Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Velisti dispersi. Mappa dell’ultimo contatto, la speranza è che si trovino sulla zattera – Rai News

La nave Alpino sta operando in queste ore nella zona dell’ultimo contatto con i due velisti italiani e proseguirà le ricerche fino a domani. La moglie di Aldo Revello fa sapere, intanto, che il dispositivo d’allarme del “Bright”, l’epirb, “non si aziona a contatto con l’acqua, ma manualmente. Questo significa che Aldo e Antonio hanno avuto il tempo di scendere sotto coperta e poi risalire per lanciare in mare la zattera di salvataggio”. In base a questo dettaglio, “se prima ero sicura al 90% che fossero su una zattera, adesso lo sono al 100%”

07 maggio 2018

La nave Alpino sta operando in queste ore nella zona dell’ultimo segnale della barca a vela “Bright” e proseguirà le ricerche fino a domani. La fregata italiana, ha spiegato l’ammiraglio Donato Marzano, comandante in capo della Squadra navale della Marina, sarà coordinata dal Portogallo. Da stasera ci sarà anche una nave portoghese ad affiancarla nelle ricerche. I due velisti italiani erano partiti da Martinica il 7 aprile e, dopo uno scalo intermedio alle isole Azzorre, avevano ripreso la navigazione il 28 aprile, diretti a Gibilterra.A dare notizia della perdita dei contatti con l’imbarcazione è un amico dei due navigatori, il giornalista Andrea Riscassi, che fornisce su Facebook le coordinate (37-35′ N, 17-57′ W) dell’ultimo segnale inviato dall’Epirb, trasmettitore di emergenza di bordo, che si interfaccia con il sistema satellitare COSPAS-SARSAT. Lo strumento avrebbe trasmesso “per un solo ciclo e poi più nulla”.Più che un incidente dovuto al maltempo, “il meteo era buono – dice Rosa Cilano, moglie dello skipper Aldo Revello – con onda di uno, due metri e vento di 15-20 nodi a traverso”, c’è anche l’ipotesi che l’imbarcazione possa aver urtato un ostacolo semi-sommerso (come un container caduto da una nave cargo) e che i due possano quindi trovarsi sulla zattera di salvataggio: “loro sono certamente su questa zattera, perché anche se prendi un container, hai tutto il tempo di riuscire a tirar giù la zattera, oltretutto essendo stata (riposta) in un posto accessibilissimo”.”La speranza – ha osservato l’ammiraglio Marzano – è che i due naufraghi si trovino sul canotto gonfiabile, su quale potrebbero resistere per 5-6 giorni”.”C’è la possibilità che non siano nella zona in cui sono stati cercati o per lo meno non sappiamo se sono stati cercati in quella zona in cui noi presupponiamo”. Il velista Giovanni Soldini, prosegue Rosa Cilano, estenderebbe la zona di ricerca di altre 40 miglia considerato che la zattera, spinta da “un po’ di vento e di corrente”, può percorrere parecchie miglia.

Sorgente: Velisti dispersi. Mappa dell’ultimo contatto, la speranza è che si trovino sulla zattera – Photogallery – Rai News

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.