Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

World Password Day, 10 consigli per proteggere le tue email – Repubblica.it

Dai password manager alle parole sufficientemente complesse fino alle procedure a due fattori e alle debolezze personali: una guida evergreen per difendere profili e dispositivi

di SIMONE COSIMI

IL WORLD Password Day ‘torna’ per ricordarci che, come sempre, c’è molto da fare per aumentare il livello di sicurezza dei nostri account e dei nostri dispositivi. Anche nel 2017, per esempio, ha vinto l’immarcescibile “123456” o con la strepitosa variante “12345678”). Le procedure in due passaggi hanno migliorato la situazione ma spesso comportano lungaggini e, tranne in certi casi delicati (profili bancari), gli utenti faticano a sposarli. E si affidano alle date di nascita o ad altre trovate come “password”, qwerty” o “passw0rd”.

I cyberattacchi e i furti d’identità si fanno sempre più sofisticati, spesso alimentano vere e proprie ondate periodiche, e furti clamorosi – come quello a cavallo del 2017 e 2018 – compromettono milioni di password, indirizzi email, username e altri estremi. Senza contare i punti deboli del cosiddetto “wetware”, il lato umido del nostro rapporto con la tecnologia, cioè noi stessi, che tendiamo appunto per pigrizia o ignoranza ad affidarci a password sempre uguali o di poco diverse, oltre che poco fantasiose, per numerosi servizi.

Per questo Avast ha rilasciato una guida contenente una serie di suggerimenti basilari, sempre utili da seguire e che pure dopo molti anni occorre continuare a ripetere. Il primo, per riallacciarsi a ciò che si diceva, è legato alla varietà: bisogna dare a ogni account (che sia l’accesso allo smartphone o a Facebook) una password unica. In questo caso il riciclo non è benvenuto. Ogni stringa dovrebbe inoltre essere sufficientemente complessa e “forte”, cioè difficile da comporre automaticamente con numeri, lettere maiuscole, se possibile caratteri speciali e combinazioni non lineari.

Importante anche l’uso di un password manager, come l’ottimo (ma a pagamento) Dashlane o lo stesso Avast Password Manager, per gestire questo caos: si ricorderà per voi delle password più complicate e spesso, se sono gratuiti, offrono altri servizi nelle versioni premium. Quarto punto, bisogna attivarsi per tempo quando si sentono notizie su breach, buchi e furti di password per modificare quelle più semplici o vulnerabili. Senza aspettare.

Ancora, l’invito è a usare procedure a due fattori di autenticazione, per esempio con token o codici via sms, quando possibile, sfruttare una Vpn(Virtual private network) specialmente sulle Wi-Fi pubbliche e aperte e poi assumere degli atteggiamenti intelligenti come non scrivere né passare via chat le password, selezionare opzioni e domande di recupero difficili

da indovinare e a cui solo l’utente possa rispondere. Un ottimo consiglio è anche quello di farsi “evangelizzatori”, cioè sensibilizzare amici e famiglia sui rischi della cybersicurezza. Un buon antivirus è infine un grande classico che molti ancora ignorano.

Sorgente: World Password Day, 10 consigli per proteggere le tue email – Repubblica.it

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *