Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

.

Milano, corteo anarchico contro Eni. Cinque denunciati: avevano bastoni in auto – Il Fatto Quotidiano

Bruciava ancora il ricordo del 1 maggio di tre anni fa quando i black block scatenarono una guerriglia urbana, ma oggi non si sono registrati incidenti o scontri ma solo diverse scritte su saracinesche di esercizi commerciali e bancomat e la denuncia per cinque manifestanti

Si temeva che potesse accadare di nuovo: Milano messa a ferro e fuoco dai black block. Come accaduto tre anni fa il 1 maggio,quando i No Expo, in occasione dell’inaugurazione dell’Esposizione Universale scatenarono una guerriglia urbana. Invece, nulla di tutto questo è avvenuto: cinque anarchici dell’ala ‘dura’ fermati in auto con 27 bastoni di legno, 10 spranghe e un coltello denunciati, tre fumogeni e qualche scritta a imbrattare muri, vetrine e saracinesche.

Sono state circa 300 le persone che hanno sfilato in corteo per protestare contro l’Eni e le multinazionali, definite “assassine” per la loro politica di “sfruttamento” e di “neocolonialismo”, soprattutto in Africa. “Non so bene che cosa stiano contestando – ha commentato l’ad di Eni Claudio Descalzi -. Noi stiamo investendo molto, fino a 1,2 miliardi nelle fonti rinnovabili. Probabilmente le contestazioni milanesi sono molto più ampie e vanno contro un certo sistema che riguarda le multinazionali che ha anche aspetti che possono essere criticati”.

La manifestazione ha preso il via, in ritardo rispetto agli annunci, attorno alle 16, in una piazza Duca d’Aosta blindata dalle forze dell’ordine in tenuta antisommossa, con il lancio di un fumogeno. In testa al serpentone lo striscione-slogan con raffigurato il ‘cane a sei zampe’ decapitato e la scritta ‘attacchiamo i padroni e le loro guerre’. Prima però i discorsi ‘politici’, con uno dei leader degli antagonisti arrivati da varie regioni d’Italia e oltreconfine, che ha spiegato che quella andata in scena nel pomeriggio “è la prima iniziativa che vuole rompere il silenzio sulle pratiche di sfruttamento e rapina che Eni e il governo italiano hanno organizzato in tanti paesi de mondo, ma soprattutto in Africa”.

Poi, oltre ad accusare il gruppo petrolifero e le multinazionali di essere “sporchi assassini, con i vostri giacimenti che grondano di sangue”, il portavoce del movimento ha aggiunto: “Oggi è un corteo modesto, siamo meno di quanti vorremmo ma molti di più di quanti vorrebbero loro”. Tutto questo manifestando il disprezzo per le forze dell’ordine e la stampa, definendo i giornalisti “servi del sistema’ e intimando loro di stare il più lontano possibile dal corteo.
Corteo che si è snodato lungo un percorso presidiato da 550 tra uomini di Polizia, Esercito, Carabinieri e Polizia Locale, elicottero in cielo, passando per via Galvani, via Pola, piazzale Lagosta, via Farini per concludersi in via Imbonati. Durante la manifestazione un paio di fumogeni, giovani ragazzine in nero e incappucciate tipo black bloc che imbrattavano muri, vetrine e saracinesche, chiedendo ai cronisti di non fotografarle. E poi un fashion blogger cinese con modello e modella a caccia di uno scatto ‘alternativò e molti curiosi fermi sui marciapiedi, affacciati alle finestre dei palazzi intenti a scattare foto. Alla fine nessun momento di tensione, ma solo molti commercianti della zona, costretti a chiudere i loro negozi, imbufaliti per aver perso un pomeriggio di incassi, uno spicchio della città bloccato, nessun tafferuglio e cinque anarchici denunciati per aver tentato di presentarsi all’appuntamento con 37 tra spranghe e bastoni e un coltello.

Lungo il percorso il Comune di Milano e la polizia locale avevano fatto rimuovere le auto in sosta, chiuso diverse strade, spostato i cestini dei rifiuti e isolato le zone e i punti sensibili che avrebbero potuto essere essere presi di mira come un’area di servizio Eni che era praticamente circondata dagli agenti. Gli organizzatori al megafono hanno chiesto, poco prima dell’inizio della manifestazione, di “tenere lontano i giornalisti”. Prima della partenza del corteo alcuni rappresentanti dei movimenti antagonisti hanno preso la parola. Uno, proveniente dal Veneto, ha spiegato che questa “è la prima manifestazione che vuole rompere il silenzio sulla pratiche di sfruttamento e di rapina che in tanti Paesi del mondo e soprattutto in Africa Eni e il governo italiano hanno organizzato. Quello di oggi è un corteo modesto – ha proseguito – siamo meno di quanti vorremmo essere ma molti di più di quanto vorrebbero loro”.

Sorgente: Milano, corteo anarchico contro Eni. Cinque denunciati: avevano bastoni in auto – Il Fatto Quotidiano

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.