Pages Navigation Menu

il contenitore dell'informazione e della controinformazione

Indonesia, attentati Isis con esplosivo nelle chiese: 10 morti e 41 feriti, kamikaze donna si fa saltare con i due figli in braccio

Dieci morti e 41 feriti. Questo il bilancio provvisorio di tre attentati dinamitardi compiuti in altrettante chiese a Surabaya, città portuale dell’ Indonesia. A riferirlo la polizia che ritiene gli autori un gruppo legato all’Isis.

Il portavoce dell’Agenzia di intelligence nazionale, Wawan Purwanto, ha raccontato a Metro Tv che «avevano programmato di attaccare gli obiettivi della polizia l’11 maggio, ma poiché eravamo pronti, hanno scelto obiettivi alternativi». Frans Barung Mangara, portavoce della polizia, ha detto che la prima esplosione è avvenuta nella chiesa cattolica di Santa Maria in un presunto attentato suicida intorno alle 7.15-7.30 .A seguire poi le esplosioni in una chiesa pentecostale e in una chiesa protestante con intervalli di 5 minuti. Gli attentati sono avvenuti quattro giorni dopo che i detenuti hanno ucciso cinque poliziotti durante una rivolta in un centro di detenzione della polizia vicino a Giacarta. L’ Indonesia è il più grande paese a maggioranza musulmana del mondo, ed è colpita dai attacchi di militanti islamici dal 2000.

Uno degli attentatori suicida nel triplice attacco contro chiese cristiana questa mattina a Surabaya era una donna velata che si è fatta saltare in aria assieme ai suoi due figli piccoli. Lo ha riferito la polizia indonesiana ai media. Il coinvolgimento di una seconda donna in un’altra delle tre esplosioni, riportato da testimoni, non è ancora stato confermato dalle autorità. In un video delle telecamere di sicurezza, si vede inoltre un altro attentatore entrare nel cortile di una chiesa a bordo di un motorino, facendosi esplodere non appena passato il cancello.

Sorgente: Indonesia, attentati Isis con esplosivo nelle chiese: 10 morti e 41 feriti, kamikaze donna si fa saltare con i due figli in braccio

Spread the love
  •  
  •   
  •   
  •   
  •   
  •  
  •  
468 ad
< >

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *