Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Prima Pagina – Il Manifesto e i primi articoli online

Si rivota, probabilmente in piena estate. Con un drammatico appello a sostenere un governo «neutrale» fino a dicembre, Mattarella dichiara fallimento e indica tre scadenze per le urne. Di Maio e Salvini chiamano gli elettori al «ballottaggio», per farsi un governo su misura

Il Colle ci prova: obiettivo dicembre

Andrea Fabozzi

Mattarella costretto a proporre soluzioni inedite e quasi spericolate. Offre un governo “di garanzia” a termine e chiede di evitare il doppio rischio di un voto anticipato in “piena estate” o in autunno che però metterebbe a rischio la legge di bilancio.

Scuola

Fermiamo la trasformazione della scuola in impresa

***

La scuola ha bisogno di un arricchimento dei programmi disciplinari, di una loro più avanzata e originale cooperazione, di nuovi rapporti tra docenti e alunni. Forze politiche, cittadini e intellettuali dicano un no definitivo a questi ciechi legislatori, che vogliono la scuola come un gigantesco apprendistato senza anima e senza futuro

Martelloni: «Per tutelare i diritti dei riders bisogna prima ascoltare i lavoratori»

Roberto Ciccarelli

Il commento alle motivazioni della sentenza di Torino sui riders di Foodora. Parla Federico Martelloni, tra i principali esperti italiani di lavoro parasubordinato e consigliere comunale per “Coalizione Civica” a Bologna, il primo comune ad avere adottato una “carta dei diritti dei lavoratori digitali” dopo una negoziazione con la “Riders Union Bologna”

De Stefano: «La sentenza sui rider Foodora sottovaluta il potere dell’algoritmo»

Roberto Ciccarelli

Il commento alle motivazioni della sentenza di Torino sui riders di Foodora. Parla il giurista Valerio De Stefano, tra i massimi esperti europei di “Gig economy”, docente all’università di Lovanio: “Abbiamo bisogno di un’idea nuova di subordinazione adattata ai tempi che faccia a meno del requisito della continuità per definire chi ha accesso alle tutele del lavoro”

Nasrallah: «Una vittoria morale e politica per la resistenza‎»

Michele Giorgio

Il movimento sciita e i suoi alleati hanno conquistato la maggioranza in Parlamento. Crollo di Mustaqbal, il partito del premier sunnita Hariri. La vittoria di Hezbollah letta come un successo del suo sponsor Iran e Israele già lancia nuovi avvertimenti

Cultura

La vita tra le pieghe di una stoffa

Anna Maria Merlo

«La Boutique» di Eliana Bouchard, per Bollati Boringhieri. L’autrice sarà presente al Salone Off, domenica 13 maggio, in dialogo con Rocco Moliterni alla Galleria Umberto I

Immaginando le voci degli altri

Isabella Mattazzi

Quest’anno al Lingotto, il paese ospite sarà la Francia. Un gioco delle domande per presentare i suoi autori e la sua letteratura. Fra gli ospiti, Volodine, de Kerangal, Morin

Visioni

Addio Ermanno Olmi, ha dato voce agli umili

Silvana Silvestri

Morto a 86 anni il maestro bergamasco. Una lunga carriera segnata da titoli dolenti e toccanti, con «L’albero degli zoccoli» conquista la Palma d’Oro a Cannes, l’ultimo film «Torneranno i prati»

Mi Ami, l’importante è suonare

Redazione

Presentata la quattordicesima edizione della kermesse milanese: Cosmo, Ex-Otago e la reunion dei Prozac+ tra gli appuntamenti

Il pidocchioso prezzo del silenzio

Mariangela Mianiti

Trump ha dato a Stormy Daniels 130.000 dollari affinché non raccontasse che nel lontano 2006 avevano avuto una relazione. Vista la posta in gioco, l’elezione a presidente degli Usa, e considerato che nella puritana America una relazione, da sposati, con un’attrice del porno può affondare carriere politiche, il compenso è davvero risibile

L’Italietta che glorifica Netanyahu

Moni Ovadia

Ospitare le tappe del Giro è l’ultimo strumento di abbagliamento mediatico di una propaganda mirante a dissolvere l’identità palestinese, a negarne la titolarità, a farne dimenticare l’interminabile tragedia di cui è vittima dietro alla cortina fumogena della mitografia sionista

Rubriche

Scuola (o delle emozioni per imparare)

Alberto Leiss

Il progetto delll’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini di Salerno fatto di «percorsi educativi per l’affermazione di un cultura di genere con piena cittadinanza delle differenze e contro ogni forma di violenza e discriminazione»

Viviani guida la carovana nel deserto

Tommaso Nencioni

Prima della partenza per l’Italia il Giro va in Negev, prigione senza confini come la descriveva De André i cui «inutili frammenti», i beduini palestinesi, sono in subbuglio

Sorgente: Prima Pagina – Il Manifesto | Giornalone

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.