «E ho imparato che abbiamo ragione di essere orgogliosi del nostro Paese e che le relazioni personali, schiette, dirette, possono contribuire a risolvere molti problemi». Forse anche quelli di casa propria, visto che in conferenza stampa si discute della sua autonomia, in seno al governo che presiede: «Ho ottimi rapporti con Di Maio, come con Salvini, ma io mi assumo la piena responsabilità di guidare questo governo e indirizzarne la politica». Tocca anche il tema degli sbarchi e la polemica sul ruolo delle Ong: «L’esecutivo non ce l’ha con le organizzazioni non governative, non ritiene che siano il problema. Ma di sicuro, e l’ho fatto anche qui, l’immigrazione è in cima alla mia agenda e andrò a Bruxelles, al Consiglio europeo di fine mese, invertendo lo schema cui siamo abituati: saremo noi a valutare gli altri, non il contrario, e lo faremo chiedendo nuove regole, ma non per avere maggiori finanziamenti, ma per fare passare il principio che il fenomeno va affrontato con un’assunzione di responsabilità collettiva, con una gestione collettiva». Mentre a proposito delle prime misure economiche, visto che la settimana prossima si dovrebbe tenere il primo vertice del governo, «non mi sento di anticipare da dove partiremo, affronteremo con i ministri dell’area economica ed europea tutte le questioni più urgenti e mi sento di elaborare con loro una proposta da condividere al più presto».

Se l’invito alla Casa Bianca è un risultato raggiunto, per quanto riguarda i rapporti con la Russia affiorano dei retroscena sui lavori della prima notte del vertice, sembra che lo stesso Trump abbia alzato la voce contro la Merkel e Macron: «Ha ragione Giuseppe, ha cento volte ragione, senza Putin siamo tutti più deboli, contiamo tutti di meno». Resta un interrogativo di fondo, ovvero l’interesse ultimo di stabilire un asse ulteriore con Trump, quando da decenni l’Italia è parte di un’alleanza che lega indissolubilmente Roma e Washington. E questo mentre l’intelligence americana, notizia di ieri, si dice convinta che «Putin sta cercando di spaccare l’Alleanza atlantica».

Di sicuro Conte, che domani a Palazzo Chigi avrà un incontro con il segretario generale della Nato, ha tenuto il punto: «Sulla Russia — chiosa — la nostra posizione è molto chiara, il meccanismo delle sanzioni c’è e noi lavoriamo perché sia rimosso, riteniamo la Russia un Paese che ha un ruolo cruciale in tante crisi internazionali, nell’attuale contesto geopolitico recita un ruolo fondamentale e non possiamo prescindere da un dialogo con la Russia. Il formato del G8 può tornare quello di una volta, così come si può discutere di modificare il sistema delle sanzioni. Avere la Russia isolata non conviene a nessuno». Infine, un’ulteriore rassicurazione, dopo il colloquio a quattr’occhi con il direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, Christine Lagarde: «Abbiamo parlato dei conti pubblici italiani e mi ha riferito che non c’è alcuna preoccupazione nei confronti dell’Italia».

Sorgente: Corriere della Sera

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

adwersing