Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Perché non si può uscire dall’euro e cancellare il debito italiano

Roma, 16 mag. (askanews) – Finora il barometro dei mercati finanziari era oscillato tra il sereno e il variabile. Dopo la bozza del contratto tra lega e M5s ha virato drasticamente su burrasca. Anche se superata, per i mercati finanziari è un campanello d’allarme e la percezione sul rischio Italia torna ad ampliarsi. E ipotizzare l’uscita dall’euro o, peggio ancora, operazioni straordinarie sul debito pubblico del Belpaese potrebbe rivelarsi un elevato prezzo politico alla luce del negoziato in corso tra i partner della moneta unica sulla riforma dell’Eurozona che non sembra destinato al successo.

L’uscita dall’euro è formalmente irrealizzabile. Ma è ancor meno praticabile la cancellazione anche parziale del debito pubblico italiano che figura nell’attivo della Bce per effetto del quantitative easing. Lo statuto dell’Eurosistema vieta esplicitamente che le banche centrali possano finanziare i debiti pubblici. Dunque servirebbe una modifica del trattato istitutivo della Bce che deve avvenire all’unanimità.

Da tempo alcuni economisti con simpatie per la Lega e per il M5s si esercitano su proposte per ridurre il debito pubblico in via straordinaria: dalla cancellazione del debito detenuto dalla Bce a gigantesche operazioni di swap (conversione) dei titoli di Stato nel portafoglio dell’Eurotower. Tutto ciò senza effetti sugli asset finanziari italiani, almeno fino ad oggi. Esercizi e ipotesi che, inoltre, appaiono fuori contesto rispetto al dibattito sulla riforma dell’Eurozona che non riesce ad uscire dallo stallo. Un folto gruppo di membri del club dell’euro è schierato a favore di un irrigidimento dei vincoli per dare il via libera all’assicurazione europea sui depositi bancari. Sul piano pratico, un’eventuale uscita dall’euro non pone solo questioni politiche ed economiche. C’è un’altra dimensione ed è quella tecnica, di straordinaria complessità e con molte incognite. L’architettura istituzionale dell’Unione Monetaria naturalmente non prevede una procedura di uscita dall’euro, per cui è molto difficile ipotizzare quali problematiche dovrebbero essere affrontate.

Alcuni numeri possono tuttavia fotografare la complessità della questione. Per quanto riguarda il debito pubblico, la Bce è diventato il primo creditore dell’Italia. Nell’attivo del bilancio dell’Eurotower figurano (a fine aprile) circa 350 miliardi di euro in titoli di Stato per effetto del QE. Di questi l’80% è stato acquistato dalla banca d’Italia e il restante 20% dalle altre banche centrali. Le banche italiane invece da qualche mese hanno alleggerito l’esposizione su Bot e Btp che a fine 2017 ammontava a circa 300 miliardi, una quarantina in meno rispetto a ottobre. A differenza di molti Paesi che hanno affrontato gravi crisi finanziarie, il debito pubblico italiano è in larga parte detenuto dai residenti. Solo il 30% del debito è nei portafogli di residenti esteri. Dalla nascita dell’euro, la sola operazione straordinaria sul debito pubblico è stata l’haircut sul 30% del debito della Grecia nel 2011. Un taglio da circa 100 miliardi di euro ma che è stato sopportato interamente dagli investitori privati.

L’idea di chiedere alla Bce la cancellazione di una quota di debito pubblico dell’Italia è semplicemente ‘vietata da tutto, vietata dai Trattati europei, vietata dallo statuto della Bce’. E certe ipotesi, avverte Franco Bruni, ordinario di politica monetaria all’Università Bocconi, rischiano che l’Italia si ritrovi a dover chiedere assistenza al fondo anticrisi europeo, l’Esm, passo che comporterebbe l’arrivo della Troika e un programma che con ogni probabilità imporrebbe una versione molto più ‘severa’ della riforma Fornero sulle pensioni. Non certo la sua abolizione.

“Certo – aggiunge – un Paese può sempre rinnegare il suo debito, ma poi chiude bottega perché non ci sono più soldi che entrano o escono. Andando avanti così rischiamo di dover chiedere aiuti all’Esm, che dopo aver esaminato la nostra posizione può concedere dei fondi ma in cambio di prescrizioni come quelle chieste alle Grecia. “La Troika arriverebbe a Roma e passerebbe l’elenco delle cose da fare direttamente al Parlamento. E credo – conclude l’economista – che ci ritroveremmo una versione della Fornero un po’ più severa”.

Oltre alle implicazioni squisitamente politiche ed economiche, lasciare l’euro comporta una complessa riorganizzazione del sistema monetario. La prima questione si chiama Target2, il sistema dei pagamenti dell’area euro. L’Italia ha una posizione netta negativa di 442 miliardi di euro a fine marzo, secondo i dati Bce. Il saldo della Banca d’Italia indica la creazione di monmeta finita in altri paesi dell’Eurozona. Non si tratta di un debito che l’istituto di via Nazionale dovrà saldare, almeno finché è parte dell’Eurosistema. Il presidente della Bce nell’autunno scorso ha risposto a una lettera inviata da due europarlamentari del M5s in merito alla posizione netta dell’Italia su Target2. ‘Se un Paese lasciasse l’Eurosistema, i crediti e le passività della sua banca centrale nazionale nei confronti della Bce dovrebbero essere regolati integralmente, la risposta di Mario Draghi. Ma sul come nemmeno il numero uno della Bce può dare indicazioni.

Grazie al sistema Target2 ogni giorno vengono assicurati circa 350mila pagamenti all’interno dell’area euro per un controvalore intorno ai 2mila miliardi di euro, praticamente in una settimana viene scambiato un controvalore superiore al Pil dell’intera Eurozona. Target2 non è utilizzabile per valute diverse dall’euro. Un paese che uscisse dall’euro non potrebbe utilizzare questa infrastruttura vitale ala sistema dei pagamenti.

Come ha rilevato in uno studio dell’autunno scorso il professore della Luiss Franco Passacantando, abbandonare Target2 significa rendere più complicato e più costoso effettuare transazioni con il resto dell’Europa e accedere ai mercati finanziari e valutari internazionali, che ‘sono fondamentali per un’economia con un alto debito come quella italiana e fortemente legata all’export’. Il rischio è che una volta perso l’accesso diretto a questi mercati ‘si venga relegati al ruolo di paese di secondo livello per un periodo di tempo che andrebbe ben oltre quello della transizione a una nuova moneta’.

I problemi tecnici riguardano anche la moneta fisica. Il circolante in Italia è composto da 3,6 miliardi di banconote per un controvalore che sfiora i 200 miliardi di euro. Creare una nuova moneta e un nuovo sistema di pagamenti richiederebbero tempi molto lunghi ma soprattutto difficoltà e rischio di disordine finanziario che nessuno può prevedere.

Sorgente: Perché non si può uscire dall’euro e cancellare il debito italiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

One Comment

  1. E voi sareste la nuova resistenza?

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *